Tresignana
7 Ottobre 2023
L'assessore Cartocci: "Un progetto che abbiamo subito condiviso e sostenuto, in quanto si pone l’obiettivo di offrire una visione nuova del territorio"

Arte e riscoperta del territorio a Palazzo Pio

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Basso Ferrarese: 14 nuovi progetti per 9,5 milioni di euro

Tra il 2014 e il 2020 sono stati portati oltre 12 milioni di euro di investimenti per i territori del Basso Ferrarese e ulteriori 9.5 milioni finanzieranno 14 progetti in tutti i 9 Comuni che fanno parte dell’area interna, dal Copparese al Delta

Lavoro nella PA: i giovani chiedono prospettive di carriera, retribuzione e meritocrazia

I giovani potrebbero essere più incentivati a lavorare nella Pubblica Amministrazione in caso di chiare prospettive di carriera (69% delle preferenze), retribuzione più elevata (60%) e maggiore attenzione al merito (56%). Questi alcuni dei dati presentati durante l’open day Cervap “La Generazione del Valore Pubblico, Come i giovani innoveranno la PA”

Tresigallo. Palazzo Pio, in questi giorni, è testimone di un’iniziativa che unisce arte e riscoperta del territorio con occhi diversi. Lo storico palazzo, infatti, sta ospitando il progetto ‘Residenze d’artista’ curato dall’associazione no-profit Frat.tale con il patrocinio e il supporto del Comune di Tresignana. Artiste e artisti provenienti da diverse parti d’Italia, infatti, stanno vivendo a 360 gradi il territorio, cogliendone le peculiarità, la memoria, le emozioni che si tradurranno in opere d’arte che saranno successivamente protagoniste di un’esposizione che si terrà a Tresigallo. Il primo gruppo di cinque tra artisti e artiste è già ospitato a Palazzo Pio, dove rimarrà sino al 10 ottobre; poi, subentrerà un secondo gruppo per proseguire nel progetto.

Giovedì, alla presenza dell’assessore alle Politiche Giovanili Raffaele Cartocci e della referente dell’associazione Frat.tale Rebecca Sforzani, i ragazzi hanno raccontato l’esperienza che stanno vivendo a Tresigallo, che si sta rivelando fonte di spunti e idee. “Io e Gloria – spiegano Salvatore Crucitti e Gloria Zeppilli, fondatori del collettivo artistico ‘Ucci Ucci’ – stiamo pensando allo sviluppo del nostro progetto. Principalmente lavoriamo con il territorio, la comunità, la sua memoria. Memoria che stiamo ritrovando nei racconti delle persone ospitate nella casa di cura. La nostra idea è quella di realizzare una performance, che sia un cortometraggio e una video-installazione, che metta in dialogo memorie delle persone e degli edifici. Un lavoro partecipativo e relazionale”.

In divenire è anche il progetto di Michele Febbraio al quale “piacerebbe sviluppare il tema della memoria, attraverso un’installazione audiovisiva, anche con l’impiego di programmi 3D”. “Sto cogliendo spunti per una scultura-installazione puntando sul concetto dell’arco che si ritrova sia nel centro storico di Tresigallo, che tra le mura di Palazzo Pio, prevedendo tra i materiali l’argilla, il cui utilizzo accompagna l’uomo sin dall’antichità”.

Un video che trasmetta ciò che ha visto e vissuto, è invece l’idea che intende sviluppare Linh Duong, per raccontare la propria esperienza. “Credo – dice – che tra fare arte e vivere non ci sia alcuna differenza”.

Come spiega Rebecca Sforzani, il progetto ‘Residenze d’artista’ consente ad artiste e artisti, che hanno risposto alla call dell’associazione, di trovare a Palazzo Pio “un luogo di studio, ricerca, vivendo il territorio e i suoi spazi, per raccogliere le idee che trasformeranno in opere d’arte presso i loro studi nelle città in cui risiedono. Opere che dal 1° al 3 dicembre saranno esposte in una mostra che sarà allestita nelle sale di Palazzo Pio”.

Il Comune, inoltre, ha messo a disposizione biciclette a ciascun artista, per facilitare i loro spostamenti: un nuovo esempio di come l’amministrazione comunale stia puntando sulla mobilità sostenibile. “Quello delle ‘Residenze d’artista’ – afferma l’assessore Cartocci – è un progetto che abbiamo subito condiviso e sostenuto, in quanto si pone l’obiettivo di offrire una visione nuova del territorio, colta attraverso gli occhi, le esperienze e la creatività di giovani artiste e artisti. Inoltre, consente di far vivere il recuperato Palazzo Pio, restituendogli centralità come luogo di cultura, arte, in cui esprimere creatività, in particolare da parte dei giovani”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com