Attualità
9 Febbraio 2024
Parte in città “un pozzo di scienza”, il programma di divulgazione scientifica rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, che a Ferrara coinvolgerà oltre 2.600 studenti di 115 classi in 8 istituti scolastici

Hera: l’educazione ambientale arriva sui banchi di oltre 7mila studenti nel Ferrarese

di Redazione | 3 min

Leggi anche

A Ferrara partono il 9 febbraio le prime attività di un pozzo di scienza, il programma gratuito di divulgazione scientifica rivolto alle scuole secondarie di secondo grado che nella provincia di Ferrara coinvolgerà oltre 2.600 studenti di 115 classi in 8 istituti scolastici. Si inizia quindi domani all’Istituto Copernico Carpeggiani con il progetto “Interwiew” a cui partecipano 3 classi, per un totale di circa 80 studenti. Il format dell’intervista programmata a esperti e scienziati è caratterizzato da un alto livello di interattività e permette alle ragazze e ai ragazzi di incontrare e confrontarsi direttamente con ricercatori, divulgatori scientifici, testimonial di pensiero innovativo e professionisti provenienti dal mondo delle industrie e delle start up, diventando protagonisti attivi dell’incontro che in questo caso verterà su un tema urgente e attuale: la tutela dell’ecosistema marino tra cambiamento climatico e ipersfruttamento.

Il 19 febbraio un pozzo di scienza arriverà anche all’Istituto Aleotti Dosso sempre nel capoluogo, dove una classe si cimenterà in uno dei “Laboratori Scientifici hands on” incentrati sugli obiettivi di sostenibilità dell’Onu: in particolare gli studenti approfondiranno in modo pratico e sperimentale il tema dell’effetto dell’acidificazione sugli ecosistemi marini.

Un progetto didattico formativo che coinvolge oltre 90mila ragazzi, di cui oltre 7.200 nel Ferrarese

Sull’offerta didattica, che include anche le attività de La Grande Macchina del Mondo per la fascia d’età 4 -13 anni, Hera investe da quasi 20 anni, integrandola ai programmi scolastici per affiancare insegnanti e studenti nell’approfondimento di temi urgenti e di grande attualità come l’economia circolare, il risparmio delle risorse, il riciclo, la raccolta dei rifiuti, il cambiamento climatico e l’innovazione scientifica.

Con i propri progetti di educazione ambientale di divulgazione scientifica la multiutility coinvolge complessivamente solo in Emilia-Romagna oltre 90 mila alunni e studenti, 4300 classi e più di 1000 scuole, di cui oltre 7.200 studenti in quasi 90 scuole solo nel Ferrarese.

Un pozzo di scienza (fascia di età 14-19 anni) per esplorare nuovi orizzonti

Il programma di divulgazione scientifica di Hera un pozzo di scienza, rivolto agli studenti e alle studentesse delle scuole secondarie di secondo grado, vuole sensibilizzare le nuove generazioni su temi quali la sostenibilità sociale, ambientale ed economica per costruire un futuro migliore. Oltre il limite – Esplorare nuovi orizzonti  è il tema della nuova edizione 2023-2024 che mira ad incoraggiare ragazze e ragazzi a riconoscere nella curiosità e nell’esplorazione la forza trainante per la ricerca, l’innovazione, la conquista di nuovi traguardi e un veicolo per ampliare la conoscenza, acquisire competenze e nuove visioni, trovare soluzioni..

Quasi 40 le inedite attività proposte, tra queste i nuovi Laboratori Scientifici hands-on incentrati su 4 goals dell’Agenda ONU 2030: Acqua pulita e Servizi igienico-sanitari, Consumo e produzione responsabile, Lotta contro il cambiamento climatico,  Vita sott’acqua.

Tornano a grande richiesta le interviste dei ragazzi e ragazze ai ricercatori ed esperti e gli eventi in diretta su ricerca, conservazione della biodiversità, aziende green. Tra gli eventi, particolarmente entusiasmante il collegamento con uno straordinario laboratorio di ricerca Cnr: la nave oceanografica “Gaia blu”, appuntamento al quale è ancora possibile iscrivere le classi sul sito, nella sezione dedicata agli eventi di un pozzo di scienza.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com