Economia e Lavoro
5 Dicembre 2023
Sono 725 le imprese che hanno già ricevuto il contributo, entro Natale l’accredito di tutti i bonifici

Alluvione. Dalla Cciaa arrivano i primi accrediti post-bando

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Afa e temporali. L’allerta gialla è doppia

Una doppia allerta gialla per caldo e temporali che - già nelle prossime ore - interesseranno tutta la provincia di Ferrara. A emanarla è la Protezione Civile dell'Emilia-Romagna con validità dalla mezzanotte di venerdì 19 a quella di sabato 20 luglio

Un’altra donna trovata in casa senza vita

Una donna italiana di 59 anni, Barbara Fiocchi, è stata trovata senza vita nel letto della sua casa di via Gallerani a Dosso, frazione di Sant'Agostino, nel territorio comunale di Terre del Reno

Esce con la tavola da sup e muore in mare

Tragedia nel tratto di mare tra Lido degli Estensi e Lido di Spina, dove - mercoledì 17 luglio - l'ex ristoratore 69enne Daniele Fochi è annegato, forse dopo aver accusato un malore, mentre stava praticando attività sportiva in acqua con la sua tavola da sup

Sono 1.848 le domande depositate, con una richiesta di agevolazioni per oltre 3 milioni di euro, 1536 quelle risultate ammissibili, di cui il 97% presentate da micro e piccole imprese appartenenti per il 60% ai settori del commercio e dell’artigianato, il 20% al settore agricolo e il 10% a quello dei servizi. Aziende che, per la maggior parte, risiedono nei territori più colpiti: Unione Romagna faentina 658 (di cui a Faenza 416), Unione Bassa Romagna 568 (di cui a
Lugo 297), 235 a Ravenna, 42 a Russi, 32 a Cervia e un’impresa localizzata ad Argenta.

Questi i dati più significativi degli esiti del bando voluto dalla Camera di commercio di Ferrara e Ravenna per dare sollievo – fino a un massimo di 7.000 euro in proporzione al numero di domande presentate – alle imprese danneggiate dall’alluvione dello scorso mese di maggio. Un grande lavoro di squadra che l’ente di Viale Farini ha portato avanti insieme alle associazioni di categoria e che ha coinvolto le istituzioni locali, il sistema camerale e partner privati.

“Avevamo promesso un ristoro immediato e abbiamo mantenuto la promessa: siamo consapevoli che la misura non risolverà tutte le difficoltà ma volevamo dare un segnale di vicinanza soprattutto a chi continua a lavorare con pazienza e tenacia in un contesto così complicato e mutevole, senza mai abbandonare le speranze e salvaguardando i livelli occupazionali”. Queste le parole di Giorgio Guberti, presidente della Camera di commercio di Ferrara e Ravenna, che ha aggiunto: “Questa è solo la prima tranche, che dà l’avvio all’erogazione dei fondi: le operazioni di pagamento continueranno infatti nei prossimi giorni e tutte le imprese che hanno presentato domanda vedranno accreditarsi, entro Natale, l’indennizzo sul proprio conto corrente, a titolo di contributo di immediato sostegno. Tutto questo non sarebbe stato possibile – ha sottolineato il presidente della Camera di commercio – senza il personale camerale che, con impegno, competenza e dedizione, ha gettato il cuore oltre l’ostacolo per consentire tale importante risultato”.

Importante la solidarietà del Sistema camerale a sostegno delle imprese alluvionate: 333.333 euro le risorse stanziate dalla Camera di commercio di Roma per il territorio ravennate e ferrarese, mentre Unioncamere italiana ha destinato un plafond di risorse per complessivi 657.455 euro. Sul territorio, inoltre, la Banca di credito cooperativo ravennate, forlivese e imolese ha destinato un fondo di solidarietà di 300.000 euro e non è mancata la convinta adesione degli enti locali, che hanno fin da subito implementato con risorse proprie il fondo della Camera di commercio: il Comune di Cervia con 100.000 euro, il Comune di Ravenna con 150.000 euro, le Unioni dei Comuni della Bassa Romagna e della Romagna Faentina con ulteriori 150.000 euro ciascuna.

“Ringrazio a gran voce – ha concluso Guberti – tutti coloro che, ancora una volta, hanno riposto fiducia nel lavoro della Camera di commercio affidandoci la gestione di queste importanti risorse. Ai sindaci, in particolare, è spesso chiesto di lavorare di rammendo, di intervenire come pronto soccorso, di decidere in fretta e senza le risorse sufficienti. Ma è proprio questa conoscenza, questa esperienza, questo contatto diretto con i cittadini, le imprese e con i corpi intermedi che rende la politica vitale e la partecipazione possibile”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com