Cronaca
13 Febbraio 2024
I dispositivi installati dai carabinieri dopo la denuncia dei genitori di un bambino. Gli inquirenti tranquillizzano le famiglie: "Sarete informati adeguatamente degli accertamenti in corso"

Molestie sui bambini a scuola. Decisive telecamere nascoste e microfoni

di Davide Soattin | 2 min

Leggi anche

“Basta morti sul lavoro”. Cgil e Uil davanti alla prefettura

Ancora morti sul lavoro, in Italia sono intorno ai mille ogni anno, quasi tre al giorno, gli ultimi in ordine di tempo a Firenze nel cantiere Esselunga e così Cgil e Uil si sono trovate davanti alla prefettura di Ferrara per dire, ancora una volta, "basta morti sul lavoro"

Adescato online e violentato quando era minorenne. Lacrime in aula

Avrebbe adescato online, con violenza, un ragazzo che all'epoca dei fatti era minorenne, costringendolo a subire ripetutamente atti sessuali che avrebbe anche dovuto filmare, minacciandolo di ritorsioni nei confronti dei familiari, qualora non avesse ubbidito alle sue richieste

Ombre nere su Ferrara, salgono a ventisei gli indagati. Ci sono azzurri del rugby

Non più ventiquattro, ma ventisei. Aumenta il numero delle persone che il pm Ciro Alberto Savino ha iscritto nel registro degli indagati per l'inchiesta "Bravi Ragazzi" che, dietro il coordinamento della Procura di Ferrara, vede oggi al lavoro gli uomini della Digos per far luce su quanto accaduto in un ristorante di via Carlo Mayr lo scorso 22 dicembre

Flash Mob. “No a tutte le guerre e al riarmo”

Rete per la pace e Cgil Ferrara aderiscono alla mobilitazione lanciata da Europe for Peace e Coalizione Assisi Pace Giusta per dire stop alle guerre in Ucraina e Palestina sabato 24 alle ore 11 in piazza della Cattedrale

Proseguono le indagini da parte dei carabinieri per far luce su quanto accaduto nei giorni scorsi in una scuola materna privata del Ferrarese, dove uno stagista 21enne è stato arrestato in flagranza perché avrebbe molestato alcuni alunni.

Stando a quanto si apprende, l’inchiesta sarebbe stata avviata dopo la denuncia dei genitori di una delle vittime, tutti bambini di età compresa tra i 2 e i 5 anni, a cui il ragazzo – che non fa parte del personale scolastico assunto e alla sua prima esperienza nell’istituto – prestava assistenza, a supporto degli insegnanti.

I militari, coordinati dalla Procura, hanno così avviato i loro accertamenti installando telecamere nascoste e microfoni ambientali e, dopo aver avuto riscontro della segnalazione tramite le videoriprese, sono subito intervenuti per fermare e arrestare il 21enne.

L’operazione è avvenuta lo scorso 31 gennaio, quando due militari in abiti civili, adottando le cautele necessarie per non turbare la serenità dei bambini, che quindi non si sono accorti di quanto stava accadendo, sono entrati nella scuola e hanno immobilizzato il ragazzo, portato fuori con le mani dietro la schiena.

Per lui, condotto in caserma, è scattato così l’arresto in flagranza, convalidato il giorno successivo in tribunale, ed è stato raggiunto da un’ordinanza restrittiva in attesa del processo.

Nei giorni scorsi inoltre la scuola ha convocato un incontro con le famiglie per cercare di tranquillizzarle e rassicurarle, dal momento che, dopo quanto accaduto, ora chiedono chiarezza e garanzie per quanto riguarda l’incolumità dei loro figli.

Le indagini – fanno sapere gli inquirenti – proseguono nell’intenzione di preservare la massima tranquillità dei bambini dell’asilo. I genitori coinvolti, a questo proposito, saranno adeguatamente informati al termine degli accertamenti in corso, in modo di metterli in condizione di esercitare i loro diritti in sede processuale.

 

 

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com