Argenta
30 Novembre 2023
Due uomini ravennati sono finiti in manette dopo che un cittadino insospettito ha segnalato la loro presenza ai carabinieri. Entrambi sono finiti ai domiciliari in attesa del processo

Traditi dalla luce delle torce, si nascondono in bagno. Sorpresi e arrestati due ladri

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Lutto nel giornalismo. Morto Gianni Buozzi

Si è spento all’età di 85 Gianni Buozzi, decano dei giornalisti ferraresi. Buozzi è stato una figura storica per le pagine de l’Unità negli anni ’80, prima a Bologna e poi a capo dell’edizione ferrarese del quotidiano fondato da Gramsci

Altro sequestro di droga in via Baluardi

Martedì 20 febbraio nella fascia oraria dalle 14 alle 20 le forze di polizia del territorio hanno concentrato la propria attenzione alle frazioni del capoluogo estense

Spal a caccia dei tre punti contro l’Arezzo

Dopo il pareggio con la Fermana, che è seguito ai successi contro Recanatese e Pescara, la Spal cercherà la terza vittoria nelle ultime 4 gare domani sera (venerdì 23 febbraio) al Paolo Mazza contro l’Arezzo. Mimmo Di Carlo si aspetta conferme ed anche ulteriori miglioramenti dai biancoazzurri dopo i progressi delle ultime partite

Argenta. Hanno provato goffamente a nascondersi in bagno, ma il loro tentativo di farla franca è miseramente naufragato, quando i carabinieri li hanno arrestati.

È quanto accaduto nella serata di lunedì 27 novembre quando due uomini ravennati sono finiti in manette per tentato furto in abitazione in concorso e, su disposizione del pm di turno Andrea Maggioni, sono stati messi agli arresti domiciliari, in attesa del giudizio di convalida.

Ad accorgersi della loro presenza è stato un cittadino argentano che ha segnalato al 112 di aver visto le luci di una torcia muoversi all’interno di una casa, attualmente disabitata. Sul posto sono così immediatamente intervenuti i carabinieri di Longastrino, che hanno trovato la porta d’ingresso forzata e, una volta entrati dentro l’immobile, hanno sorpreso i due ladri, nascosti in bagno mentre cercavano di non farsi scoprire

Nella disponibilità dei due – giunti sul posto a bordo di un autocarro dotato di un capiente cassone – i militari del 112 hanno trovato due torce a batteria, due paia di guanti da lavoro che indossavano e una cesoia da 70 cm, molto probabilmente appena utilizzata per tranciare la catena in acciaio posta a protezione della porta d’ingresso.

Nella mattinata di mercoledì 29 novembre si è tenuta l’udienza davanti al tribunale di Ferrara con cui il giudice ha convalidato l’arresto e confermato per entrambi la misura degli arresti domiciliari fino al 15 dicembre, data in cui è stata rinviata l’udienza a seguito di richiesta dei termini a difesa da parte dell’avvocato difensore.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com