Cronaca
1 Giugno 2023
Donatello Alberti dovrà rispondere del reato di diffamazione aggravata nei confronti della vittima. Nei giorni successivi all'assassinio scrisse sui social: "Comunque anche lei come andava conciata, ovvio che il ragazzo era geloso"

Commento choc sul femminicidio Matteuzzi, l’ex direttore della Croce Bianca va a processo

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Caccia al violentatore. Il dna potrebbe incastrarlo

Proseguono senza sosta le indagini della Squadra Mobile di Ferrara per identificare l'uomo che, nella serata di mercoledì 19 giugno, in zona Rampari San Paolo, ha violentato sessualmente una ragazza di 20 anni, studentessa fuori sede

L’autista lo vuole far scendere e lui lo minaccia con un’accetta

Aveva preso un autobus per recarsi a Porto Garibaldi, ma il suo viaggio è finito all'interno di una vettura dei carabinieri. Un uomo di 47 anni, di nazionalità italiana, residente a Monza e con alcuni precedenti alle spalle, è stato arrestato con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, interruzione pubblico servizio e porto di strumento atto a offendere

C’è anche Donatello Alberti, all’epoca dei fatti direttore della Croce Bianca di Ferrara, tra le quattro persone che andranno a processo per diffamazione aggravata ai danni di Alessandra Matteuzzi, la 56enne uccisa dall’ex fidanzato Giovanni Padovani il 23 agosto scorso sotto la sua casa a Bologna.

Le indagini della Polizia Postale nei confronti degli imputati avevano preso il via dopo la denuncia degli avvocati Chiara Rinaldi e Antonio Petroncini, che assistono i familiari della vittima e avevano deciso di sottoporre all’attenzione degli inquirenti gli insulti e le offese nei confronti della donna, arrivati tramite commenti pubblicati sui social.

Tra questi, quello di Alberti che, nelle ore successive all’assassinio, scrisse sui social: “Comunque anche lei come andava conciata, ovvio che il ragazzo era geloso”. Commento – scritto sulla pagina Facebook de “La Repubblica”, nei commenti all’articolo che parlava dell’efferato delitto – che scatenò l’indignazione generale.

Nonostante le varie critiche piovutegli addosso, Alberti non è tornato sui suoi passi e ha ribadito, rivolgendosi alle commentatrici: “Comportatevi più sobriamente come le nostre nonne, non siate scostumate e provocanti e gran parte delle aggressioni saranno evitate, la colpa prima di tutto è del mondo di oggi totalmente fuori controllo, la donna fa l’uomo e viceversa, ma dove siamo arrivati?”.

Dopo le polemiche la Croce Bianca, associazione di volontariato attiva nel trasporto infermi, sospese il direttore come sanzione disciplinare.

La prima udienza del processo è fissata per il 25 gennaio.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com