Politica
9 Dicembre 2023
Nanni (Pd): "Dobbiamo evitare che la massima discrezionalità nell’applicazione dei contratti agevoli una concorrenza al massimo ribasso, che a volte sfocia nell’irregolarità e danneggia soprattutto l’utenza"

Case Famiglia. Due emendamenti Pd “per contrastare fenomeni di illegalità e sfruttamento lavorativo”

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Furti a Malborghetto, stretta della Polizia di Stato

La questura fa notare la costante attività di prevenzione e presenza sul territorio che "ha l'obiettivo - afferma una nota di Palazzo Camerini - di assicurare e mantenere le condizioni di autentica tranquillità pubblica, riducendo la percezione di insicurezza dei cittadini"

Furti nelle Frazioni. “Giunta Fabbri assente”

Furti, prima il caso di Aguscello, poi quello di Malborghetto di Boara. "La giunta Fabbri si è dimenticata delle frazioni". È la sentenza dei consiglieri del Pd Maria Dall'Acuqa ed Elia Cusinato

“I recenti controlli effettuati dagli agenti della Polizia Locale in alcune Case Famiglia del Distretto Centro-Nord hanno messo a nudo diverse irregolarità nella gestione di queste strutture assistenziali, che i sindacati confederali denunciano da tempo, non solo nel ferrarese“. Ed è per questo che, fa sapere il consigliere comunale del Pd Davide Nanni “dobbiamo evitare che la massima discrezionalità nell’applicazione dei contratti agevoli una concorrenza al massimo ribasso, che a volte sfocia nell’irregolarità e danneggia soprattutto l’utenza: persone fragili che meritano un servizio di qualità, erogato con la massima professionalità e giustamente retribuito”. 

Il Pd ha quindi promosso due emendamenti che dovrebbero essere discussi nel prossimo consiglio comunale con i quali adeguarsi a quando già fatto “nei mesi scorsi i comuni di Argenta, Portomaggiore e Ostellato”. I tre comuni hanno infatti “integrato – scrive Nanni – il regolamento provinciale con una clausola che vincola i gestori delle Case Famiglia ad applicare il Ccnl di settore firmato dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, per evitare odiosi fenomeni di dumping salariale e concorrenza al massimo ribasso nell’erogazione di servizi essenziali alla persona”. 

I sindacati, ricordiamo, chiedono di uniformare tutto il regolamento provinciale in modo che non si creino storture tra i diversi comuni che compongono la provincia. Gli stessi “denunciano da tempo come in molte Case Famiglia operino spesso donne straniere, prive di qualifica, in condizioni di lavoro gravose e sottopagate perché i gestori privati applicano contratti ‘non di settore’ o cosiddetti ‘pirata’, sottoscritti da organizzazioni poco o per nulla rappresentative”.

Nel mese di maggio, “per contrastare fenomeni di illegalità e sfruttamento lavorativo, garantendo la qualità di un servizio essenziale in una provincia ad alto indice di invecchiamento come quella ferrarese, la Conferenza Territoriale Socio-Sanitaria ha approvato un nuovo Regolamento per il funzionamento e la vigilanza delle Case Famiglia, sempre più numerose anche a Ferrara dove attualmente operano 36 strutture di questo tipo”.

È per questi motivi che “il Partito Democratico ha depositato due emendamenti al regolamento”. Nel primo si “vincola tutti i gestori ad applicare il Ccnl di settore sottoscritto dai sindacati maggiormente rappresentativi, mentre il secondo pone questa condizione tra i criteri qualitativi richiesti per rientrare nella Lista case famiglia di qualità, verso cui orientare i cittadini che si rivolgono al servizio sociale territoriale”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com