Vigarano
3 Maggio 2023
Sajmir Hidri non potrà ancora tornare. I giudici amministrativi ritengono fondato il provvedimento del Ministero

Espulso dall’Italia per aver avuto contatti con l’Isis, il Tar boccia il ricorso

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Elicottero precipitato a Bondeno. L’Ansv ipotizza l’errore umano

L'Ansv - Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo - ha inserito l'incidente aereo del 10 ottobre 2023 avvenuto a Settepolesini, nel territorio comunale di Bondeno, all'interno del report informativo annuale relativo alla sicurezza dell'aviazione civile in Italia

Trovati con un chilo di droga in auto. Restano in cella

Il gip Carlo Negri del tribunale di Ferrara ha convalidato l'arresto e confermato la custodia cautelare in carcere dei due ferraresi che, nella serata di martedì 9 aprile, sono stati arrestati con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti dalla Polizia di Stato che li aveva sorpresi in flagranza con oltre un chilo di hashish in auto

Spendeva troppi soldi con l’amante. La Cassazione gli affida un tutor

La Corte di Cassazione ha dato ragione a una donna ferrarese che, dopo essersi separata, aveva chiesto al giudice tutelare di affidare l'ex marito nelle mani di un amministratore di sostegno dal momento che lui, uomo facoltoso e benestante, stava sperperando tutti i suoi averi con l'amante di nazionalità romena

Cia-Agricoltori: “Accoglienza è futuro”

Conoscere le esperienze, il percorso e la cultura di chi arriva nel nostro Paese per favorire l’integrazione e l’inserimento del mondo del lavoro. Questo il filo conduttore dell’evento “Accoglienza è futuro” organizzato da Anp-Cia-Agricoltori Italiani Ferrara, l’associazione che riunisce i pensionati agricoltori

Sajmir Hidri

Sajmir Hidri non potrà ancora tornare in Italia. Il Tar del Lazio ha rigettato il ricorso contro l’espulsione decretata nell’agosto 2016 dall’allora ministro Alfano che gli vieta di far ritorno in Italia per 15 anni.

Il cittadino albanese di 43 anni viveva regolarmente con la famiglia (moglie e figli) a Vigarano Mainarda, dove svolgeva l’attività di imprenditore edile insieme al fratello. In seguito ad indagini della Digos era stato considerato “persona pericolosa per la sicurezza dello Stato”, la cui presenza in Italia avrebbe costituito “una minaccia per la sicurezza dello Stato e che possa agevolare, in vario modo, organizzazioni o attività terroristiche, anche internazionali”.

Secondo gli inquirenti, da almeno due anni prima, aveva iniziato a radicalizzarsi: si era fatto crescere la barba, aveva frequentato siti internet per visionare video della propaganda Isis, avrebbe perfino tentato la scalata al vertice del centro islamico di via Traversagno a Ferrara (circostanza però fortemente negata dai suoi membri che, anzi, poco lo conoscevano) e avrebbe avuto contatti con altri espulsi (il suo numero di cellulare era stato trovato nella rubrica dell’imam radicale Memishi Rexhep, coinvolto in una serie di arresti in Macedonia per arruolamento di miliziani dell’Isis nell’agosto del 2015).

Ma in sede penale il gip archiviò le accuse contro di lui. In sede amministrativa, invece, il ricorso presentato dal suo avvocato, Fabio Chiarini, ha avuto esito sfavorevole.

Il legale aveva giustificato il ricorso ritenendo carenti istruttoria e motivazione del decreto di espulsione, con riferimento all’opportunità di scegliere altre misure alternative.

Secondo la difesa il Ministero avrebbe “operato un uso distorto del proprio potere discrezionale in quanto anche l’autorità giudiziaria penale non ha poi assunto alcun provvedimento di natura coercitiva a suo carico”, ritenendo quindi che “non ci fossero indizi tali da giustificare il rischio di un pericolo per la sicurezza dello Stato”.

Hidri inoltre risultava “perfettamente radicato nella comunità nazionale in quanto il suo soggiorno risulta regolare dal 2002, non ha subito condanne, vive in famiglia con la moglie e i tre figli ed è titolare di una impresa edilizia”.

Motivi infondati secondo i giudici amministrativi. In primo luogo perché la norma che disciplina l’espulsione presenta requisiti estremamente generici ai fini dell’adozione del provvedimento. Basta “la ritenuta possibilità che la permanenza dello straniero in Italia possa agevolare organizzazioni o attività terroristiche, anche internazionali”.

E, in proposito, “non è necessario che sia appurata con assoluta certezza la sussistenza del pericolo, essendo sufficiente che vi siano fondati motivi di ritenerlo esistente”.

Nel caso di Hidri, il provvedimento ministeriale “fa riferimento agli atti d’ufficio dai quali è emerso che il ricorrente, in diverse occasioni, ha consultato e condiviso video e proclami inneggianti alla jihad, ha manifestato insofferenza per il mondo e la cultura occidentale nonché ha intrattenuto rapporti con soggetti che hanno assunto posizioni estremiste in favore della jihad islamica, tanto da essere espulsi dal territorio nazionale; da tali elementi, è stata desunta la sua vicinanza alla causa jihadista ed all’autoproclamato Stato islamico”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com