Bondeno
26 Novembre 2023
Ritrovo presso la panchina rossa di via Pironi per celebrare il 25 novembre. Il sindaco Simone Saletti: "Ciò che auguro alla famiglia di Giulia Cecchettin è che la giustizia proceda spedita e arrivi"

Stop ai femminicidi. Le amiche ricordano Rossella Placati

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Presentato il bilancio dei musei civici dal 2019 al 2024

Il Comune di Ferrara ha contato 1.197.160 i visitatori in 4 anni e mezzo nei musei e negli spazi espositivi del Comune di Ferrara dal mese di luglio 2019 fino a gennaio 2024. Sono 46 le mostre realizzate nei diversi monumenti, musei e luoghi di cultura

Si ribalta tir, chiusa la statale

Un tir carico di mangime si è ribaltato questa mattina (sabato 24 febbraio) lungo la statale SS495 in località Codigoro. A causa dell’incidente la strada è temporaneamente chiusa al traffico, in entrambe le direzioni

Rivolta all’Arginone. Trentasette detenuti a processo

Trentasette persone, all'epoca dei fatti tutte detenute a Ferrara, sono finite a processo con l'accusa a vario titolo di danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, incendio e lesioni aggravate per la rivolta nel carcere di via Arginone, avvenuta durante i primi giorni dell'emergenza Coronavirus, quando le misure restrittive imposte per contrastare il diffondersi della pandemia, tra cui il divieto di visite dei parenti, furono il pretesto per accendere gli animi dei ristretti nei penitenziari di tutta Italia

Ombre nere su Ferrara, a marzo gli interrogatori delle Fiamme Oro

Saranno interrogati nella giornata di martedì 5 marzo i due rugbisti delle Fiamme Oro, il gruppo sportivo della Polizia di Stato, scappati prima dell'arrivo della pattuglia all'interno del ristorante di via Carlo Mayr dove, lo scorso 22 dicembre, una festa di compleanno 'in maschera' tra amici è degenerata tra cori inneggianti a Mussolini e Hitler e la distribuzione di volantini beceri e di pessimo gusto

Processo Bergamini. “Segni sulla gola compatibili con un trauma”

È stata la professoressa ordinaria di medicina legale a Pisa, Emanuela Turillazzi, l'unica testimone chiamata ieri (23 febbraio) a deporre davanti alla Corte d’Assise di Cosenza, durante il processo a carico di Isabella Internò, unica imputata per la morte di Denis Bergamini

Bondeno. Un netto no alla violenza e un netto sì al rispetto dell’altro, il tutto nel nome e nel ricordo di Rossella Placati, Giulia Cecchettin e le tante altre vittime della aberrante violenza contro le donne. Questo è il messaggio uscito dal ritrovo presso la panchina rossa di via Pironi in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

Ad essere presenti, oltre all’amministrazione comunale, erano tante persone delle associazioni, della società civile, assieme ai giovani studenti dell’istituto superiore “G. Carducci”.

A prendere la parola per primo è stato il sindaco, Simone Saletti, con un messaggio a tutta la comunità: “Trovare oggi le giuste parole per esprimersi non è facile, avendo davanti agli occhi i drammatici fatti occorsi a pochi chilometri da qui a Giulia Cecchettin, vittima innocente della barbarie raggiunta da un ragazzo poco più che ventenne. Quello della violenza contro le donne è un problema diffuso, che a Bondeno ha raggiunto la sua drammatica espressione con l’omicidio di Rossella del febbraio 2021. Ciò che auguro alla famiglia di Giulia – è il pensiero del primo cittadino – è che la giustizia proceda spedita e arrivi, come avvenuto nel caso Placati, a ridare dignità tanto alla famiglia quanto alla comunità locale. Purtroppo nessuna forma di giustizia può riportare indietro le lancette del tempo, quindi ciò per cui dobbiamo impegnarci è la promozione della cultura e dei comportamenti positivi, rigettando ogni forma di violenza o atteggiamento possessivo e incoraggiando sin dalle più giovani generazioni il totale rispetto verso l’altro”.

In tanti hanno preso la parola per un ricordo personale di Rossella o per schierarsi dalla parte di chi condanna ogni sopruso: da Angela Dianati di Udi, la quale ha ricordato “l’importanza non solo simbolica di avere sul territorio una panchina rossa, un oggetto che ogni giorno ci fa ricordare cosa rappresenta e perché è stato installato. Da questa panchina sono nate idee e unità di intenti come “Il bandolo della matassa”, un ciclo di incontri informativi che proseguirà anche nel prossimo futuro”.

Molto sentito è stato il discorso di Francesco Zucchi, vicesindaco del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze, che ha voluto prendere la parola non solo a nome dei giovani bondenesi ma anche “in qualità di ragazzo che presto sarà uomo: bisogna infatti che in primis dagli uomini partano messaggi di totale sdegno nei confronti di questi atti brutali”.

Un momento di commozione collettiva si è avuto con le parole di Angela Cipriani, amica di Rossella Placati, la quale non ha potuto nascondere le lacrime nel ricordare «che Rossella era coraggio, forza, determinazione e soprattutto gioia”.

La giornata si è conclusa con una poesia letta da Dilara Uner e con una rappresentanza di studenti del “Carducci” che ha riportato le parole di condanna della violenza espresse dal padre di Giulia Cecchettin.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com