Cronaca
2 Aprile 2024
I giudici costituzionali non hanno accolto la questione sulla "pena naturale". Proseguono i procedimenti per la mamma del bimbo annegato a Bosco Mesola e per il padre del ragazzino morto nell'incidente stradale a Corporeno

Imputati per la morte dei figli, la Corte dice sì ai processi

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Trovato con la droga in Gad durante i controlli interforze

Nuovo intervento straordinario congiunto di tutte le forze di polizia con l'obiettivo di potenziare l’attività di prevenzione e di contrasto alla criminalità a Ferrara città, quello avvenuto nel pomeriggio giovedì 11 aprile

Elicottero precipitato a Bondeno. L’Ansv ipotizza l’errore umano

L'Ansv - Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo - ha inserito l'incidente aereo del 10 ottobre 2023 avvenuto a Settepolesini, nel territorio comunale di Bondeno, all'interno del report informativo annuale relativo alla sicurezza dell'aviazione civile in Italia

Trovati con un chilo di droga in auto. Restano in cella

Il gip Carlo Negri del tribunale di Ferrara ha convalidato l'arresto e confermato la custodia cautelare in carcere dei due ferraresi che, nella serata di martedì 9 aprile, sono stati arrestati con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti dalla Polizia di Stato che li aveva sorpresi in flagranza con oltre un chilo di hashish in auto

Spendeva troppi soldi con l’amante. La Cassazione gli affida un tutor

La Corte di Cassazione ha dato ragione a una donna ferrarese che, dopo essersi separata, aveva chiesto al giudice tutelare di affidare l'ex marito nelle mani di un amministratore di sostegno dal momento che lui, uomo facoltoso e benestante, stava sperperando tutti i suoi averi con l'amante di nazionalità romena

I processi per omicidio colposo alla madre di Maxsimiliano Grandi, il bambino di 5 anni annegato nella piscina dell’agriturismo Ca’ Laura, a Bosco Mesola, il 12 luglio 2020, e al padre di Marco Lelli Ricci, il 15enne morto in un incidente stradale il 3 aprile 2022 in via Nuova a Corporeno, si faranno.

La Corte Costituzionale non ha infatti accolto la questione sulla “pena naturale“, ovvero sulla non procedibilità nei confronti di chi, per colpa, ha cagionato la morte di un prossimo congiunto e ha già patito una sofferenza considerata proporzionata al reato commesso.

Nei mesi scorsi, i legali difensori della madre di Grandi e del padre di Lelli Ricci avevano infatti chiesto ai giudici di attendere il pronunciamento dei giudici romani, riuscendo a ottenere rinvii abbastanza lunghi delle rispettive udienze, ma nei giorni scorsi la Corte ha dichiarato non fondate le questioni di legittimità costituzionale sollevate dal tribunale di Firenze nei confronti dell’art. 529 del codice di procedura penale, nella parte in cui non prevede un’ipotesi di non procedibilità riguardo all’omicidio colposo del prossimo congiunto.

Il giudice Franco Attinà del tribunale fiorentino infatti, chiamato a giudicare l’imputazione per omicidio colposo con violazione delle norme di prevenzione degli infortuni sul lavoro di uno zio per la morte del nipote suo dipendente, il tribunale aveva denunciato la violazione dei principi costituzionali di necessità, proporzionalità e umanità della pena, non prevedendo la norma censurata che il giudice possa emettere sentenza di non doversi procedere quando l’autore del reato abbia patito, per la morte del familiare da lui stesso causata, una sofferenza, una pena naturale appunto, tale da rendere inutile ogni ulteriore sanzione.

Dopo aver sottolineato che l’istituto della pena naturale, pur noto in alcuni ordinamenti europei, non appartiene alla tradizione normativa italiana, la Corte ha però escluso la sussistenza di un vincolo costituzionale che ne esiga
l’introduzione in conformità alla richiesta del Tribunale di Firenze.

Infatti, questa si rivela eccessivamente ampia “sotto tre distinti aspetti, ognuno dei quali sufficiente ad inficiarne la fondatezza”. In primo luogo, nel riferimento generico alla colpa, senza alcuna distinzione tra le sue varie declinazioni, che “possono viceversa corrispondere a ipotesi molto diverse tra loro sotto il profilo criminologico e della protezione dei beni”. Inoltre, per il rimando alla troppo larga nozione di prossimo congiunto, che, secondo la definizione dell’art. 307 del codice penale, “si estende ben oltre la famiglia nucleare“. Infine, per l’oggetto stesso dell’addizione, poiché “non vi sono ragioni costituzionali in base alle quali la pena naturale da omicidio colposo del prossimo congiunto debba integrare una causa di non procedibilità, anziché, in thesi, un’esimente di carattere sostanziale, ovvero ancora una circostanza attenuante soggettiva”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com