Attualità
23 Aprile 2023
I lavori concludono in tempo per la ricorrenza del santo patrono di Ferrara. Da mercoledì gli interventi sulle altre sculture del ponte

Completato il restauro della statua del ‘700 di San Giorgio

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Alloggi Erp, il Pd fa confusione

Rispetto ai dati enucleati in consiglio comunale dal capogruppo Pd, secondo le verifiche effettuate da Estense.com la realtà è diversa. Certo, quei dati sono veri e la fonte è sicuramente l’Azienda Casa, ma nel renderli pubblici è stata fatta confusione

La Rivana sarà il quartiere del circo

La Rivana sarà al centro della riqualificazione, rigenerazione e messa in sicurezza per ospitare gli operatori dello spettacolo viaggiante, storicamente attivi e presenti da generazioni a Ferrara

“Non ci casco”. Informare per tutelare

Informare è la prima forma di tutela. Continua, all'interno delle contrade del Palio, il giro di illustrazione della campagna 'Non Ci Casco', realizzata dall'assessorato alle politiche sociali del Comune di Ferrara per fornire alla cittadinanza gli strumenti per difendersi da truffe e raggiri, fenomeni ai quali sono maggiormente esposti gli anziani

Cure palliative, oltre 16mila pazienti presi in carico in un anno

In aumento in Emilia-Romagna il numero di cure palliative (anche pediatriche) a favore dei pazienti assistiti da almeno un nodo della rete nell’anno attraverso le cure palliative domiciliari, hospice (23 strutture con oltre 300 posti a disposizione), ambulatori e ospedali

Per le celebrazioni del 2023 di San Giorgio – che ricorre domenica – è stato completato il restauro della statua settecentesca del santo che compone le quattro figure poste alle estremità del ponte, nell’omonimo quartiere e porta d’accesso di Ferrara. L’intervento è stato finanziato, nell’ambito dell’Art Bonus attivato dall’amministrazione comunale, dalle imprese Cna per: 5mila euro in contributi delle associate e 10mila euro come sponsorizzazione tecnica da parte della Geo Strutture Restauri di Ferrara. L’impresa ha completato anche la scultura di San Rocco e sta posizionando i ponteggi sulle altre due opere che nobilitano il ponte: San Maurelio (lato nord-ovest) e San Filippo Neri (sud-ovest).  Per ‘loro’ il restauro inizierà mercoledì.

“Interventi come questo dimostrano il valore e l’efficacia della collaborazione tra pubblico e privato e confermano, ancora una volta, la straordinaria sensibilità della cittadinanza, delle associazioni e del tessuto economico cittadino per il patrimonio e per la sua tutela. Ringrazio Cna e le imprese che hanno contribuito in maniera determinante alla valorizzazione di queste opere, in un luogo storico della città. Un luogo particolarmente significativo proprio nell’occasione della ricorrenza di San Giorgio”, dice il sindaco Alan Fabbri.

“Seguiamo passo passo gli interventi che stanno riportando decoro e piena bellezza a un’opera che è biglietto da visita della città, per chi vi giunge da via Ravenna – sottolinea l’assessore Andrea Maggi -. Interventi resi possibili grazie al coinvolgimento e alla pronta risposta della Cna e delle imprese associate, a cui rinnovo i miei ringraziamenti”. Maggi sottolinea inoltre che il restauro è anche l’occasione per “riappropriarsi di un pezzo di storia cittadina e per riscoprire la storia dei comprotettori di Ferrara”. In particolare, la presenza di San Giorgio, San Maurelio e San Rocco sembra legata alla protezione per le ondate di peste registrate tra sei e settecento.  San Filippo Neri era invece giudicato dai ferraresi fin dal 1677   il “protettore sopra le acque”, quindi probabilmente legato all’invocazione contro i danni provocati dalle inondazioni.

Le opere che nobilitano il ponte di San Giorgio furono eseguite tra il 1784 e il 1786, a spese del “Magistrato della città”, dallo scultore veronese Gaetano Cignaroli (1747 – 1826), figlio di Diomiro (anch’egli scultore) e allievo dello zio Giambettino; e tornarono ad essere posizionate alle estremità del ricostruito ponte, dopo la seconda Guerra Mondiale e a seguito di un  restauro dello scultore Enzo Nenci.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com