Politica
20 Marzo 2023
L'avvocato difensore della consigliera replica al vicesindaco sul caso delle lettere minatorie ponendo alcuni paletti. E respingendo le insinuazioni su una sua candidatura nel centrosinistra

Caso Arquà, Anselmo a Lodi: “La vicenda ha punti fermi, le chiacchiere stanno a zero”

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Caccia al violentatore. Il dna potrebbe incastrarlo

Proseguono senza sosta le indagini della Squadra Mobile di Ferrara per identificare l'uomo che, nella serata di mercoledì 19 giugno, in zona Rampari San Paolo, ha violentato sessualmente una ragazza di 20 anni, studentessa fuori sede

L’autista lo vuole far scendere e lui lo minaccia con un’accetta

Aveva preso un autobus per recarsi a Porto Garibaldi, ma il suo viaggio è finito all'interno di una vettura dei carabinieri. Un uomo di 47 anni, di nazionalità italiana, residente a Monza e con alcuni precedenti alle spalle, è stato arrestato con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, interruzione pubblico servizio e porto di strumento atto a offendere

Sfrecciano in autostrada con una valigia con dentro 22 chili di droga

La Polizia stradale di Altedo nel corso di un controllo di un mezzo pesante nell’area di servizio Po Ovest, sull'autostrada A13, tra Ferrara e Rovigo, ha notato una Jeep Compass procedere a tutta velocità in direzione Bologna. Gli agenti si sono messi subito all'inseguimento del mezzo

Studentessa violentata in Rampari San Paolo. Caccia all’aggressore

Indagini serrate da parte degli uomini della Squadra Mobile di Ferrara, che in queste ore sono al lavoro per individuare l'uomo che, nella serata di mercoledì 19 giugno, in zona Rampari San Paolo, ha violentato sessualmente una ragazza di 20 anni, studentessa fuori sede

Cadono calcinacci dalla Torre dei Leuti, sopralluogo dei pompieri

Sopralluogo e contestuali operazioni di messa in sicurezza per i vigili del fuoco che, nella mattinata di venerdì 21 giugno, poco prima delle 10, sono intervenuti in corso Porta Reno per la caduta di alcuni calcinacci lapidei dall'antica Torre dei Leuti, risalente al IX secolo

Se da una parte il vicesindaco Nicola Lodi si difende cercando di smontare dalla sua pagina Facebook quella che considera come una “nuova ricostruzione” dei fatti sulla vicenda Arquà fornita dall’avvocato difensore Fabio Anselmo, descritto come “amico del Pd” e, a suo dire, “prossimo candidato del centrosinistra”, dall’altra è lo stesso Anselmo a precisare alcuni “punti fermi” della nota vicenda sulle lettere minatorie della consigliera Rossella Arquà indirizzate al vicesindaco, dimissioni e contenzioso col Comune compresi.

Quelli enunciati da Anselmo sarebbero “fatti e non candidature estemporanee e improbabili”. In primo luogo il legale precisa che “la consigliera Rossella Arquà ha fin dall’inizio ammesso le proprie responsabilità riguardo le lettere anonime pervenute alla sede della Lega di Ferrara contestando tuttavia ogni responsabilità in ordine a quelle che sarebbero state recapitate a mezzo posta in luoghi diversi e contenenti proiettili, lettere queste ultime, per le quali “la Arquà è stata archiviata come ben sa la persona offesa”.

In quanto alle lettere destinate alla sede della Lega di Ferrara “la signora Rossella Arquà ha fin da subito contestato la concreta efficacia intimidatoria nei confronti del signor Nicola Lodi”, di tutte le lettere, e “ogni rilievo e critica sulle risultanze delle indagini è stata da tempo formalizzata in precise memorie e non ritengo opportuno in questa sede soffermarmici”.

Poi Anselmo passa al capitolo delle dimissioni della consigliera Rossella Arquà, fatte firmare, com’è noto, in corsa sopra i cassonetti dell’immondizia, per strada, dal presidente del consiglio comunale Lorenzo Poltronieri, dimissioni che il Consiglio di Stato, ribaltando la sentenza del Tar, ha cancellato accogliendo il ricorso presentato dalla consigliera contro la delibera del Comune di Ferrara che accoglieva le sue dimissioni e confermava la surroga di Stefano Franchini al suo posto. L’Arquà, spiega Anselmo, “è stata indotta a rassegnare le dimissioni da consigliera comunale in circostanze del tutto incongrue ed incompatibili con la piena consapevolezza che la legge esige per il regolare compimento di un atto così grave e definitivo”. Quindi “nonostante la strenua difesa del Comune di Ferrara, la signora Rossella Arquà è tornata a sedere a pieno titolo sui banchi del consiglio comunale di Ferrara. Il Comune di Ferrara è stato altresì condannato dal Consiglio di Stato a rifonderle le spese liquidate dai Giudici”.

“Questi sono i fatti – conclude Anselmo – se ne faccia una ragione il signor Nicola Lodi. Fatti e non candidature estemporanee ed improbabili. A meno che non sia lui stesso a pensare di volermi tra le file del suo partito, magari seduto affianco proprio alla consigliera Arquà. Scherzi a parte questi sono i fatti e, come si dice a Roma, ‘le chiacchere stanno a zero'”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com