Politica
1 Dicembre 2023
Giubelli: "I coltivatori non c’entrano. Non c’entra neanche Coldiretti. C’entrano il Governo e le forze di maggioranza, cioè i soggetti a cui quei cartelli erano diretti"

+Europa risponde a FdI. “Coltivazione dell’ignoranza fatta da chi semina paure false”

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Ferrara è una città ostile ai giovani

La crisi della felicità è uno dei tanti problemi, come la disoccupazione, l’abbandono del territorio dei giovani e l’aumento dell’età media, che conta la città di Ferrara

Furti a Malborghetto. Interpellanza dem chiede l’installazione di telecamere

Dopo l'intervento di ieri arriva anche l'interpellanza di Elia Cusinato e Maria Dall'Acqua in merito alla mancata installazione di telecamere a Malborghetto di Boara, nonostante un'altra interpellanza presentata il 12 ottobre scorso e la possibilità di installazione "già stata paventata in Consiglio Comunale il 24 gennaio 2023"

di Paolo Niccolò Giubelli*

Abbiamo letto le dichiarazioni di Zurma (FdI) in base alle quali +Europa avrebbe dato uno schiaffo in faccia agli agricoltori attraverso lo slogan “Coltivate Ignoranza”, e sarebbe collocata “lontana dalla realtà”.

Prima di tutto, i coltivatori non c’entrano. Non c’entra neanche Coldiretti. C’entrano il Governo e le forze di maggioranza, cioè i soggetti a cui quei cartelli erano diretti. Coldiretti ha il diritto e il dovere di esprimere le sue opinioni, che su questo tema non condividiamo. Gli atti di maggioranza e Governo hanno invece un impatto reale sul Paese, e questo è campo della politica. Immaginiamo che sia chiara la differenza.

Veniamo alla “coltivazione dell’ignoranza”: essa viene fatta da chi semina paure false, credenze non sostenute da dati scientifici, da chi prende provvedimenti legislativi-manifesto che non hanno valore alcuno. Ma si coltiva ciò che si desidera, e l’ignoranza è davvero un bel frutto. Serve ad un governo in affanno che cerca consensi tra gli allevatori che vedono aumentarsi i costi dei concimi, dei carburanti, di tutto. Ma non crediamo che ci caschino. Sarebbe più utile una politica che li coinvolga nel costruire insieme un mercato nuovo, più sostenibile, più sano e che presto sarà la realtà, piuttosto che mantenere gli allevatori in una condizione di disagio dando loro un contentino.

In ogni caso, proprio per non stare “fuori dalla realtà”, la carne coltivata verrà comunque introdotta sul mercato, perché non sono i governi dei singoli stati a decidere in materia. Tuttavia il blocco preventivo previsto dalla legge italiana avrà un effetto: scoraggiare la ricerca e gli investimenti, lasciando che siano gli altri Paesi a giovarne. E noi saremo solo acquirenti.

Se noi abbiamo dato uno schiaffo agli allevatori, il Governo sta loro stringendo la cinghia.

*Gruppo +Europa Ferrara

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com