Politica
30 Novembre 2023
Misura complessivamente 69,3 milioni in entrata e altrettanti in uscita, nonostante la perdurante fase dei prezzi alti di materie prime, energia e interessi passivi sui mutui

Conti in equilibrio per la Provincia, approvato il bilancio di previsione 2024-26

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Lutto nel giornalismo. Morto Gianni Buozzi

Si è spento all’età di 85 Gianni Buozzi, decano dei giornalisti ferraresi. Buozzi è stato una figura storica per le pagine de l’Unità negli anni ’80, prima a Bologna e poi a capo dell’edizione ferrarese del quotidiano fondato da Gramsci

Altro sequestro di droga in via Baluardi

Martedì 20 febbraio nella fascia oraria dalle 14 alle 20 le forze di polizia del territorio hanno concentrato la propria attenzione alle frazioni del capoluogo estense

Spal a caccia dei tre punti contro l’Arezzo

Dopo il pareggio con la Fermana, che è seguito ai successi contro Recanatese e Pescara, la Spal cercherà la terza vittoria nelle ultime 4 gare domani sera (venerdì 23 febbraio) al Paolo Mazza contro l’Arezzo. Mimmo Di Carlo si aspetta conferme ed anche ulteriori miglioramenti dai biancoazzurri dopo i progressi delle ultime partite

Approvato il bilancio di previsione 2024-2026 con 7 voti a favore (Padovani, Baldini, Chiappini, Colaiacovo, Dall’Acqua, Perelli e Sandoni) e 3 astenuti (Amà, Guaraldi e Saletti, assenti al momento del voto: Bizzarri, Carità e Curtarello). Un sì che arriva, come vuole la legge, subito dopo il parere (obbligatorio ma non vincolante) espresso dall’Assemblea dei sindaci. Terzo organo della Provincia (dopo presidente e Consiglio) in cui ha prevalso il voto di astensione. Così hanno votato, infatti, i Comuni di Ferrara, Comacchio, Copparo, Bondeno, Poggio Renatico, Vigarano, Terre del Reno e Fiscaglia (assenti Masi Torello, Jolanda di Savoia e Lagosanto), rispetto ai sì di Cento, Portomaggiore, Codigoro, Riva del Po, Tresignana, Mesola, Ostellato, Voghiera, Goro e Argenta.

Benché superiori come numero (10 a 8), questi ultimi non sono bastati però a far pendere la bilancia dalla parte del sì a causa del voto ponderato, cioè in rapporto alla popolazione.

Voto ponderato favorevole che dunque si è fermato a quota 112.716 rispetto alla soglia di 171.000, cioè la maggioranza dei 340.755 abitanti della provincia estense.

Un bilancio di previsione che misura complessivamente 69,3 milioni in entrata e altrettanti in uscita. Conti in equilibrio per l’amministrazione che ha sede in Castello Estense, nonostante la perdurante fase dei prezzi alti di materie prime, energia e interessi passivi sui mutui e la flessione del mercato dell’auto, che costa dal lato entrate un milione in meno dall’Ipt (imposta provinciale di trascrizione) e meno 800 mila per l’Rc-auto.

Equilibrio contabile anche senza aumentare la pressione fiscale, mantenendo invariate le aliquote di Ipt (25%), Rc-auto (16%) e addizionale Tari (5%) e nonostante il calo delle entrate sia solo parzialmente compensato dallo Stato (7 per cento).

Il bilanciamento fra entrate e uscite, infine, è previsto anche per il 2024, nonostante continui a pesare sulle Province la spada di Damocle del meccanismo di compartecipazione alla finanza pubblica.

Formula tecnica che significa un taglio netto di entrate proprie da restituire allo Stato, che per la sola Ferrara si traduce in circa 11,3 milioni. Un meccanismo destinato a pesare sui bilanci anche nel 2025 e nel 2026 per l’identico importo.

Tenuto conto di queste tare che pesano sul quadro finanziario, le spese correnti per l’anno prossimo sono date a quota 52,6 milioni, circa due milioni in meno rispetto al 2022, di cui quelle per il personale sono 6,9 milioni, mentre ammontano a 9,3 milioni quelle per l’acquisto di beni e servizi (ugualmente in calo rispetto agli 11,2 del 2022).

Spese correnti che valgono il 52,7 per cento del totale delle spese, mentre quelle in conto capitale (investimenti) sono il 31,7 per cento.

Fra queste si segnalano gli 11,7 milioni di investimenti per la manutenzione straordinaria di strade e ponti, senza contare i 29,4 milioni di finanziamenti concessi, principalmente da fonte Pnrr, per lavori in scuole e palestre di messa in sicurezza strutturale, impiantistica, antincendio e di efficientamento energetico.

In costante diminuzione è la dinamica del debito (cioè i mutui contratti) della Provincia estense, che calerà nel 2024 a quota 35,3 milioni, rispetto ai 42,3 del 2022. Una traiettoria in calo che arriverà nel 2026 a 28,3 milioni.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com