Copparo
29 Novembre 2023
Con Chiara Guerzi alla scoperta del Maestro dagli occhi ammiccanti

Storia del territorio ai corsi Coluccia

di Redazione | 1 min

Leggi anche

Enrico Bassi. Parte la campagna elettorale

Sabato 2 marzo, alle 11, a Copparo, in piazza del Popolo, tocca a Enrico Bassi candidato del centro sinistra e esponente del Partito Democratico con cui attualmente siede nei banchi dell'opposizione

Scuola Gulinelli. Ora è caos smistamenti per oltre 60 alunni

Questa mattina (1° marzo) i bambini della scuola materna Gulinelli hanno ripreso le loro attività, smistati però temporaneamente nelle altre sedi dei servizi comunali, vale a dire nelle scuole Cadore e Gramsci, dal momento che la struttura che li ospitava originariamente, dopo l'interruzione legata alle infiltrazioni d'acqua dei giorni scorsi, sarà interessata dai lavori di manutenzione

Al De Micheli arriva Marco Mazzocca

Dopo il grande successo di Francesco Paolantoni che ha gremito il Comunale con lo spettacolo “O Tello, o… io”, il Teatro De Micheli torna ad accendere i riflettori sabato 2 marzo, alle 21. Sul palcoscenico andrà in scena “Chi me lo ha fatto fare” di e con Marco Marzocca, in collaborazione con Claudio Fois

Copparo. Dopo la sezione Viaggi, i Corsi di Cultura ‘Ugo Coluccia’ proseguono con l’area tematica Storia del territorio. Giovedì 30 novembre, dalle 16.30, in Galleria Civica Alda Costa, la storica dell’arte Chiara Guerzi, che si occupa prevalentemente dell’arte del Medioevo e del primo Rinascimento con particolare riguardo alla scuola ferrarese, proporrà la lezione “Nel solco della devotio moderna: il caso delle Madonne del Maestro dagli occhi ammiccanti”.

L’attività dell’anonimo Maestro dagli occhi ammiccanti rappresenta uno dei più aperti e sfuggenti nodi storico-critici dell’arte estense della metà del Quattrocento, anche perché parte della critica ritiene di poterlo identificare con il leggendario pittore ferrarese Galasso Galassi citato da Giorgio Vasari.

Le sue opere, diverse delle quali conservate alla Pinacoteca Nazionale di Ferrara, sono aperte alle più moderne sollecitazioni culturali del proto-Rinascimento di ambito padano-veneto (dovute all’arrivo nel nord Italia di Filippo Lippi, Piero della Francesca e Donatello, quindi all’inizio dell’attività di Mantegna) e paiono farsi promotrici di istanze iconografiche ispirate alla cosiddetta devotio moderna.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com