Economia e Lavoro
2 Marzo 2024
Riconosciuta la necessità di effettuare la pratica della bruciatura dei residui colturali per poter permettere la coltivazione del riso nel nostro territorio

La Regione Emilia-Romagna accoglie le richieste di Coldiretti: ok a bruciatura stoppie di riso

di Redazione | 1 min

Leggi anche

Cia-Agricoltori: “Accoglienza è futuro”

Conoscere le esperienze, il percorso e la cultura di chi arriva nel nostro Paese per favorire l’integrazione e l’inserimento del mondo del lavoro. Questo il filo conduttore dell’evento “Accoglienza è futuro” organizzato da Anp-Cia-Agricoltori Italiani Ferrara, l’associazione che riunisce i pensionati agricoltori

Coldiretti, al via la raccolta firme #nofakeinitaly

Il mercato coperto di Campagna Amica Ferrara di via Montebello 43 (insieme all’Agrimercato di Grisù di via Ortigara, 15) mette in campo sabato 13 aprile la raccolta firme per una proposta di legge di iniziativa popolare

Esprime soddisfazione Coldiretti Ferrara nell’apprendere della approvazione della determina regionale 3741 del 23 febbraio 2024 del responsabile del settore fitosanitario dell’Emilia-Romagna, che permette di bruciare paglia e stoppie di riso.

Un provvedimento sollecitato in moltissime occasioni da Coldiretti, con importanti ricadute sul territorio ferrarese, zona di produzione del pregiato riso del Delta del Po.

“In mancanza di questa consolidata pratica agronomica – afferma Alessandro Visotti, direttore di Coldiretti Ferrara – si rischia l’ulteriore declino della coltura del riso nella nostra provincia, specialmente nel basso ferrarese, già ridimensionata pesantemente per altri fattori, principalmente economici. La bruciatura controllata dei residui colturali assolve all’importante funzione di prevenire infezioni ed infestazioni letali per il riso, sia malerbe che microrganismi patogeni (dal Giavone, al riso crodo, al brusone). La determinazione detta condizioni e modalità di gestione, indicando i periodi opportuni e diversi a seconda della localizzazione delle risaie, nonché le modalità di comunicazione agli enti preposti. Siamo stati determinati ed insistenti in questi anni per arrivare ad un chiarimento tanto atteso e necessario per i nostri risicoltori e finalmente siamo arrivati all’obiettivo. Ci auguriamo che sia un positivo elemento di tranquillità per i nostri soci nel perseguire la coltivazione di una delle colture simbolo del nostro territorio e restiamo a disposizione per ogni ulteriore chiarimento da parte delle imprese agricole”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com