Cronaca
1 Dicembre 2023
Una 47enne è accusata di truffa, esercizio abusivo della professione, sostituzione di persona e falso: "Abbiamo scoperto che stava prendendo soldi da altre persone per conto dello studio e che li utilizzava per i propri interessi"

Si finse commercialista senza titolo. L’ex collega: “Mi rubò anche l’identità per comprare una casa”

di Davide Soattin | 3 min

Leggi anche

Donna scomparsa al settimo mese di gravidanza

È al settimo mese di gravidanza Precious Jackson, scomparsa nella giornata di oggi da una struttura protetta nel comune di Jolanda di Savoia. È una donna di nazionalità nigeriana, trent'anni, alta 170 cm, occhi marroni e capelli rasati neri

Controlli e posti di blocco nel Copparese, un arresto e una denuncia

I carabinieri hanno intensificato la presenza e la vigilanza su tutto il territorio del Copparese, comprese le frazioni, presidiando incessantemente le strade in ingresso e in uscita dai centri abitati nonché le aree rurali, nell’ambito di un’intensificazione degli sforzi per reprimere tutte le forme di illegalità

La piena del Po transita nel Ferrarese, allerta della Protezione civile

Il maltempo e le precipitazioni diffuse di questi giorni in Emilia Romagna non consentono ancora di abbassare la guardia sul livello dei fiumi. E' per questo che la Protezione civile dell'Emilia-Romagna ha emesso un'allerta che riguarda anche la nostra provincia per il 2 marzo

Carabiniere picchiato in Gad. Il raid per gelosia

Sono un padre, 46enne di nazionalità macedone, e suo figlio di 22 anni gli autori dell'aggressione ai danni del carabiniere del Norm di Ferrara che, nel pomeriggio di giovedì 29 febbraio, mentre si trovava fuori servizio, è stato picchiato in via monsignor Luigi Maverna, zona in cui ha sede l'Agenzia delle Entrate, dietro la stazione ferroviaria, in Gad

“Stava sottraendo altri quindici faldoni dallo studio, glieli avevamo trovati sui sedili dell’automobile”. Aveva iniziato a lavorare come aiuto segretaria nello studio di un commercialista ferrarese, ma nessuno avrebbe mai immaginato che lei, fingendosi ragioniera e spacciandosi per dottore-commercialista senza averne titolo, si sarebbe intascata dei soldi per prestazioni professionali mai eseguite – e che non avrebbe potuto eseguire – e avrebbe sottoscritto un contratto d’affitto e di utenze domestiche, spendendo il nome di una collega.

Ieri (giovedì 30 novembre) quest’ultima, segretaria nello studio in questione, assistita dall’avvocato Alessandro D’Agostino, che ora chiede giustizia e risarcimento del danno, davanti al giudice Alessandra Martinelli, è stata chiamata a testimoniare sul fatto, quando l’odierna imputata, donna di 47 anni, aveva dato il suo nominativo sia alla società immobiliare che si era occupata della mediazione che alla proprietaria di casa, inducendola in errore nelle trattative per la locazione di un immobile in provincia di Ferrara.

In quella abitazione, inoltre, avrebbe attivato utenze domestiche con la E-On Energia, spendendo questa volta un altro nome ancora, che aveva preso da una cliente dello studio presso il quale lavorava e alla quale avrebbesottratto‘ mille euro che sarebbero serviti a regolarizzare la posizione fiscale, appropriandosene invece e non versandola.

La lunga e grave sequela di reati sarebbe avvenuta tra il 2019 e il 2020 quando la donna, oggi alla sbarra con l’accusa di truffa, esercizio abusivo della professione, sostituzione di persona e falso, avrebbe inizialmente chiesto a due persone importi per circa 10mila euro per le pratiche necessarie per aprire un’attività di parafarmacia a Ferrara e regolarizzare delle posizioni con l’Agenzia delle Entrate: adempimenti e somme che per la Procura erano privi di giustificativi e non erano corrispondenti a verità.

Ancora, avrebbe anche fabbricato dei documenti dell’Agenzia delle Entrate completamente falsi, che attestavano dei rimborsi da parte dell’AdE a beneficio della società costituita dalle due vittime.

Inoltre da un’altra cliente dello studio si sarebbe fatta consegnare un paio di assegni per quasi 5mila euro, che sarebbero dovuti servire per rimettere le cose a posto con l’Agenzia delle Entrate, e che invece l’imputata avrebbe usato per le proprie spese personali.

“A un certo punto – ha raccontato la testimone, a cui era stata rubata l’identità – abbiamo scoperto che stava prendendo soldi da altre persone per conto dello studio e che li utilizzava per i propri interessi. In una circostanza, per esempio, con quei soldi era andata a cambiarsi le gomme dell’automobile. Inoltre abbiamo trovato scontrini di parrucchiere, estetiste, negozi di vestiti e giocattoli per bambini. Siamo anche venuti a conoscenza – conclude la teste – che ci aveva fornito un indirizzo di casa falso. Dopo che l’avevamo colta con le mani nel sacco, non ci rispondeva più al telefono e ci siamo recati a casa sua per curiosità. Diceva di abitare in via Copparo. Poi però, arrivati davanti a questa grande villa, abbiamo suonato e ci è stato detto che lì non ci abitava chi stavamo cercando“.

La prossima udienza è stata fissata al 25 gennaio, mentre il 1° febbraio è in programma la discussione con eventuale sentenza.

 

 

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com