Economia e Lavoro
10 Giugno 2023
Il presidente di Cna Costruzioni Ferrara commenta gli esiti dell’operazione ‘Ponte di San Giorgio’ e lancia una proposta al Comune

Mazzini, Cna: “Spazio alle aziende locali negli appalti pubblici del territorio”

di Redazione | 2 min

Leggi anche

“Ti ammazzo e ti seppellisco in giardino”

"Ti ammazzo e ti seppellisco in giardino". Sarebbe questa, secondo la Procura, una delle minacce di morte che un 51enne ferrarese, finito a processo con l'accusa di maltrattamenti, avrebbe pronunciato nei confronti di una donna di 54 anni, che all'epoca dei fatti abitava insieme a lui, costringendola a una quotidianità di umiliazioni e asservimenti che l'avevano portata a perdere ogni dignità personale, distrutta da un clima irrespirabile che ne aveva reso intollerabile la loro convivenza familiare

Cidas chiude il 2023 con un bilancio da record

Settecento socie e soci, 1.657 lavoratori al 31 dicembre 2023 (oggi sono già oltre 1900) di cui il 78,2% sono donne. Si parte da questi numeri per definire il bilancio 2023 in positivo di Cidas e si arriva a un fatturato di 68.495.560 € in crescita del 10,42% rispetto all'anno precedente e un utile di 417.017 €. È il miglior risultato nei 45 anni di attività

Telestense in crisi. I dipendenti incontrano il Prefetto

Giornalisti, tecnici e settore commerciale-amministrativo di Telestense in presidio davanti alla Prefettura di Ferrara venerdì 21 giugno alle 10 ma anche un incontro con il prefetto Massimo Marchesiello "per illustrare la preoccupante situazione in cui versa l’emittente tv locale privata della nostra città"

Tecopress. C’è ancora un domani

Si apre uno spiraglio sul futuro dello stabilimento e dei lavoratori della Tecopress di Dosso di Sant’Agostino. Sira Group, della famiglia Gruppioni, entra in campo e nasce la nuova compagnia SirTec (tra Sira e Tecopress), con una proposta di affitto per lo stabilimento e l’impegno vincolante all'acquisto

“Il recupero delle statue del ponte di San Giorgio tramite Art Bonus è stato sicuramente un’operazione estremamente positiva – spiega il presidente di Cna Costruzioni Ferrara Paolo Mazzini –  e non possiamo che ringraziare una volta di più il Comune e in particolare l’assessore ai Lavori Pubblici Andrea Maggi, che ha voluto fortemente che l’iniziativa andasse in porto. Abbiamo dimostrato una volta di più che il territorio dispone di un reticolo di imprese di costruzioni dotate di competenze importanti, capaci di intervenire con tempestività e operare in tempi certi con la necessaria professionalità, risolvendo i problemi della città e del territorio. Mi auguro che il Comune di Ferrara possa tenere sempre più conto della professionalità e competenza dimostrate dalle aziende del territorio nella gestione degli appalti che verranno in futuro assegnati tramite affidamento diretto”.

Paolo Mazzini, presidente di Cna Costruzioni, commenta così gli esiti dell’operazione che ha portato al restauro delle quattro statue del ponte di San Giorgio.

“Il codice degli appalti – prosegue Mazzini – è stato modificato, le soglie entro cui è possibile procedere per affidamento diretto sono state aumentate, e quindi è possibile concedere un vantaggio alle aziende locali, che appartengono al territorio, lo conoscono bene, hanno tutte le competenze richieste e possono operare nel migliore dei modi. Cna ritiene che le procedure di appalto debbano riflettere non tanto le capacità finanziarie delle aziende quanto la loro capacità di operare bene e interagire con il territorio, superando le modalità del massimo ribasso o del vantaggio economico”.

Su questa strada, riconosce Mazzini, è stato fatto un passo avanti molto importante da parte dell’amministrazione comunale di Ferrara, per volontà dell’assessore Maggi: l’istituzione di un albo dei fornitori. “E’ vero – dice Mazzini – l’albo dei fornitori può essere una ‘rivoluzione copernicana’, come lo stesso assessore l’ha definito: auspichiamo che possa diventare sempre di più uno strumento per consentire alle imprese del territorio di essere prese in considerazione nella gestione dei lavori pubblici”.

Il vantaggio, conclude Mazzini, sarebbe reciproco: “E’ chiaro che un’azienda del territorio ha maggiori probabilità di risolvere i problemi che via via si presentano con maggiore tempestività e completezza di un’azienda che il territorio nemmeno lo conosce”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com