Codigoro
8 Marzo 2024
La referente Area Disabili del Delta: "l'appartamento è pronto per accogliere una quarta persona"

A Codigoro un cohousing tutto al femminile

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Festival Bonsai. Nuovo appuntamento a Codigoro

Il Festival di teatro Bonsai di Ferrara Off, continua con un nuovo appuntamento che prosegue e conclude il ciclo di spettacoli in collaborazione con il Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara

Codigoro. Palazzo evacuato, incendio con 10 feriti. Ma era solo una simulazione

La macchina dei soccorsi si è immediatamente mobilitata e mentre il personale dipendente calava nella realtà le operazioni prescritte dal Piano d'emergenza, culminate con l'evacuazione dell'edificio, i soccorritori del 118, coordinati dal Disaster Manager dell'azienda Ausl di Ferrara, hanno preso in carico ben 10 (presunti) feriti, tra cui due bambini, sei donne e due uomini

Mercoledì esercitazione antincendio al Palazzo del Vescovo

Il Comune di Codigoro ricorda alla cittadinanza che mercoledì 19 giugno, alle ore 9, al Palazzo del Vescovo, sede della biblioteca comunale "Giorgio Bassani", avrà luogo una esercitazione antincendio, allo scopo di testare la prontezza operativa e l'efficienza dell'apparato organizzativo, potenzialmente interessato da situazioni reali e similari

Affitti. La Finanza scopre 180mila euro non dichiarati

Oltre 180mila euro di canoni di locazione percepiti e non dichiarati tra il 2018 e il 2023 scoperti dalla tenenza della Guardia di Finanza di Codigoro. In totale si tratta di 16 immobili che si trovano tra la stessa Codigoro e la vicina Adria (Ro) di proprietà della stessa persona residente da tempo in provincia

Codigoro. Mara, Morena e Vincenza sono tre coinquiline. Si svegliano, fanno colazione, escono per le attività quotidiane e, nel tardo pomeriggio, rientrano a casa. Si mettono comode e preparano insieme la cena, prima di godersi un bel film sul divano. Mara, Morena e Vincenza sono le protagoniste della prima esperienza di cohousing dedicato a persone con fragilità promosso da Asp del Delta Ferrarese con l’Azienda Usl: un’idea nata nel 2018 che ha visto la luce nel 2019, dopo la ristrutturazione di un bell’appartamento a Codigoro sostenuta con i fondi regionali per il Dopo di Noi e i progetti di Vita indipendente.

Le prime inquiline sono state Mara e Morena, due gemelle di Codigoro che, rimaste senza genitori, da anni vivevano sole con un’assistente familiare seguite da un amministratore di sostegno. Stessa condizione anche di Vincenza, una terza ragazza originaria di Comacchio che si è aggiunta al progetto. Da maggio 2019 vivono insieme, con un’assistente familiare fissa e una part time. Un team tutto al femminile, che festeggerà con una doppia mimosa – il fiore e la tradizionale torta – la Giornata internazionale della donna.

Morena e Vincenza ogni giorno frequentano il centro diurno il Faro di Codigoro, mentre Mara, dopo aver partecipato al laboratorio di Asp Vivere e coltivare autonomie, è stata assunta a Casa e Bottega, il ristorante inclusivo inaugurato lo scorso ottobre e gestito da Cidas per Asp.

“La loro è una routine consolidata – spiega Fany Scalambra, Referente Area Disabili per Asp del Delta Ferrarese –: le ragazze sono diventate amiche, condividono tante cose. La vita casalinga, ma anche le uscite, tra una pizza, una passeggiata e un cinema, in compagnia anche dell’assistente familiare”.

Il progetto ancora oggi ha un supporto educativo domiciliare per lavorare sul rapporto tra le tre coinquiline e quello tra loro e le assistenti: “Mensilmente ci incontriamo con lo staff per un report – continua Fany Scalambra – Ci sono alti e bassi, come in tutte le convivenze, ci sono periodi più sereni e altri più conflittuali. Ma, come dicevo, le ragazze – tutte con un ritardo cognitivo medio-grave – si percepiscono come famiglia e percepiscono l’appartamento come casa propria, da gestire attraverso regole condivise. Possiamo dire che il nostro obiettivo è stato raggiunto”.

Per affrontare le spese della casa – inclusa la retribuzione delle assistenti familiari – Asp ha erogato assegni di cura. Conclude la referente: “A oggi non possiamo che dirci soddisfatti, sebbene non sia stato un percorso privo di criticità, a partire dalla messa in rete di attori diversi: le ragazze, noi, l’Azienda Usl, i familiari, gli amministratori di sostegno, il giudice tutelare. È una sfida che abbiamo abbracciato con convinzione per ribaltare il pregiudizio che vuole le persone con disabilità incapaci di scegliere per la propria vita, oggetti di un accudimento lungo una vita. Poco alla volta stiamo scardinando questo stigma. Speriamo anche di ampliare il progetto: l’appartamento è pronto per accogliere una quarta persona, chissà che questa opportunità di crescita non si presenti presto”.

 

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com