Eventi e cultura
2 Marzo 2024
La stagione di prosa del Teatro Claudio Abbado di Ferrara continua con la rivisitazione di Arturo Cirillo del classico del teatro Cyrano de Bergerac

Cyrano tra Pinocchio e varietà

di Redazione | 2 min

Leggi anche

“Una storia dal passato” di Sergio Gnudi a Pontelagoscuro

E’ previsto per martedì 16 aprile alle 18 l’ultimo incontro della seconda rassegna letteraria “Il circolo del martedì”. Nelal Sala Parrocchiale di piazza Bruno Buozzi a Pontelagoscuro sarà presente l’autore pontesano Sergio Gnudi con il suo ultimo romanzo “Una storia dal passato”

La storia del Garden Club di Ferrara in sala Agnelli

"La storia dell'Associazione attraverso le sue carte" è il titolo dell'incontro aperto a tutti presentato dal Garden Club di Ferrara che si terrà martedì 16 aprile alle ore 17 presso la sala Agnelli della biblioteca Ariostea

A Villa Imoletta la “Festa di Primavera” con la Banda RulliFrulli

"Festa di primavera" nel parco di Quartesana e presentazione ai cittadini e famiglie delle novità e delle proposte di incontro dei prossimi mesi: l'appuntamento è in programma nel pomeriggio di domenica 14 aprile con l'apertura delle attività annuali della Fondazione Imoletta

di Federica Pezzoli

Parte da un ricordo d’infanzia Il Cyrano de Bergerac di Arturo Cirillo, in scena al Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara da venerdì 1 a domenica 3 marzo. Ed assistere a questa rivisitazione della celeberrima storia di Edmond Rostand è come entrare nella mente e nella fantasia di un bambino in cui ricordi, esperienze, favole, si mescolano e si intrecciano dando forma a un mondo onirico che è nello stesso tempo teatro, musical, rivista e circo.

L’attore, qui protagonista e regista, prende le mosse dal ricordo della visione del Cyrano di Modugno e Pazzaglia al Politeama di Napoli alla fine degli anni Settanta e costruisce uno spettacolo surreale che fonde la musica con le parole in una sorta di teatro-canzone. Giocando con testi e nasi celebri, confonde Cyrano e Pinocchio, Rossana e la fata Turchina, il fido Ragueneau con il Grillo Parlante. Ma non solo: su di una piattaforma, che a tratti sembra la pista di
un circo mentre in altri fa sembrare i protagonisti della vicenda figurine di un carillon o le marionette di Mangiafuoco, va in scena un gioco, un divertissement teatrale e letterario, tra rimandi e citazioni – soprattutto a Ferrara non può sfuggire quella Ariostesca di Cyrano che cade dalla luna – di opere e canzoni e dei loro interpreti nel tempo. Contribuiscono il sipario argenteo e malinconico calato dall’alto e gli oggetti di scena ideati da Dario Gessati, le luci di Paolo Manti, capaci di accompagnare il pubblico in ogni cambio emotivo e narrativo, i costumi colorati e luccicanti di Gianluca Falaschi, che ricordano Wanda Osiris, Raffaella Carrà o perfino il Carnevale brasiliano.

E poi tutti i compagni di Cirillo – Irene Ciani-Rossana, Rosario Giglio-Ragueneau, Francesco Petruzzelli-De Guiche, Giulia Trippetta-Governante/Lumachina, Giacomo Vigentini- Cristiano – capaci di interpretare con i diversi personaggi tutti i registri che l’attore e regista napoletano ha scelto di mescolare in questo pastiche eclettico: dalla commedia dell’arte alla rivista e al cabaret, dal teatro dei burattini a quello delle ombre.

Un testo sempre attuale quello di Rostand, a maggior ragione oggi, in un tempo dominato dalle apparenze e dalla rincorsa alla performance, che lascia poco spazio all’interiorità, alla riflessione e alla poesia. Un testo che esalta l’amore profondo e generoso, più che passionale e possessivo, e la costante ricerca di farsi amare per quello che siamo e non per l’aspetto esteriore. E Cyrano, e con lui Arturo Cirillo, cerca la speranza e la salvezza nel teatro: “Un uomo, o un personaggio, in fondo salvato dal teatro, ora che il teatro ha più che mai bisogno di essere salvato”, scrive nelle note di regia l’attore napoletano.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com