Cronaca
22 Marzo 2023
Venne assolto per l'omicidio della madre perché incapace di intendere e volere. Ma è socialmente pericoloso

Omicidio di via Ghiara. Franzolin è entrato in una Rems

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Prese a calci un carabiniere al Sant’Anna, condannato

Se l'è cavata con la condanna a un anno - in rito abbreviato - il 31enne pluripregiudicato di nazionalità marocchina, finito a processo con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento per aver fatto il diavolo a quattro all'ospedale di Cona

Scambio di droga in Gad. Arrestato un pusher 29enne

Ancora droga in Gad dove, nella serata di martedì 18 giugno, all'interno di un parcheggio in via Lucrezia Aguiari, i carabinieri hanno notato un 29enne di nazionalità nigeriana mentre stava cedendo due involucri di cellophane a un 22enne italiano, che gli dava 40 euro in cambio

Controlli interforze a 56 autovetture e 68 persone

Nuovi controlli interforze nel pomeriggio del 17 giugno. Le attività sono state finalizzate a individuare situazioni di illegalità, con particolare riferimento all’individuazione di soggetti che pongono in essere condotte legate ai reati di natura predatoria e allo spaccio di sostanze stupefacenti

Confessa in classe a 13 anni che il genitore abusa di lei

“Tu sei mia figlia e faccio quello che voglio”. È una delle frasi shock riferite da una ragazzina di 13 anni in classe. La classe che frequenta la tredicenne stava affrontando una lezione di educazione sessuale. Nel corso di quest'ora la giovane avrebbe detto a voce alta, di fronte a docenti e compagni, che il genitore le rivolgeva frasi e attenzioni particolari

Umiliava due persone disabili che doveva accudire

Un uomo di 42 anni è a processo per violenza privata aggravata nei confronti di due persone con disabilità a livello psichico e fisico, ospitate nella struttura socio-riabilitativa in cui lui - all'epoca dei fatti - lavorava come operatore socio-sanitario

Ha lasciato il carcere dell’Arginone di Ferrara per essere trasferito nella Rems (residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza) di Reggio Emilia. Dove rimarrà per almeno dieci anni.

Stefano Franzolin, assolto dalla della Corte di Assise dal reato di omicidio, è stato assolto lo scorso 2 marzo perché ritenuto totalmente incapace di intendere e volere al momento del fatto.

Franzolin, il 22 marzo 2021, aveva soffocato con un cuscino la madre, la 75enne Alberta Paola Sturaro, nella loro casa di via della Ghiara.

Un omicidio sui generis, tanto che la stessa pm Ombretta Volta sembrava non voler credere alla sua confessione.

Pare che all’origine del gesto vi sia stato un rimprovero da parte della madre, che gli avrebbe detto “sei peggio di tuo papà”, cosa da lui percepita come una grossa offesa collegata evidentemente alla separazione dei suoi genitori, e vedendo forse minato il grande attaccamento che aveva per lei. Per questo avrebbe pensato di non farla più parlare e soffocarla.

Franzolin, preso dalla disperazione per quanto aveva fatto, aveva anche minacciato il suicidio, sventato grazie all’attività di mediazione dell’avvocato Alberto Bova che lo ha fatto ragionare e uscire dalla stanza nella quale si era barricato. L’uomo aveva anche lasciato un biglietto di commiato, avvertendo il fratello Alessandro e la sorella Sonia – anche loro conviventi con lui e la madre – che aveva lasciato il libretto della caldaia sul tavolo.

Nonostante l’assoluzione, Franzolin è sottoposto, come misura cautelare dovuta alla sua pericolosità sociale, alla residenza obbligata in una Rems per almeno dieci anni, dove è entrato lo scorso 16 marzo.

Passati dieci anni Franzolin verrà sottoposto a una perizia psichiatrica per valutare se la sua pericolosità sociale è venuta meno, si è attenuata o persiste. In caso di parere negativo del perito, il tribunale di sorveglianza disporrà una proroga del periodo.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com