Cronaca
16 Maggio 2024
La Corte d'Assise del tribunale di Ferrara ha condannato la 31enne ferrarese Amanda Guidi. I suoi legali difensori promettono battaglia in Appello: "Alcuni dubbi da chiarire, a partire dalla volontarietà dell'azione omicidiaria"

Soffocò il figlioletto di un anno. Ventidue anni per la mamma

di Davide Soattin | 4 min

Leggi anche

Confessa in classe a 13 anni che il genitore abusa di lei

“Tu sei mia figlia e faccio quello che voglio”. È una delle frasi shock riferite da una ragazzina di 13 anni in classe. La classe che frequenta la tredicenne stava affrontando una lezione di educazione sessuale. Nel corso di quest'ora la giovane avrebbe detto a voce alta, di fronte a docenti e compagni, che il genitore le rivolgeva frasi e attenzioni particolari

Umiliava due persone disabili che doveva accudire

Un uomo di 42 anni è a processo per violenza privata aggravata nei confronti di due persone con disabilità a livello psichico e fisico, ospitate nella struttura socio-riabilitativa in cui lui - all'epoca dei fatti - lavorava come operatore socio-sanitario

Braccianti agricoli morti. Salvi: “Increduli. Alle famiglie tutto il nostro supporto”

Si chiamavano Muhammad Shahbaz (35 anni) e Ali Babar (39 anni) le due persone di nazionalità pachistana che, nel pomeriggio di lunedì 17 giugno, hanno perso la vita nel tragico incidente stradale mentre si trovavano, insieme ad altre cinque persone rimaste ferite, a bordo della Opel Zafira che è uscita autonomamente di strada, finendo nel canale che scorre a lato della strada provinciale San Carlo Trava, pochi chilometri prima del centro abitato di Portoverrara

Strappa la catenina sull’autobus a una 85enne, arrestato

L'avrebbe avvicinata pochi minuti prima della sua fermata e, quando l'autista ha aperto le porte del bus, le avrebbe velocemente strappato la catenina con crocifisso in oro che portava al collo, tentando senza successo di fuggire via a piedi

Arriva una condanna per Amanda Guidi, la 31enne ferrarese accusata di omicidio volontario aggravato per aver soffocato e ucciso, nella nottata del 17 giugno 2021, all’interno della loro casa di via degli Ostaggi, il figlioletto di appena un anno che stava dormendo nel letto insieme a lei.

La Corte d’Assise del tribunale di Ferrara infatti, presieduta dal giudice Piera Tassoni, concedendole le attenuanti generiche, le ha inflitto ventidue anni di pena – uno in più rispetto a quanto chiesto dalla Procura – che sconterà nella struttura in cui è oggi ricoverata.

La donna è stata inoltre interdetta a vita dai pubblici uffici e sospesa, per tutta la durata della pena da scontare, dalla responsabilità genitoriale. Dovrà inoltre versare una provvisionale di 30mila euro al suo ex compagno e padre del bambino, costituitosi parte civile tramite l’avvocato Alessandro Gabellone.

La sentenza è arrivata nel primo pomeriggio di giovedì 16 maggio.

In aula, durante la propria requisitoria, affrontando i temi già indagati nella perizia dello psichiatra Renato Ariatti e dello psicologo Marco Samory, il pm Ciro Alberto Savino ha illustrato i motivi per cui l’imputata avrebbe dovuto rispondere di quanto accaduto.

Secondo il pubblico ministero infatti, relativamente alle difficoltà nel ricordare agli inquirenti il modo in cui è avvenuta la morte del piccolo, la donna avrebbe “mentito e simulato” poiché “lucida, consapevole, capace di intendere il proprio agire e di volere, anche se comunque portatrice di un disturbo”.

Il pm Savino non ha mancato poi di sottolineare l’uso di alcool e cocaina da parte dell’imputata nel momento dell’omicidio e negli otto mesi precedenti, tanto da arrivare a “imbottiretramite l’allattamento anche il figlioletto, come evidenziato dagli esami autoptici eseguiti per far luce sulle cause della morte.

“Una tragedia incomprensibile, una tragedia umana totale che trova radici in una storia umana e personale pazzesca” ha definito, invece, quanto accaduto, l’avvocato Marcello Rambaldi, difensore della donna insieme al collega Alessio Lambertini.

La difesa ha chiesto ai giudici di valutare il vissuto della donna – costellato anche di plurimi tentativi di suicidio – e posto dubbi sulla effettiva volontarietà del soffocamento: non erano presenti lesioni visibili esteriormente e lei si era lamentata con la madre che non riusciva a dormire perché il bimbo piangeva sempre.

“La mia assistita – ha proseguito Rambaldi – è una persona psichiatrica affetta da un grave disturbo borderline, una persona ammalata per cui occorre un trattamento. Ha vissuto una vita drammatica che ha avuto come risultato una patologia grave, tant’è che da quel giorno non è mai stata in carcere, ma sempre in una struttura psichiatrica”.

I fatti al centro del procedimento risalgono al 17 giugno 2021 quando, intorno alle 6 del mattino, la donna aveva allertato i carabinieri perché andassero nella sua casa, in via degli Ostaggi, dove una volta arrivati sul posto, i militari la trovarono in stato di shock e sanguinante.

Per la disperazione, infatti, si era da poco tagliata i polsi e agli uomini dell’Arma aveva ripetuto di aver ucciso lei il suo bambino e di volerla fare finita. Il piccolo si trovava sdraiato nel lettone dove aveva passato la notte insieme alla madre, immobile.

I sanitari del 118 provarono a rianimarlo per quasi 45 minuti, ma non ci riuscirono.

In casa con loro c’erano anche gli altri due figli, di 5 e 9 anni, che vennero poi affidati alla nonna, accorsa in via degli Ostaggi dopo essere stata avvisata con un messaggio via WhatsApp.

Poco prima, la donna – con un passato problematico con l’uso di stupefacenti e che i vicini raccontarono fosse parecchio agitata anche nei giorni precedenti – aveva cercato di aggredire i carabinieri, che con molta difficoltà e con l’aiuto dei colleghi della polizia di Stato riuscirono a bloccarla e accompagnarla all’ospedale di Cona per le medicazioni e l’assistenza psicologica del caso.

Il padre, un 38enne tunisino che da circa un mese aveva lasciato la casa familiare dopo alcune incomprensioni con la compagna, arrivò quando già il 118 aveva constatato che per il bimbo non c’era nulla da fare. Furono i carabinieri a informarlo della morte del figlio.

Nei mesi successivi al tragico fatto, poi, l’autopsia disposta dal pm di turno sul corpo del bambino aveva constatato come il decesso del piccolo fosse avvenuto per soffocamento da mezzo soffice, con la madre che sin dal primo momento era risultata essere la sola e unica indagata per il tragico evento.

“Siamo curiosi di conoscere le motivazioni della sentenza – hanno affermato Rambaldi e Lambertini all’uscita dall’aula – ma già da ora possiamo dire che faremo sicuramente appello. Alla Corte oggi abbiamo provato a proporre una valutazione dei fatti che potesse tenere conto della personalità e della storia della nostra assistita, oltre che della perizia psichiatrica sul suo conto. Siamo solo al primo di tre gradi di giudizio e già in Appello ci saranno alcuni dubbi che vogliamo chiarire, a partire dalla volontarietà dell’azione omicidiaria“.

Le motivazioni della sentenza sono attese entro 90 giorni.

 

 

 

 

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com