Attualità
9 Giugno 2023
L’evento si terrà negli spazi dell’ex refettorio di San Paolo (via Capo delle Volte 4), per la prima volta aperto al pubblico dopo i recenti lavori di adeguamento

Il cantiere sostenibile dell’antica Casa dell’Ortolano diventa un case study

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Telemedicina, funziona il progetto pilota per i pazienti diabetici

Le potenzialità delle tecnologie digitali moderne hanno gettato le basi per la buona riuscita del progetto pilota di videovisita-teleconsulto per la gestione territoriale dei pazienti diabetici. La sperimentazione incentrata sulla telemedicina, realizzata dall’Azienda Usl di Ferrara, ha dato riscontri promettenti

Strage di via D’Amelio. Le Agende Rosse ferraresi in piazza

Il ritrovo è fissato per le ore 16.45 del 19 luglio, quando verranno lette alcune riflessioni espresse dal magistrato negli ultimi anni della sua vita. Alle 16:59 (ora dello scoppio della Fiat 500 imbottita di tritolo) si osserverà un minuto di raccoglimento in onore delle vittime

Il progetto sostenibile di recupero dell’antica Casa dell’ortolano, lungo le mura sud di Ferrara, sarà al centro degli approfondimenti e degli studi di ingegneri e architetti che, in un incontro (con successivo sopralluogo) – oggi, venerdì alle 14.30 – potranno acquisire crediti per l’aggiornamento professionale obbligatorio.

L’evento si terrà negli spazi dell’ex refettorio di San Paolo (via Capo delle Volte 4), per la prima volta aperto al pubblico dopo i recenti lavori di adeguamento e le installazioni di nuove dotazioni per convegni, eventi espositivi e piccoli spettacoli o piccoli concerti. Cuore dell’appuntamento saranno, in particolare, le modalità di attuazione degli interventi e la tipologia di recupero che si candida ad ottenere la certificazione ambientale internazionale con marchio Gbc-hb (acronimo di Green building council – historic building, protocollo speciale declinato agli edifici storici). Al termine dei lavori l’area diventerà il fulcro del sistema di promozione della cinta muraria, del turismo lento, dei percorsi ciclopedonali e di valorizzazione dell’antica cultura contadina (con filari di vite maritata e orti didattici).

L’evento, patrocinato dal Comune, è infatti organizzato  dal Chapter Emilia-Romagna di GBC Italia e dal socio BinarioLab in collaborazione con gli ordini di ingegneri e architetti e la  Fondazione Architetti di Ferrara. L’appuntamento è aperto alla cittadinanza e, come spiega l’assessore Andrea Maggi, che aprirà i lavori, “sarà anche una preziosa occasione per illustrare nel dettaglio i lavori in corso, la complessità dell’intervento che si sta realizzando e la cura ambientale con cui si sta attuando, con la possibilità anche di vedere di persona le fasi di sviluppo del cantiere”.

Con Maggi interverranno inoltre: Natascia Frasson, dirigente del servizio Beni Monumentali del Comune di Ferrara, Marco Mari, presidente di GbcItalia, Gildo Tomassetti, segretario Chapter Emilia Romagna (“Il principio Dnsh nella costruzione e ristrutturazione di edifici”), Marco Zuppiroli dell’Università di Ferrara (“L’applicazione dei protocolli Hb sul patrimonio edilizio storico a valenza testimoniale”), Raffaela Vitale. del Comune Ferrara (“Progetto Casa dell’Ortolano vallo mura sud”), Eugenio Artioli  (“Il miglioramento sismico nel caso studio Casa dell’Ortolano”) e Cristiano Ferrari (“La certificazione di sostenibilità ambientale GBC HB del progetto Casa dell’Ortolano”), entrambi di Binario Lab. Modera Cinzia Gennarelli. A seguire è prevista la visita al cantiere. Chi volesse partecipare al sopralluogo, per motivi di sicurezza è tenuto a presentarsi con calzature chiuse.

Intanto continuano i lavori delle imprese – la  Navarra Srl, con la Costruzioni Generali Zoldan Srl – per un valore complessivo di circa 1,3 milioni di euro, su entrambi gli immobili nell’area interessata (di 1.640 metri quadrati) che si affaccia sulle mura storiche: sul fienile operai e tecnici si stanno concentrando sul consolidamento strutturale, ed è già stato realizzato il getto di cemento armato di rinforzo al primo piano. Per quanto riguarda l’immobile padronale,  si stanno realizzando operazioni funzionali al consolidamento delle fondazioni. Su entrambi gli edifici continua inoltre il lavoro di restauro delle mura perimetrali.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com