Salute
31 Marzo 2023
Multidisciplinarietà e dialogo i punti di forza. Donini e Taruffi: “Fondamentale la valorizzazione dei professionisti e la collaborazione costante con le istituzioni”

In Emilia-Romagna nasce la consulta regionale delle professioni sanitarie e sociosanitarie

Raffaele Donini
di Redazione | 3 min

Leggi anche

Non basta la buona volontà di qualche imprenditore lungimirante

"Leggo oggi con grande dispiacere dell’incidente accorso ai lavoratori di origine pakistana nella zona di Portoverrara. E in linea con il pensiero del sindaco di Portomaggiore, credo che questo debba sollecitare la riflessione di tutti". Interviene la segretaria della Fai Cisl Milena Grassi

Condizioni insostenibili per il mondo agricolo

"Il tragico incidente stradale di ieri pomeriggio, a Portoverrara, nel ferrarese, che è costato la vita a due lavoratori pakistani, ci costringe ancora una volta a riflettere sul mondo agricolo". Intervento di Dario Alba segretario generale della Flai Cgil di Ferrara

Anemia falciforme. Il 19 giugno la Giornata mondiale della drepanocitosi

Il 19 giugno si festeggia la Giornata mondiale della drepanocitosi conosciuta anche come anemia falciforme. Istituita nel 2008 dalle Nazioni Unite la ricorrenza offre l’opportunità di mettere a conoscenza le persone riguardo la malattia, i suoi sintomi, le complicanze e di sensibilizzare la popolazione sull’importanza della consulenza e dei test genetici

Raffaele Donini

Raffaele Donini

Mettere insieme rappresentanti di tutti i professionisti del sistema sociosanitario regionale, per rafforzane la collaborazione multidisciplinare e promuoverne un costante confronto con le istituzioni.Guardando sempre allo stesso obiettivo: garantire ai cittadini dell’Emilia-Romagna prestazioni di qualità e uniformi su tutto il territorio regionale.

Con questo scopo nasce la “Consulta regionale delle professioni sanitarie e sociosanitarie”, istituita dalla giunta regionale che ne ha formalizzato la nascita con una delibera approvata in questi giorni.

Un organismo di partecipazione con funzione consultiva in materia sanitaria e di integrazione sociosanitaria, di cui fanno parte – oltre agli assessori alle Politiche per la salute e al Welfare e al direttore generale della Direzione Cura della persona, Salute e Welfare – 11 rappresentanti dei rispettivi Ordini professionali, Federazioni e Coordinamenti degli Ordini professionali a livello regionale; la composizione potrà essere eventualmente integrata a seguito di nuove richieste. Resterà in carica tre anni – al termine dei quali saranno nominati i nuovi componenti – e opererà a titolo gratuito, senza alcun compenso per i partecipanti e quindi senza alcun onere a carico del servizio sanitario e del bilancio regionale. Un ‘luogo’ di incontro e lavoro a cui potranno essere invitati a partecipare e intervenire anche altri soggetti, in relazione alla specificità delle tematiche trattate.

“Per consolidare e rafforzare il servizio sociosanitario nazionale e migliorare ulteriormente la qualità dell’assistenza ai cittadini è indispensabile valorizzare al massimo le competenze di tutti i professionisti coinvolti – affermano l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, e al Welfare, Igor Taruffi -. E altrettanta importanza, come anche la pandemia ha dimostrato, devono avere il dialogo costante e la stretta collaborazione tra le istituzioni e le rappresentanze professionali di tutti gli operatori del sistema socio-sanitario regionale. A questo duplice obiettivo guarda l’istituzione della Consulta regionale, a cui siamo arrivati grazie all’ascolto dei territori e al proficuo confronto con tutte le categorie coinvolte, che ringraziamo”.

Tra le linee di mandato della consulta, operare nell’ottica dell’integrazione e dell’interdipendenza dei diversi profili e delle competenze professionali che concorrono all’organizzazione dei servizi assistenziali, da garantire ai cittadini in maniera uniforme e omogenea sul territorio regionale; collaborare con le istituzioni e proporre studi e ricerche sull’attività delle diverse categorie professionali.

A far parte della consulta, oltre agli assessori alle Politiche per la salute e al Welfare, il direttore generale della Direzione Cura della persona, Salute e Welfare, sarà un rappresentante per ognuno dei seguenti soggetti: Comitato Unitario degli ordini Professionali della Regione Emilia-Romagna (CUP ER); Ordine Assistenti Sociali dell’Emilia-Romagna; Ordine dei Biologi dell’Emilia-Romagna e delle Marche; Ordine Interprovinciale dei Chimici e dei Fisici dell’Emilia-Romagna; Consulta degli Ordini dei Farmacisti della Regione dell’Emilia-Romagna; Ordine delle Professioni Infermieristiche dell’Emilia-Romagna; Federazione regionale degli Ordini dei Medici chirurghi e odontoiatri dell’Emilia-Romagna; Coordinamento regionale degli Ordini della Professione di Ostetrica dell’Emilia-Romagna; Ordine degli Psicologi dell’Emilia-Romagna; Coordinamento Regionale degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica (TSRM) e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (PSTRP) dell’Emilia-Romagna; Federazione Regionale Emilia-Romagna Ordini Veterinari.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com