Argenta
1 Marzo 2024
Il sindaco Baldini tranquillizza la popolazione: "Situazione sotto controllo, dopo la piena bonifica del materiale con chiusura della struttura"

Un ‘diga’ di legname ostruisce il ponte di Traghetto, cittadini preoccupati

di Redazione | 1 min

Leggi anche

Il Giro delle Mura di Ferrara taglia il traguardo delle 50 edizioni

Presentato nella sala degli Arazzi della residenza municipale di Ferrara la 50a edizione del Giro delle Mura. Il Giro podistico delle Mura di Ferrara taglia un importante traguardo: 50 edizioni per un evento che ha visto la partecipazione di tantissimi campioni del mezzofondo locale e nazionale

“Seconda Pelle”: la mostra di Romanoleli inaugura ad Argenta

Un'esposizione rivelatrice e complessa. "Seconda Pelle" è la mostra personale dell'artista Romanoleli, curata da Mariano Cipollini, che verrà inaugurata sabato 27 aprile alle ore 17:30 al piano superiore del Mercato centro culturale arte contemporanea di Argenta

di Giada Magnani

Traghetto. Dopo che a San Biagio è stata rimossa la diga naturale di legname che, trascinato a valle dalla corrente, ostruiva il corso dell’acqua impigliandosi nei piloni sotto le arcate di Ponte Bastia, ecco che il fenomeno si sta ripetendo a Traghetto, sotto il ponte che attraversa anch’esso il Reno.

Complici le abbondanti piogge che ingrossano il fiume, e gonfiano la piena, la questione torna prepotentemente d’attualità. Il fenomeno torna alla ribalta, come al solito, in queste condizioni meteo. E torna a far paura, sollevando timori tra la gente, manifestati anche sui social.

“La situazione – spiega loro il sindaco Andrea Baldini – è comunque sotto controllo grazie anche alla collaborazione di Regione, Provincia, Consorzio e Protezione civile”. Ma il primo cittadino, pur non nascondendo preoccupazioni, aggiunge che “la piena, che sarà comunque lunga, sta defluendo. Le operazioni di laminazione del Cavo Napoleonico sono state fatte. Mentre la provincia di Ferrara ha assicurato che non appena possibile effettuerà le operazioni di bonifica del materiale. L’intervento prevede però la chiusura del ponte. Si tratta di una scelta strategica, necessaria ma complessa, visti i problemi nati con la precedente chiusura del ponte di Santa Maria Codifiume, e di quello della Motta, più a monte”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com