Comacchio
29 Febbraio 2024
Il prefetto Marchesiello riunisce a Comacchio il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per condividere analisi e strategie

Lidi. Incontro per pianificare vigilanza e controllo del territorio in vista dell’estate

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Vigilia di Natale finita a pugni tra due fratelli

Era la vigilia di Natale dello scorso anno. Per le feste si ritrovano assieme, con le rispettive famiglie, due fratelli tra i quali, per questioni legate all'eredità paterna, negli ultimi tempi non corre buon sangue. Il più giovane dei due, classe 1976, abita nella casa di Pieve di Cento ereditata come proprietà indivisa

Comacchio. Condividere le analisi e le strategie per garantire un’estate sicura ai cittadini comacchiesi e ai tanti turisti che frequentano il litorale. È stato questo lo scopo con cui si è riunito il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal prefetto Massimo Marchesiello e riunitosi presso il municipio di Comacchio. Al centro la pianificazione dei servizi di vigilanza e controllo del territorio sul litorale ferrarese in vista della stagione estiva. 

Alla riunione erano presenti anche il sindaco di Comacchio, il Vicario del Questore e i comandanti provinciali dei Carabinieri e Guardia di Finanza, il Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Porto Garibaldi, il Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, il Comandante della Sezione locale della Polizia Stradale, il rappresentante di Arpae nonché esponenti delle principali associazioni di categoria e delle Associazioni dei gestori di stabilimenti balneari.

Sono state evidenziate, in particolare, le problematiche legate alla movida nelle aree più sensibili della vita notturna, alla violazione delle norme sugli accessi agli arenili, comprese le disposizioni sull’accesso dei cani al guinzaglio, e all’abusivismo commerciale ambulante.

Sul primo punto l’obiettivo è quello di potenziare il modello di sicurezza integrata e partecipata, dove i gestori dei locali di intrattenimento sono chiamati a svolgere un fondamentale ruolo di supporto all’attività di controllo del territorio operata dalle Forze dell’ordine. Lo dovranno fare dotandosi di adeguati sistemi di sicurezza passiva (videosorveglianza, stewarding…) nei pressi delle attività, concentrate soprattutto nei Lidi di Spina e Nazioni, dove maggiore è l’affluenza di avventori. Misure che potranno essere integrate con l’interdizione dei varchi di accesso alle spiagge in orari notturni per prevenire possibili episodi di vandalismo.

Sulle restanti questioni oggetto dell’incontro l’Arma dei Carabinieri e la Guardia di Finanza, con il concorso della Polizia Locale, opereranno gli opportuni controlli, sanzionando ogni eventuale abuso accertato.

Un modello di sicurezza integrata e partecipata quindi che già è stato codificato e messo a sistema negli anni nell’ambito del “Patto per Comacchio Sicura”. Patto ora scaduto ma per il quale sono in vista delle opportune implementazioni e in corso interlocuzioni con il Comune di Comacchio e le Forze dell’Ordine territoriali per il rinnovo.

Nel frattempo, da subito, sarà attivato un tavolo tecnico dove i rappresentanti delle Forze dell’ordine locali e della Polizia Municipale, Capitaneria di porto, Vigili del Fuoco, Arpae e i titolari degli esercizi pubblici e stabilimenti balneari più frequentati in orari serali e notturni, oltre a condividere un piano di controlli sulle emissioni acustiche, metteranno a punto un piano di interventi per consentire una più partecipata attività di controllo e prevenzione da sottoporre alla successiva approvazione del Cposp.

L’incontro ha anche rappresentato l’occasione per mettere in luce una seria difficoltà nel reperire sul mercato delle locazioni immobili di servizio per le unità di rinforzo alle Forze dell’Ordine territoriali durante la stagione estiva e quindi l’invito rivolto ai proprietari di appartamenti sfitti è quello di dare una concreta risposta a questa particolare richiesta, nell’interesse, peraltro, di tutta la comunità della riviera. 

Per gli specifici controlli della rete viaria sono stati programmati mirati accertamenti stradali lungo le arterie caratterizzate da maggior afflusso veicolare per prevenire e reprimere le violazioni al Codice della Strada, garantendo, in tal modo, la sicurezza degli automobilisti in viaggio. In particolare per la Ferrara-Mare, saranno condivise con Anas più efficaci modalità di comunicazione per avvisare tempestivamente gli automobilisti nel caso di temporanee limitazioni al traffico a seguito dell’apertura di cantieri.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com