Eventi e cultura
2 Dicembre 2023
Se ne parla martedì 5 dicembre, alle ore 16.30 presso la Sala Verde della Cgil di Ferrara in piazza Verdi, 5

Gramsci e le sue idee nel nostro tempo

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Mercadini rilegge l’Orlando Furioso a Ferrara

Una sfida nella sfida: è quella affrontata da Roberto Mercadini - monologhista in tv su “Splendida cornice” e su youtube - che martedì 20 febbraio ha portato il suo “Orlando Furioso” al Teatro Comunale Claudio Abbado

Fotografia, filosofia e letteratura. Da Ghirri a Celati

L'obiettivo è di riflettere su alcune possibili connessioni tra fotografia, filosofia e letteratura, a partire da autori che hanno concentrato la loro attenzione sulle metamorfosi del paesaggio "post-industriale" - padano in particolare - da Ghirri a Celati, e anche oltre

Nel marzo 1924, da Vienna, Gramsci manda alla moglie Giulia una lettera in cui, con poche e intense linee, ricostruisce alcuni momenti fondamentali della propria maturazione politica. Tra l’altro scrive: “Che cosa mi ha salvato dal diventare completamente un cencio inamidato? L’istinto della ribellione…”.

Parleremo di Antonio Gramsci e delle sue idee nel nostro tempo martedì 5 dicembre, alle ore 16.30 presso la Sala Verde della Cgil di Ferrara in piazza Verdi, 5 in un incontro tematico aperto alla cittadinanza promosso da Cgil, Spi Cgil, Anpi, Udi, Udu, Istituto Gramsci e Istituto di Storia Contemporanea. 

La conferenza, curata da Fiorenzo Baratelli componente del direttivo del Gramsci, cercherà di ricostruire, per grandi quadri analitici, il viaggio di Gramsci dalla ‘ribellione’ alla elaborazione del concetto di egemonia, categoria centrale nella sua visione filosofica e politica del socialismo da costruire sulla base del consenso. Si procederà partendo dalla concezione che aveva Gramsci della cultura in stretta relazione con la politica, passando attraverso l’approssimazione di una vera e propria teoria della soggettività umana contenuta nel laboratorio dei “Quaderni” del carcere. Poi ci si soffermerà sulla spiegazione del prismatico concetto di egemonia. Per concludere con alcuni accenni a quattro ‘parole-chiave’ del suo pensiero: rivoluzione passiva; educazione e formazione; politica e partito politico; consenso. Per ultimo, alcune considerazioni sull’uomo-Gramsci: fu non solo pensatore e dirigente politico, intellettuale tra i più grandi del novecento e martire antifascista, ma anche ‘Maestro di vita’.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com