Politica
16 Novembre 2023
L'interrogazione orale, che sarà affrontata dalla competente commissione assembleare, fa seguito ad analogo atto ispettivo dell'aprile 2020

Fabbri (Pd): “Comunicare stato progettazione e realizzazione della difesa a mare di Porto Garibaldi”

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Terremoto Pd. Il segretario di Ferrara si dimette

Il segretario comunale del Partito democratico si è dimesso. Lo ha fatto alla prima occasione utile, quella dell’assemblea comunale che doveva fare i conti con la cocente sconfitta subita alle elezioni di giugno

10.000 firme a Ferrara per un lavoro più dignitoso

Un grande risultato costato fatica e sacrifici di tutti i dirigenti, funzionari, capilega e delegati della Camera del lavoro che con grande impegno sono stati sul territorio, nei luoghi di lavoro, in tutte le iniziative utili, in tutti i mercati e in tutte le sedi a raccogliere firme spiegando le motivazioni per cui era indispensabile firmare per i quattro quesiti

Anselmo chiede a Fabbri di chiarire il significato delle parole di Maggi

Le parole hanno un peso. E quelle che l'ex assessore Andrea Maggi ho voluto consegnare al pubblico potrebbero portare, a suo dire, addirittura implicazioni negative sull'amministrazione. Quali sono i “ sassolini e le pietre” che, se “tolti dalle sue scarpe” provocherebbero “crisi istituzionali”? Lo chiede in una interrogazione Fabio Anselmo rivolgendosi direttamente ad Alan Fabbri

“Conoscere lo stato della progettazione e le tempistiche di realizzazione della difesa a mare del porto di Porto Garibaldi, in provincia di Ferrara”. A presentare l’atto ispettivo è Marco Fabbri (Pd), il quale si riferisce ad un analogo atto ispettivo presentato nell’aprile 2020.

Nella precedente interrogazione Fabbri aveva trasmesso “le richieste indirizzate negli ultimi anni da parte del comune di Comacchio, degli operatori della pesca, del diporto e delle associazioni di categoria circa le problematiche legate all’imboccatura del portocanale di Porto Garibaldi”, poiché “anche a causa dei cambiamenti climatici in atto, si è registrato, a partire dall’anno 2013, un progressivo aggravamento delle condizioni legate al moto ondoso che hanno provocato anche alcuni episodi di fuoriuscita dell’acqua”.

A fronte delle azioni compiute dalla Provincia di Ferrara, ente gestore dell’idrovia, che “seppur risolvendo in parte il problema del moto ondoso, ha incrementato l’accumulo di sabbia a ridosso dell’ingresso del porto”, Fabbri stigmatizza come ad oggi “l’opera di difesa a mare non è mai stata realizzata”.

Sottolineando poi le dichiarazioni dell’assessore Corsini secondo il quale l’infrastruttura già durante il corso del 2020 avrebbe dovuto registrare “un primo approfondimento interno, con la struttura operativa dell’agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile che materialmente porterà avanti gli appalti, sulle possibili soluzioni progettuali, al fine di mettere in campo, per il prossimo anno, la reiscrizione della quota di avanzo necessaria a realizzarlo”, Fabbri chiede un aggiornamento sia sullo stato della progettazione che sulle tempistiche di realizzazione.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com