Eventi e cultura
13 Aprile 2024
"La scimmia del cassetto" è un manuale per introversi dell'autore e divulgatore, residente a Ferrara. Da venerdì 12 è in tutte le librerie

In uscita il nuovo libro di Riccardo Scandellari

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Due artiste internazionali a Grisù

La mattina di sabato, alle 10.30, le due artiste condurranno “Serpentine workshop" mentre alla sera alle 21 presentano “Serpentine. Performance multimediale per voce e video”

Quarenghi e Gabos presentano il libro “Veloce lontano Storia di lettere, messaggi e messaggeri”

Venerdì 24 maggio alle ore 10:30, presso la storica sala dell’Oratorio San Crispinoì alla Libreria Libraccio di Ferrara Giusi Quarenghi e Otto Gabos presentano il libro “Veloce lontano Storia di lettere, messaggi e messaggeri” (Topipittori). Una proposta in collaborazione con Ferrara incontra l'editoria e promosso dall'Università di Ferrara.  Dialogano con gli autori gli studenti dell’Istituto Comprensivo C. Govoni

“La vita cambia solo nel momento in cui prendiamo una decisione nuova, ragionata, sostenibile e ci impegniamo a realizzarla. Quando facciamo uscire la scimmia nel cassetto”. E’ il cuore de “La scimmia nel cassetto”, il nuovo libro di Riccardo Scandellari, in uscita venerdì 12 aprile.

Divulgatore, formatore in ambito branding e comunicazione, docente alla Holden, alla Cuoa Business School e allo Iusve, autore di numerosi testi tra cui il must read Fai di te stesso un brand (Flaccovio), fondatore di skande.com, tra i blog di marketing più seguiti in Italia, Scandellari, residente a Ferrara, affronta il tema delle competenze, della credibilità, della reputazione attraverso le tappe dell’esposizione a un pubblico. Sonda un concetto di marketing che mette al centro la persona che lo pratica e il destinatario, non un insieme di prassi consolidate, standardizzate e di successo.

Parte dal presupposto che ciascuno ha caratteristiche di unicità, anche caratteriali, per questo il testo non è un semplice manuale, ma – come lo definisce l’autore – un manuale per introversi. Declina infatti la paura di esporsi per mancanza di esperienza, il timore del giudizio altrui e del fallimento con cui noi tutti facciamo i conti e che ci impedisce di osare, di tentare, di avere coraggio. Spiega raccontando di se stesso, aspirante musicista nerd arrivato ad essere considerato punto di riferimento nazionale nel settore del personal branding accettando la sua natura introversa senza mai snaturarsi.

Scandellari si rivolge al lettore chiedendogli a quale marketing appartiene, dichiarando la propria preferenza per quello che lui stesso predilige, “che dichiara apertamente le sue qualità, propone qualcosa di cui sentiamo il bisogno, si presenta chiedendo il permesso e mantiene le sue promesse”, in ogni campo.

Attento osservatore della realtà e della società che cambia, off line e on line, Scandellari parte dal presupposto che in un mercato saturo in cui non ci sono più bisogni primari e neppure superflui da soddisfare – quindi da realizzare, vendere e acquistare perché tutti abbiamo tutto – vanno assecondati i desideri che spesso non si svelano se non per identificazione e che ci consegnano un senso di esclusività. Si rivolge ai liberi professionisti, agli imprenditori, ai manager, a quanti per fare business necessitano di visibilità e vogliono tentare una nuova strada o modificarne una divenuta improduttiva proponendo servizi “che oggi sono tali – spiega – solo se coincidono con i valori dei clienti”.

Valori, al plurale, in cui rispecchiarsi e valore, al singolare, della propria credibilità Scandellari invita l’interlocutore ad ascoltarsi, a prendersi tempo per sé, a non avere fretta, a non ritenere l’impegno che consolida il talento un requisito opinabile. Più che un profilo social e una buona narrazione di sé, paga la determinazione che restituisce fiducia e credibilità e che diventa la nostra storia. Bandisce l’aggressività, introduce l’ascolto, la gentilezza e la necessità di dare sfogo all’urgenza che è in ciascuno di noi. Urgenza che lui definisce scimmia, che a un certo punto va liberata, senza tenerla, come certi sogni, chiusa nel cassetto.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com