Politica
28 Marzo 2023
Uno dei protagonisti delle intercettazioni interviene con una lettera per assicurare la propria estraneità e immagina scopi politici dietro l’inchiesta

Chat neofasciste. Alberto Ferretti: “Sono stato associato a commenti scritti da altri”

di Redazione | 4 min

Leggi anche

Ferrara è una città ostile ai giovani

La crisi della felicità è uno dei tanti problemi, come la disoccupazione, l’abbandono del territorio dei giovani e l’aumento dell’età media, che conta la città di Ferrara

Furti a Malborghetto. Interpellanza dem chiede l’installazione di telecamere

Dopo l'intervento di ieri arriva anche l'interpellanza di Elia Cusinato e Maria Dall'Acqua in merito alla mancata installazione di telecamere a Malborghetto di Boara, nonostante un'altra interpellanza presentata il 12 ottobre scorso e la possibilità di installazione "già stata paventata in Consiglio Comunale il 24 gennaio 2023"

“Confesso che sono rimasto allibito quando mi hanno mandato l’articolo di un quotidiano locale online che mi citava con nome e cognome, associandomi a teoremi e congetture che farebbero impallidire anche Isaac Asimov”. A parlare, anzi a scrivere, è Alberto Ferretti, che sul proprio profilo Facebook pubblica una lettera per dichiararsi totalmente estraneo a quanto pubblicato da Estense.com sul gruppo neofascista che sosteneva il vicesindaco Nicola Naomo Lodi.

Ferretti parte da quella che definisce una “inchiesta-farsa sui Pinguini Estensi, iniziata con le medesime accuse di razzismo, fascismo, addirittura associazione a delinquere e chi più ne ha più ne metta, probabilmente ancor peggio di oggi. Ebbene quelle accuse inaudite finirono praticamente nel nulla, non essendo emerso alcun riscontro nelle lunghe e reiterate indagini sia da parte della polizia che della Procura, tanto che dopo circa tre anni e ben tre richieste di archiviazione, sono state derubricate”.

In realtà il gip ha disposto l’imputazione coatta per lui e altri amministratori per diffamazione aggravata e a giugno si terrà l’udienza preliminare.

All’epoca “dell’aggressione giornalistica ai Pinguini – riprende Ferretti – ritenni di restarmene zitto e buono, senza rispondere a quelle accuse infondate, ingoiando qualsiasi tipo di offesa e minaccia, pompata ad arte per mezzo dei social e di sostenitori faziosi di quel quotidiano (andate a leggere certi commenti… naturalmente mai cancellati, c’è da impallidire), pensando che la sede giusta dove rispondere non fosse quel processo-farsa svolto sui mass media, ma davanti a un tribunale dove poter dimostrare la mia totale innocenza rispetto quei fatti”.

Adesso però “hanno oltrepassato ogni limite, anche quello della legge, pubblicando dati, come loro stessi ammettono, provenienti da una indagine che nulla ha a che fare con le accuse che muovono oggi”. Ferretti assicura di non aver mai pensato o condiviso i contenuti delle conversazioni che lo chiamano in causa: “sono stato accusato per cose inerenti, ad esempio, il razzismo, che non solo non ho mai scritto né pronunciato, ma che nemmeno penso e neppure condivido. Eppure, quel giornale con un lavoro di estrapolazione e copia/incolla da chissà quante chat private, facebook, telegram, messenger, whatsapp, ha associato la mia persona ad alcuni commenti scritti da altri come se fossero detti o condivisi da me. Pazzesco”.

Uno scambio di persona artatamente creato da estense.com insomma secondo Ferretti, che ritiene “un’altra scempiaggine [quella] scritta da quel giornale sul fascista al 200%”.

Ferretti anticipa che “denuncerò tutti coloro i quali hanno scritto simili falsità e/o sostengano tali accuse nei miei confronti, o che in qualsiasi modo commentino i fatti come se io fossi implicato in qualsiasi trama o gruppo o pseudo-tale o potessi addirittura aver commesso qualsiasi reato”.

In una seconda parte Ferretti rivendica la propria vita pubblica fatta “mai in organizzazioni o gruppi pseudo estremisti”, ma “sempre mettendoci la faccia, alla luce del sole, partecipando nelle istituzioni alla vita democratica della mia città e della nazione, candidandomi alle elezioni come consigliere comunale, come sindaco e anche, per due volte, al Senato della Repubblica”.

Anche Ferretti sostiene che dietro l’inchiesta in realtà ci siano motivi politici, con Estense.com manovrato da un ipotetico burattinaio di centrosinistra: “è iniziata la campagna elettorale per le amministrative della sinistra ferrarese! Una campagna elettorale che quindi inizia nel peggiore dei modi possibili, perché se pensano di poter vincere le prossime elezioni amministrative con sistemi che farebbero impallidire la Stasi e il Kgb staliniani voglio proprio vedere dove questo li porterà”.

Ferretti annuncia inoltre che si recherò presso la Questura per fare denuncia e per sapere se esistono “gruppi neofascisti che vogliono conquistare la città dei quali addirittura io farei parte, perché questo proprio non lo sapevo, ma questo sta scrivendo quel giornale, e la polizia credo ne sappia qualcosa più di loro, visto che è sua la prerogativa fare quel tipo di indagini”.

Polizia che peraltro, aggiunge, “mi conosce assai bene, sia per averne fatto parte per oltre sei anni, ma anche per aver organizzato in tanti anni di attività pubblica: manifestazioni, eventi, raccolte firme, sia come esponente politico che in ambito culturale e di promozione sociale e anche con le associazioni di cittadini e residenti”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com