Spettacoli
2 Dicembre 2023
Domenica 3 dicembre in concerto al Ridotto del Teatro Comunale Bianca Giambalvo Dal Ben-Silvia Cuccurullo e Marco Merola-Valerio Cacciari

“Duo Piano Festival”, è il momento di due nuove coppie di solisti

di Redazione | 2 min

Leggi anche

“A spass con la storia ad Frara”. Domenica in sala Estense

Domenica 25 febbraio alle 16 la sala Estense ospiterà la commedia in dialetto ferrarese “A spass con la storia ad Frara” portata in scena dalla Compagnia “Qui, Quo, Quacchio”, da molti anni protagonista di lavori molto ben accolti dal pubblico

The Murder Capital a Ferrara sotto le stelle

La 28esima edizione di Ferrara Sotto le Stelle si arricchisce con un nuovo grande ospite internazionale. Sabato 8 giugno il Cortile del Castello Estense a Ferrara si prepara ad accogliere l'energia di una delle migliori band della nuova scena post-punk internazionale

Domenica 3 dicembre continua alle 10.30 al Ridotto del Teatro Comunale “Claudio Abbado” l’edizione 2023 di Ferrara Duo Piano Festival, rassegna di musiche a due pianoforti organizzata come tradizione dal Conservatorio “Frescobaldi”, e inserita nel cartellone di “Ferrara Musica al Ridotto”.

Protagoniste del quinto concerto saranno due nuove coppie di solisti: Bianca Giambalvo Dal Ben nell’esecuzione del Concertino op. 94 di Šostakóvič con la docente Silvia Cuccurullo nel ruolo di accompagnatrice, e Marco Merola in quella del Concerto n. 5 di Beethoven, con la collaborazione di Valerio Cacciari secondo pianista.

Šostakóvič compose il suo breve Concertino per due pianoforti op. 94 nel 1954, perché lui e suo figlio Maxim, allora studente al Conservatorio di Mosca, potessero eseguirlo insieme. Il breve Concertino compatta gli usuali tre movimenti in uno solo, iniziando nella profondità del registro della tastiera con tremoli ed enormi linee discendenti in modo minore. La musica passa presto a un tempo più mosso nel corpo principale dell’opera; una melodia lirica in minore si alterna a una melodia giocosa in maggiore. Dopo uno sviluppo drammatico e un episodio improntato a malinconia, il Concertino si conclude con una fitta trama di passaggi frenetici per entrambi i pianisti.

Chiuderà il matinée il più celebre concerto beethoveniano, il n. 5 op. 73. Composto nel 1809 mentre Vienna veniva occupata dalle truppe di Napoleone, fu soprannominato “Imperatore” dall’editore Johann Baptist Cramer, che aggiunse l’appellativo nella partitura forse prendendo spunto proprio da quella situazione o forse riferendosi alla natura monumentale ed alla grandiosità del lavoro. Venne composto tra il 1809 e il 1811 con dedica all’arciduca Rodolfo, mecenate e allievo di Beethoven, che, ormai afflitto da sordità, non poté eseguirlo di persona. Già alla sua prima, il 28 novembre 1811 al Gewandhaus di Lipsia, ottenne grande consenso. Tra i solisti che lo suonarono successivamente figura anche il noto pianista e didatta Carl Czerny.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com