Cronaca
10 Maggio 2023
Thomas Atongi Kuma, Nathalie Beatrice Djoum ed Eva Rosa Lombardelli, rispettivamente presidente, vicepresidente e consigliera della cooperativa andranno davanti al giudice. Assoluzioni perché il fatto non sussiste per Valentina Marzola e il viceprefetto Vincenzo Martorano

Accoglienza. Si aprono le porte del processo per i tre della Coop Vivere Qui

di Davide Soattin | 2 min

Leggi anche

Caccia al violentatore. Il dna potrebbe incastrarlo

Proseguono senza sosta le indagini della Squadra Mobile di Ferrara per identificare l'uomo che, nella serata di mercoledì 19 giugno, in zona Rampari San Paolo, ha violentato sessualmente una ragazza di 20 anni, studentessa fuori sede

L’autista lo vuole far scendere e lui lo minaccia con un’accetta

Aveva preso un autobus per recarsi a Porto Garibaldi, ma il suo viaggio è finito all'interno di una vettura dei carabinieri. Un uomo di 47 anni, di nazionalità italiana, residente a Monza e con alcuni precedenti alle spalle, è stato arrestato con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, interruzione pubblico servizio e porto di strumento atto a offendere

Sfrecciano in autostrada con una valigia con dentro 22 chili di droga

La Polizia stradale di Altedo nel corso di un controllo di un mezzo pesante nell’area di servizio Po Ovest, sull'autostrada A13, tra Ferrara e Rovigo, ha notato una Jeep Compass procedere a tutta velocità in direzione Bologna. Gli agenti si sono messi subito all'inseguimento del mezzo

Studentessa violentata in Rampari San Paolo. Caccia all’aggressore

Indagini serrate da parte degli uomini della Squadra Mobile di Ferrara, che in queste ore sono al lavoro per individuare l'uomo che, nella serata di mercoledì 19 giugno, in zona Rampari San Paolo, ha violentato sessualmente una ragazza di 20 anni, studentessa fuori sede

Cadono calcinacci dalla Torre dei Leuti, sopralluogo dei pompieri

Sopralluogo e contestuali operazioni di messa in sicurezza per i vigili del fuoco che, nella mattinata di venerdì 21 giugno, poco prima delle 10, sono intervenuti in corso Porta Reno per la caduta di alcuni calcinacci lapidei dall'antica Torre dei Leuti, risalente al IX secolo

Andranno a processo Thomas Atongi Kuma, Nathalie Beatrice Djoum ed Eva Rosa Lombardelli, rispettivamente presidente, vicepresidente e consigliera della Vivere Qui, cooperativa che gestiva cinque Centri di accoglienza migranti tra Vigarano e Poggio Renatico, accusati di truffa aggravatafalso e inadempimento contrattuale in pubbliche forniture.

La decisione è arrivata nel pomeriggio di ieri, 9 maggio, quando il giudice Sandra Lepore ha accolto le richieste di rinvio a giudizio formulate dal pm Andrea Maggioni.

Nel corso dell’udienza, poiché fuori tempo massimo, il tribunale ha rigettato la richiesta del legale difensore – avvocato Stefano Scafidi – di produrre le carte, redatte su richiesta di vari prefetti, relative al parere del ministero dell’Interno sulle modalità di rendicontazione delle cifre per l’accoglienza e sulla possibilità di fare profitto.

“Se altre prefetture hanno fatto questa domanda – ha spiegato Scafidi, fuori dall’aula – mi devono spiegare dov’è il dolo. Il processo va avanti per noi e andremo fino in fondo“.

Assoluzioni perché il fatto non sussiste, invece, sono arrivate per il viceprefetto Vincenzo Martorano, difeso dall’avvocato Fabio Anselmo, e la psicologa di Asp, Valentina Marzola, difesa dall’avvocato Riccardo Venturi.

Al termine dell’udienza, proprio l’avvocato Fabio Anselmo ha commentato: “Sono molto contento per il dottor Martorano che è sempre stato un bravissimo funzionario della prefettura di Ferrara, di specchiata onestà e di grande dedizione al lavoro e che certamente non meritava di essere condannato. È stata riconosciuta la sua onestà, la sua professionalità, al di là di ogni ragionevole dubbio, con formula piena”.

Più critico, invece, l’avvocato Venturi, che in una nota stampa inviata alle redazioni si esprime con queste parole: “Si conclude cosi l’ennesima vicenda processuale, iniziata con la grancassa mediatica, poi lentamente sgonfiatasi. Prosciolti i “controllori infedeli” del business migranti, dopo quasi cinque anni. Nel frattempo, la psicologa Valentina Marzola ha perso il lavoro, la faccia e la serenità. Difendere Marzola è facile, perché si tratta della classica brava persona, finita in una storia più grande di lei e triturata da un meccanismo kafkiano“.

A tal proposito, il legale difensore sottolinea come risulti “nero su bianco dal verbale di una riunione del Tavolo Migranti, tenutasi nel marzo 2018, che un dirigente della Prefettura di Ferrara «illustra le modalità con cui si stanno svolgendo le ispezioni, specificando che si svolgeranno ogni giovedì e saranno avvisate il giorno prima sia Asp che le strutture al fine di assicurare la presenza di un operatore nella sede oggetto di ispezione», sicché in questi cinque anni abbiamo veramente parlato di nulla“.

Si tornerà in aula l’11 settembre.

 

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com