Fiscaglia
28 Febbraio 2024
I fatti avvenuti a dicembre 2022. Era intervenuto per sedare una lite al bar tra due fidanzati, riuscendo a portare via la ragazza insieme a un'altra sua amica, ma il compagno di lei lo inseguì e lo colpì con un coltello

Prese coltellate per difendere una ragazza. Quattro anni per il suo aggressore

di Davide Soattin | 3 min

Leggi anche

Morì sul lavoro in Borgo Punta. Si attende l’udienza preliminare

Si attende la fissazione dell'udienza preliminare del processo per l'incidente mortale in cui perse la vita Miz Mohamed Fawzy Abdou, operaio edile 36enne di nazionalità egiziana, impegnato in un cantiere per la ristrutturazione col Superbonus 110% di un palazzo in via Borgo Punta, al civico 187

Sobbe (La Nena): “L’idrovia così com’è stata pensata non si farà mai”

"L'idrovia così com'è stata pensata non si farà mai, non sarà mai effettivamente funzionante e sfido chiunque a pensare che le navi di IV classe europee possano passare sotto il ponte di San Giorgio". A dirlo, durante la IV commissione presieduta da Tommaso Mantovani (M5S) è Georg Sobbe titolare de La Nena sas

Il futuro del lavoro agricolo passa dal “Sistema Agricoltura Ferrara”

Ferrara si dota del "Sistema Agricoltura Ferrara". Bandi e assicurazioni, utilizzo di fitofarmaci, lavoro agricolo e contrasto al caporalato. Questi sono solo alcuni dei temi presenti nel documento strategico sull'agricoltura, redatto per la prima volta dal Comune di Ferrara in sinergia con tutte le associazioni di categoria e le grandi aziende agricole del territorio

Migliarino. Quattro anni di reclusione, oltre che il pagamento delle spese processuali. Sono quelli che il tribunale di Ferrara ha inflitto ieri (martedì 27 febbraio) in rito abbreviato a Riccardo Graziani, il 34enne di Codigoro, inizialmente accusato del reato di tentato omicidio, poi derubricato a lesioni dolose, per aver aggredito e colpito con un coltello un 48enne di Fiscaglia, assistito dagli avvocati Giuseppe Incandela e Luca Levato, al termine di una violenta colluttazione.

I fatti al centro del procedimento risalgono al 2 dicembre 2022, quando la vittima era intervenuta per sedare una lite al bar tra due fidanzati, riuscendo a portare via la ragazza insieme a un’altra sua amica, dopo averne preso le difese. Nel tragitto però i tre vennero inseguiti dall’aggressore che, dopo una breve colluttazione con l’uomo, lo aggredì frontalmente, prima abbracciandolo e poi piantandogli il coltello nella schiena.

Giunti sul luogo dell’accaduto, i carabinieri, coordinati dalla Procura di Ferrara, avviarono immediatamente le indagini che, in poche ore, consentirono di rintracciare l’autore dell’agguato, che nel mentre si era dato alla fuga subito dopo l’accoltellamento. Inoltre, i militari ritrovarono e sequestrarono il coltello utilizzato per sferrare i violenti fendenti alla vittima.

Il 48enne invece riportò gravi ferite da taglio, a tal punto da renderne necessario il trasferimento con l’eliambulanza al pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Bologna, dove venne sottoposto a un intervento chirurgico d’urgenza e poi ricoverato, fortunatamente sopravvivendo alle coltellate che gli erano state inferte.

A seguito dell’accertamento tecnico disposto dal gup Carlo Negri però, secondo il medico legale Mariano Cingolani di Macerata, non c’era pericolo di vita in quelle lesioni. Per l’esperto, infatti, il coltello usato dall’imputato non aveva attinto organi vitali e la stessa posizione dei due corpi, quello dell’imputato e quello della vittima, durante l’aggressione o la colluttazione (a seconda dei punti di vista), abbracciati e avvinghiati l’uno contro l’altro, escludeva che la lama potesse penetrare in profondità.

Da qui la derubricazione del reato da tentato omicidio, come inizialmente sostenuto dal medico legale Lorenzo Marinelli incaricato dal pm Ciro Alberto Savino, a lesioni dolose, avvicinandosi così alla conclusione a cui era arrivato il consulente Francesco Maria Avato nominato dalla difesa dell’imputato che, nelle precedenti udienze, aveva avanzato richiesta di rito abbreviato condizionato all’acquisizione della propria consulenza in cui veniva evidenziato, già in fase cautelare, come le modalità di aggressione non costituissero un concreto rischio per la vita della vittima.

Nonostante la condanna, l’avvocato Pasquale Longobucco – che difende l’imputato – ha detto di essere “soddisfatto perché la tesi difensiva che abbiamo sempre sostenuto oggi ha trovato l’accoglimento da parte del giudice con una sentenza che esclude l’ipotesi del tentato omicidio”. “La pena però – ha concluso – non ci lascia del tutto soddisfatti e aspetteremo le motivazioni per poi fare sicuramente appello”.

Le motivazioni della sentenza sono attese entro 30 giorni.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com