Economia e Lavoro
1 Dicembre 2023
Integrazione, corsi di formazione e professionalizzanti, e inserimento nel mondo del lavoro: al via il nuovo progetto pilota per l’inclusione dei migranti, ideato da Rotary Club Ferrara e Rotary Club Ferrara Est, e che coinvolge importanti realtà del territorio ferrarese

“Progetto inclusione-lavoro”: il Rotary apre una nuova strada nell’inserimento dei migranti nel mondo del lavoro

di Redazione | 4 min

Leggi anche

Presentato il bilancio dei musei civici dal 2019 al 2024

Il Comune di Ferrara ha contato 1.197.160 i visitatori in 4 anni e mezzo nei musei e negli spazi espositivi del Comune di Ferrara dal mese di luglio 2019 fino a gennaio 2024. Sono 46 le mostre realizzate nei diversi monumenti, musei e luoghi di cultura

Si ribalta tir, chiusa la statale

Un tir carico di mangime si è ribaltato questa mattina (sabato 24 febbraio) lungo la statale SS495 in località Codigoro. A causa dell’incidente la strada è temporaneamente chiusa al traffico, in entrambe le direzioni

Rivolta all’Arginone. Trentasette detenuti a processo

Trentasette persone, all'epoca dei fatti tutte detenute a Ferrara, sono finite a processo con l'accusa a vario titolo di danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, incendio e lesioni aggravate per la rivolta nel carcere di via Arginone, avvenuta durante i primi giorni dell'emergenza Coronavirus, quando le misure restrittive imposte per contrastare il diffondersi della pandemia, tra cui il divieto di visite dei parenti, furono il pretesto per accendere gli animi dei ristretti nei penitenziari di tutta Italia

Ombre nere su Ferrara, a marzo gli interrogatori delle Fiamme Oro

Saranno interrogati nella giornata di martedì 5 marzo i due rugbisti delle Fiamme Oro, il gruppo sportivo della Polizia di Stato, scappati prima dell'arrivo della pattuglia all'interno del ristorante di via Carlo Mayr dove, lo scorso 22 dicembre, una festa di compleanno 'in maschera' tra amici è degenerata tra cori inneggianti a Mussolini e Hitler e la distribuzione di volantini beceri e di pessimo gusto

Processo Bergamini. “Segni sulla gola compatibili con un trauma”

È stata la professoressa ordinaria di medicina legale a Pisa, Emanuela Turillazzi, l'unica testimone chiamata ieri (23 febbraio) a deporre davanti alla Corte d’Assise di Cosenza, durante il processo a carico di Isabella Internò, unica imputata per la morte di Denis Bergamini

di Nicolò Govoni

È stato presentato ufficialmente giovedì pomeriggio a Palazzo Calcagnini il nuovo service ideato dal Rotary Club Ferrara insieme al Rotary Club Ferrara Est: si chiama “Progetto inclusione-lavoro”, e si pone l’obiettivo di inserire nel mondo del lavoro un gruppo di migranti residenti sul territorio ferrarese. Per farlo è necessaria una sinergia tra importanti realtà del territorio: collaboreranno infatti Confindustria Emilia Area Centro, la Prefettura, l’Arcidiocesi Ferrara-Comacchio, la “Città del Ragazzo” e la Cattedra Unesco in Education, Growth and Equality.

Delinea il progetto Adele Del Bello, presidente del Rotary Club Ferrara: “Si tratta di un progetto per l’inclusione sociale di un gruppo di migranti attraverso il lavoro, che si svolgerà da dicembre a giugno 2024, e coinvolgerà altri attori del nostro territorio. L’obiettivo è duplice: raggiungere l’inclusione sociale, attraverso percorsi di formazione in materia di educazione civica, e il lavoro, con corsi professionalizzanti in quei settori in cui si manifesta scarsa capacità di incrociare domanda e offerta di manodopera competente. Di natura apolitica, questo è un progetto pilota e si realizzerà con un gruppo limitato di migranti, con un ruolo importante di Confindustria Emilia Area Centro nella sua replicabilità in altri contesti. È poi un progetto a costo zero, che sfrutterà finanziamenti pubblici già esistenti, come le misure per l’inserimento lavorativo previste dal Programma GOL – Garanzia Occupabilità Lavoratori – del PNRR: ogni partner contribuirà poi con la propria competenza, e i Rotariani si occuperanno dell’educazione civica”. Il progetto sarà articolato dunque in tre fasi: la prima di profilazione del gruppo di destinatari, con il coinvolgimento dei centri di accoglienza e dell’Arcidiocesi; il secondo momento è quello dell’orientamento e della formazione civica e professionale; infine, ci sarà l’inserimento lavorativo, con l’aiuto di Confindustria”.

