Comacchio
20 Aprile 2024
L'operazione 'Casinò' arriva in tribunale e vede imputato un 49enne napoletano. La donna era caduta nella spirale del gioco d'azzardo: subì minacce di morte insieme ai suoi cari

“Dammi 60mila euro o violento te e tua figlia”. Strozzino a processo per estorsione e droga

di Davide Soattin | 2 min

Leggi anche

Arrivarono al Big Town con droga e soldi nell’auto

Droga e soldi. È quanto i carabinieri avevano trovato, lo scorso 1° settembre, all'interno della Bmw nera con cui il 42enne Davide Buzzi e il 21enne Lorenzo Piccinini, entrambi senza patente di guida, erano arrivati davanti al bar Big Town di via Bologna con l'intento di chiedere il pizzo a Mauro Di Gaetano, proprietario del locale, prima che quest'ultimo, insieme al padre Giuseppe Di Gaetano, reagisse violentemente alla loro minaccia, uccidendo il primo e ferendo gravemente il secondo

Il runner del lockdown ha scelto il suicidio assistito in Svizzera

“Vi auguro una buona vita, pensatemi ogni tanto, non dimenticatemi, ci sono stato anch'io sui questa terra”. Sono le ultime parole di Ulisse Trombini, divenuto suo malgrado famoso come il runner inseguito e insultato dal vicesindaco di Ferrara durante il lockdown.

La Notte Europea dei Musei arriva anche a Comacchio

Anche il Museo del Delta Antico di Comacchio aderisce alla Notte Europea dei Musei, iniziativa che si svolge in contemporanea in tutta Europa con l’obiettivo di incentivare e promuovere la conoscenza del patrimonio e dell’identità culturale nazionale ed europea

Successo per il concerto “Radici Sonore” allo stadio Raibosola

Comacchio. Ieri lo stadio comunale Raibosola è stato teatro dell’evento “Radici sonore”, concerto di restituzione dell’omonimo progetto realizzato grazie all’amministrazione comunale - Servizio Politiche educative e di concerto con la Civica Scuola di Musica...

Al Florenz un happycamp per disabili

Lido degli Scacchi. Oltre centocinquanta ospiti (disabili e accompagnatori) stanno prendendo parte alla 23esima edizione dell’Happycamp organizzato dal Rotary Comacchio-Codigoro-Terre pomposiane e segnatamente dal past governatore Maurizio Marcialis, in...

Comacchio. Avrebbe promesso a una signora di fare del male a lei e ai suoi cari, se non avesse provveduto a pagare il debito che aveva con lui. È quello di cui oggi deve rispondere Giuseppe Esposito, 49enne napoletano, accusato di estorsione ai danni di una donna di Comacchio, che nel frattempo è morta, caduta all’epoca dei fatti nella spirale del gioco d’azzardo.

I fatti, scoperchiati dall’inchiesta ‘Casinò‘ eseguita dai carabinieri e coordinata dalla Procura di Ferrara, risalgono tra febbraio e maggio 2019. In quei mesi, stando all’accusa, il 49enne si sarebbe fatto cessionario di un credito di 30mila euro che la vittima aveva contratto con un’altra persona, a cui aveva già rilasciato alcune cambiali, di cui una da 7.220 euro.

Al momento del subentro dell’attuale imputato nella vicenda però, stando all’impianto accusatorio, l’ammontare del debito sarebbe salito a 60.000 euro.

Secondo l’accusa, quindi, il 49enne avrebbe così iniziato a minacciare la debitrice, qualora non fosse riuscita a pagare i suoi debiti. A metà febbraio, in particolare, l’avrebbe avvicinata e le avrebbe detto: “Da oggi lei il debito ce l’ha con me. Io non metto la corda al collo a nessuno, però lei i soldi me li deve dare“.

Le pressioni sarebbero proseguite poi anche nelle settimane successive e sarebbero sfociata in minacce di morte. Lo strozzino avrebbe promesso di mutilarla e di violentare lei e sua figlia, riuscendo a ottenere un primo pagamento parziale il 28 marzo 2019.

Esposito, oltre che di estorsione, deve anche rispondere per spaccio di sostanze stupefacenti. Lo avrebbe fatto – in alcune circostanze – in concorso con un 39enne di nazionalità albanese, la cui posizione però è stata stralciata, dal momento che ha fatto ritorno in Albania con la promessa di non rientrare più in Italia.

Nello specifico, la Procura contesta al 49enne napoletano – oggi agli arresti domiciliari per altri reati – l’aver ceduto dosi di cocaina da 0,4 grammi l’una al prezzo di 50 euro tra il 2018 e il luglio 2019, incassando oltre 1.500 euro.

Durante l’udienza di ieri, venerdì 19 aprile, dopo aver sentito due assuntori, il tribunale di Ferrara – giudice Carlotta Franceschetti – ha rinviato al 30 aprile per conferire l’incarico al perito che avrà il compito di trascrivere le intercettazioni finite al centro del procedimento.

L’istruttoria dibattimentale poi proseguirà il 24 settembre.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com