Cronaca
14 Aprile 2024
I carabinieri lo hanno seguito da via Porta Catena a via Rosa Angelini. Poi durante il controllo ha iniziato ad essere violento: arrestato per resistenza a pubblico ufficiale

Sbatte un carabiniere sul cofano della pattuglia, fermato col taser

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Il Ferrara Basket domina gara 2 contro Fidenza

La truppa di Benedetto, trascinata dal suo capitano Matias Drigo, coadiuvato da un ottimo Kuvekalovic, non delude il proprio pubblico e si guadagna un’altra partita in casa della Fulgor Fidenza

Polizia penitenziaria, crisi d’organico senza fine all’Arginone

"La casa circondariale di Ferrara vive un momento di altissima tensione riscontrando una gravissima carenza di organico che non trova precedenti". La denuncia arriva da Francesco Campobasso, segretario regionale del Sappe, il sindacato autonoma di polizia penitenziaria, che mette in guardia su una "situazione problematica da diversi anni, diventata sempre più insostenibile con evidente pregiudizio per il mantenimento della sicurezza al carcere di via Arginone"

Va dal legale per il divorzio e si scoprono tre anni di violenze del suocero

Un 72enne di nazionalità italiana sarà processato davanti al collegio del tribunale di Ferrara con la duplice accusa di stalking e violenza sessuale nei confronti della moglie di suo figlio, una 30enne di origini straniere, di cui avrebbe approfittato e abusato sotto ricatto, mentre la giovane viveva sotto il suo stesso tetto

Sono circa le 2.30 di notte, tra venerdì 12 e sabato 13 aprile, quando una pattuglia dei carabinieri del Norm di Ferrara, durante i controlli nelle zone dello spaccio, mentre transitava in via Porta Catena, nota un uomo di nazionalità nigeriana di 32 anni che, in sella a una bicicletta, dopo aver visto i militari, ha repentinamente cambiato direzione imboccando via Rosa Angelini, dove abitava, nel tentativo di nascondersi dietro ad un furgone lì parcheggiato per provare a sottrarsi dal controllo.

L’azione non è sfuggita ai carabinieri che hanno avvicinato l’uomo per identificarlo, ma invece di fornire agli operanti i documenti di identità, si è scagliato contro uno di loro, prima dandogli uno schiaffo a una mano e poi spingendolo con forza sul cofano della pattuglia, tanto da spingere il collega del militare a utilizzare il taser per placare il comportamento violento dell’uomo così da poterlo mettere in sicurezza e condurlo presso il comando provinciale dove, al termine di ulteriori accertamenti, è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale.

In mezzo alle due resistenze, l’uomo aveva anche provato a scappare in casa – dove lo attendeva la moglie – con la bicicletta a mano e, preso dalla foga, ha anche sfondato un vetro.

L’uomo, che ha già precedenti per rissa e resistenza e pubblico ufficiale, una volta concluse le procedure di arresto, su disposizione del pm di turno è stato messo agli arresti domiciliari presso la sua abitazione in attesa del giudizio con rito direttissimo.

Nella tarda mattinata il Tribunale di Ferrara ha convalidato l’arresto e rinviato l’udienza all’8 luglio per richiesta dei termini a difesa.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com