Paolo Govoni, presidente del Rotary Club Ferrara Est, aggiunge: “Il progetto mette insieme le esigenze delle imprese, che necessitano di manodopera, e quelle dell’inclusione sociale dei migranti nel nostro territorio. Servono però senso di collaborazione e spirito di squadra per raggiungere questi obiettivi con investimenti accessibili”.

Confindustria sarà al centro della fase che prevede il vero e proprio inserimento lavorativo “La cosa che mi ha colpito è che noi non sappiamo niente delle persone che vivono nei centri di accoglienza, e nemmeno le loro potenzialità”, dichiara Gian Luigi Zaina, vide presidente di Confindustria Emilia. “Questo non è un progetto di assistenza, ma serve a far incontrare domanda e offerta, per un aiuto concreto e lavorativo per queste persone: su circa 930 migranti saranno scelte tra le 25 e le 30 persone, inserite poi in un percorso formativo preciso, e il database sarà poi disponibile ai nostri associati e alle agenzie interinali. Grazie alla piattaforma e-learning di Confindustria, poi, questa esperienza sarà digitalizzata per essere poi ripetibile”.

È coinvolta anche la Prefettura di Ferrara: “Ho già vissuto esperienze simili: ci sono partner che vogliono gettare il cuore oltre l’ostacolo”, dichiara il prefetto Massimo Marchesiello. “Le professionalità dedicate a momenti formativi sono valori aggiunti, coinvolgendo persone che siano disponibili a intraprendere questo percorso. Sappiamo dei problemi nel Ferrarese per le richieste di lavoro: c’è necessità di risorse umane”.

L’Arcidiocesi di Ferrara-Comacchio avrà un ruolo importante, e ha aderito immediatamente al progetto: “Le politiche migratorie hanno portato attenzione sull’accoglienza, ma non sui percorsi di integrazione”, queste le parole di Mons. Gian Carlo Perego. “Il tema del lavoro è invece fondamentale per valorizzare le competenze di una persona costretta a lasciare il proprio territorio; molti migranti hanno capacità che, se individuate, possono dare il via a un nuovo percorso su un altro territorio, il nostro. E non bisogna soffermarsi solo sulla domanda di lavoro e sul nostro bisogno, ma anche sulle capacità della persona stessa, perché sia valorizzata. Quindi si va oltre l’accoglienza, e ci si sofferma sulla promozione e l’integrazione.

Un altro partner di grande importanza è il Centro Studi Opera Don Calabria “Città del Ragazzo”, rappresentato dal direttore Antonio Marchini: “Mettiamo a disposizione il programma GOL, già attivato nel settembre 2022, che permette percorsi personalizzati di orientamento per cercare di comprendere le abilità e le aspettative delle persone. Queste saranno aiutate nella compilazione di un curriculum per Confindustria, e con i tirocini saranno accompagnate verso il mondo del lavoro. Le competenze, al termine di ogni fase, saranno riconosciute con attestati e certificati”.

Valentina Mini, coordinatrice della Cattedra Unesco in Education, Growth and Equality, presieduta da Patrizio Bianchi, aggiunge: “Abbiamo abbracciato subito un progetto che sposa le nostre filosofie, quella teorica di educazione per la crescita e l’uguaglianza, e quella della capacità di fare ricerca e disseminazione. Il database che abbiamo creato, di nome Talento, incrocerà le inserzioni lavorative con i dati settoriali e territoriali, per capire quali competenze e skills sono più richieste dagli imprenditori: si darà così un input dei profili maggiormente richiesti dal territorio, e un output nei confronti delle domande di lavoratori e imprese, per comprendere gli spazi da colmare. La Cattedra è infine a disposizione anche nel campo dell’educazione all’interno dei percorsi, e nella disseminazione: è necessario conoscere queste persone, e far conoscere loro il territorio”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com