Spettacoli
24 Febbraio 2024
Domenica 25 febbraio concerto mattutino nel foyer del Teatro Comunale di Ferrara

Cinque giovani strumentisti in concerto per “Ferrara Musica al Ridotto”

di Redazione | 1 min

Leggi anche

Al Jazz Club arriva il Lorenzo Simoni Quartet

Venerdì 26 aprile alle ore 21.30 si esibirà al Jazz Club il Lorenzo Simoni Quartet con lo stesso Simoni al sax alto, Guglielmo Santimone, pianoforte, Giulio Scianatico, contrabbasso e Simone Brilli, batteria

Scanzi a Ferrara: “Naomo è leggenda”

Promette un inizio “corposo e ciccioso” su Ferrara e si dice sicuro che “ci sarà da divertirsi”. Andrea Scanzi arriva a Ferrara e porta con sé “La Sciagura”. Il 16 maggio l'irriverente penna del Fatto Quotidiano sarà al Teatro Nuovo per presentare il suo nuovo spettacolo prodotto da Loft Produzioni e tratto dall'omonimo bestseller edito da Paper First

In piazza Trento Trieste arriva il festival Spirit Of Trance

Esistono pochi linguaggi universali che abbiano lo stesso impatto della musica trance. Lo si potrà constatare grazie al one-day festival Spirit Of Trance, in programma in piazza Trento Trieste a Ferrara il 28 giugno nell'ambito del Ferrara Summer Festival

Al Torrione è di scena il trio Goldings-Bernstein-Stewart

Giovedì 25 aprile il Torrione apre le porte con una data extra rispetto all'abituale palinsesto. Sul palco del Jazz Club salirà il trio composto da Larry Goldings, organo, Peter Bernstein, chitarra, e Bill Stewart, batteria

Quinta Schubertiade per “Ferrara Musica al Ridotto” che domenica 25 febbraio alle 10.30 riunisce nel foyer del Teatro Comunale “Claudio Abbado” i giovani strumentisti Marco Remelli (violino), Cora Bellati (viola), Clara Sette (violoncello), Lucio Corenzi (contrabbasso) e il pianista Cosmè Umberto Zuffi.

Sono in programma due capisaldi del Primo Romanticismo: il Trio in re minore op. 49 di Mendelssohn e il Quintetto “La trota” di Schubert.

Sull’eccellenza del Trio op. 49 nessuno ebbe dubbi a partire da Schumann che ne scrisse immediatamente nel 1839 con toni di entusiasmo, riconoscendovi una sintesi perfetta tra razionalità e pathos. Anche il Lied “Die Forelle” – composto da Schubert a vent’anni nel 1817 sui versi di Christian Schubart, esponente di rilievo dello Sturm und Drang – ebbe un immediato e diffuso gradimento. Fu anche per questo che nel 1819 Sylvester Paumgartner, mecenate e violoncellista dilettante, chiese a Schubert di scrivergli un Quintetto che incorporasse in qualche modo il Lied al proprio interno. Il Quintetto basato su “Die Forelle” (“La trota”) risultò un capolavoro, una serenata colloquiale tra quattro archi e il pianoforte, in cui Schubert rivela tutta le sue abilità di inventore melodico e di costruttore di finissime ed eleganti armonie.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com