Attualità
5 Dicembre 2023
Caldaia bloccata anche lunedì e 300 bambini costretti a saltare la lezione

Scuole di Pontelagoscuro ancora al gelo

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Altro sequestro di droga in via Baluardi

Martedì 20 febbraio nella fascia oraria dalle 14 alle 20 le forze di polizia del territorio hanno concentrato la propria attenzione alle frazioni del capoluogo estense

Spal a caccia dei tre punti contro l’Arezzo

Dopo il pareggio con la Fermana, che è seguito ai successi contro Recanatese e Pescara, la Spal cercherà la terza vittoria nelle ultime 4 gare domani sera (venerdì 23 febbraio) al Paolo Mazza contro l’Arezzo. Mimmo Di Carlo si aspetta conferme ed anche ulteriori miglioramenti dai biancoazzurri dopo i progressi delle ultime partite

“Basta morti sul lavoro”. Cgil e Uil davanti alla prefettura

Ancora morti sul lavoro, in Italia sono intorno ai mille ogni anno, quasi tre al giorno, gli ultimi in ordine di tempo a Firenze nel cantiere Esselunga e così Cgil e Uil si sono trovate davanti alla prefettura di Ferrara per dire, ancora una volta, "basta morti sul lavoro"

Il Comune non ha fatto in tempo a dire che il problema della scuola di Pontelagoscuro al gelo era risolto che già ieri mattina si è ripresentata l’annosa situazione delle maestre costrette a resituire gli alunni alle famiglie per l’impossibilità climatica di svolgere le lezioni.

Ieri, lunedì 4 dicembre, gli insegnanti hanno comunicato ai gentiroi dei bambini che era impossibile svolgere regolarmente le ore previste perché la temperatura all’interno dell’edificio di via Montefiorino era proibitiva.

In due mesi la caldaia si è bloccata almeno tre volte e i genitori hanno chiesto tramite i rappresentanti di classe un incontro con gli assessori Andrea Maggi e Dorota Kusiak.

“La situazione è insostenibile – sbottano alcune mamme -. Il Comune deve dare il via urgentemente ai lavori. L’altro in giono in classe c’erano 13 gradi e siamo stati costretti ai salti mortali per riuscire a tenere i figli a casa”.

L’assessore Maggi afferma di aver scrittto agli uffici competenti “di occuparsi immediatamente della situazione”, ma la situazione sembra molto più complessa di quanto possa apparire.

La caldaia era già stata sostituita l’anno scorso, ma il problema sembra da ricercare altrove. In primo luogo nello stato di efficientamento energetico dell’edificio, che sconta una certa vetustà.

A farne le spese sono 11 classi della scuola primaria “Carmine della Sala” e 6 di quella secondaria “Cosmè Tura” dell’istituto comprensivo, per un totale di oltre 300 alunni.

 

Aggiornamento del 5 dicembre 2023, ore 16.10:

l’ufficio di dirigenza scolastica dell’IC 6 “C. Tura” precisa che ha comunicato ai genitori che l’impianto termico della sede di via Montefiorino 30-32, alle ore 8 non era funzionante, ma il servizio era comunque garantito.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com