Cento
14 Aprile 2024
La telefonata dell'uomo ai militari è stata provvidenziale. La donna è stata infatti soccorsa e trasportata all'ospedale Sant'Anna di Cona

Avvisa il marito che vuole farla finita, la salvano i carabinieri

di Redazione | 1 min

Leggi anche

Il Ferrara Basket domina gara 2 contro Fidenza

La truppa di Benedetto, trascinata dal suo capitano Matias Drigo, coadiuvato da un ottimo Kuvekalovic, non delude il proprio pubblico e si guadagna un’altra partita in casa della Fulgor Fidenza

Polizia penitenziaria, crisi d’organico senza fine all’Arginone

"La casa circondariale di Ferrara vive un momento di altissima tensione riscontrando una gravissima carenza di organico che non trova precedenti". La denuncia arriva da Francesco Campobasso, segretario regionale del Sappe, il sindacato autonoma di polizia penitenziaria, che mette in guardia su una "situazione problematica da diversi anni, diventata sempre più insostenibile con evidente pregiudizio per il mantenimento della sicurezza al carcere di via Arginone"

Va dal legale per il divorzio e si scoprono tre anni di violenze del suocero

Un 72enne di nazionalità italiana sarà processato davanti al collegio del tribunale di Ferrara con la duplice accusa di stalking e violenza sessuale nei confronti della moglie di suo figlio, una 30enne di origini straniere, di cui avrebbe approfittato e abusato sotto ricatto, mentre la giovane viveva sotto il suo stesso tetto

Cento. La moglie gli scrive per messaggio che vuole farla finita, lui lo legge e, trovandosi fuori città, avvisa i carabinieri che tempestivamente la raggiungono a casa e le salvano la vita.

È una storia dal lieto fine quella che arriva da Cento dove ieri, venerdì 12 aprile, verso l’ora di pranzo, quando l’immediato arrivo sul posto dei militari del Norm ha evitato il peggio: dopo aver suonato ripetutamente il campanello dell’abitazione, durante una rapida ispezione perimetrale dello stabile al fine di individuare un punto di accesso in casa, la donna ha aperto la porta presentandosi in preda allo sconforto con mani, braccia, e vestiti insanguinati ed impugnando un taglierino.

Alla vista dei militari ha cercato di rifugiarsi nella stanza del bagno, dove il pavimento e i sanitari erano a loro volta insanguinati.

I carabinieri hanno così approcciato la donna cercando di metterla a proprio agio, tanto da convincerla a consegnare l’oggetto che stringeva tra le mani e a sfogarsi rivelando che il gesto estremo era dovuto alla difficile situazione che sta attraversando.

Si è fatta quindi prestare le prime cure dai militari che le hanno tamponato le ferite e cercato di fermare la fuoriuscita di sangue con alcuni asciugamani fino all’arrivo di personale del 118 che ha condotto la donna presso l’ospedale Sant’Anna di Cona.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com