Salute
28 Gennaio 2023
Il Servizio contribuisce alla gestione diagnostica-terapeutica delle stesse e all’isolamento delle forme più contagiose

L’Unità Operativa di Malattie Infettive coinvolta nella Giornata delle Malattie Infettive Neglette

di Redazione | 3 min

Leggi anche

La Rivana sarà il quartiere del circo

La Rivana sarà al centro della riqualificazione, rigenerazione e messa in sicurezza per ospitare gli operatori dello spettacolo viaggiante, storicamente attivi e presenti da generazioni a Ferrara

“Non ci casco”. Informare per tutelare

Informare è la prima forma di tutela. Continua, all'interno delle contrade del Palio, il giro di illustrazione della campagna 'Non Ci Casco', realizzata dall'assessorato alle politiche sociali del Comune di Ferrara per fornire alla cittadinanza gli strumenti per difendersi da truffe e raggiri, fenomeni ai quali sono maggiormente esposti gli anziani

Cure palliative, oltre 16mila pazienti presi in carico in un anno

In aumento in Emilia-Romagna il numero di cure palliative (anche pediatriche) a favore dei pazienti assistiti da almeno un nodo della rete nell’anno attraverso le cure palliative domiciliari, hospice (23 strutture con oltre 300 posti a disposizione), ambulatori e ospedali

Marco Libanore

Il 30 gennaio viene celebrata la Giornata mondiale per la lotta alle Malattie Infettive Neglette che costituiscono un gruppo eterogeneo di infezioni causate da virus, batteri, parassiti, funghi e tossine. Tra le più importanti in termini di impatto epidemiologico ricordiamo: l’ulcera del Burul, la tripanosomiasi americana o malattia di Chagas, la dengue, la dracunculosi, l’echinococcosi cistica, le trematodiasi alimentari, la tripanosomiasi africana umana, la leishmaniosi, la lebbra o malattia di Hansen, la filariosi linfatica, il micetoma e altre micosi profonde, l’oncocercosi (cecità fluviale), la rabbia, la scabbia e altre ectoparassitosi, la schistosomiasi  o Bilharziosi, le elmintiasi, la teniasi e cisticercosi, il tracoma, la framboesia o treponematosi endemiche e l’avvelenamento da morso di serpente.

L’Unità Operativa di Malattie Infettive dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, diretta dal dottor Marco Libanore, contribuisce alla gestione diagnostica-terapeutica delle stesse e all’isolamento delle forme più contagiose. Il Servizio partecipa, inoltre, al Sistema di Sorveglianza che rientra nel Registro Nazionale dei casi di Leishmaniosi.

“La lotta alle malattie infettive neglette – mette in evidenza Libanore – deve essere un obiettivo anche per la nostra Sanità, in quanto contribuisce a ridurre le disparità di salute globale tra le popolazioni del pianeta e a mitigare la povertà nelle regioni dove esse sono più diffuse. A causa dei fenomeni sociali e dei viaggi internazionali per l’incremento osservato, anche nel nostro Paese, dobbiamo essere sempre più consapevoli che il fenomeno è in espansione e richiede un approccio multidisciplinare, che per quanto riguarda le strategie di controllo a livello di comunità, coinvolgono oltre alla medicina, scienze come la entomologia, la veterinaria, l’agricoltura, l’ingegneria, l’antropologia e la sociologia. E’ importante sapere che gli interventi per il controllo delle malattie infettive neglette, come la chemioterapia preventiva e la diagnosi e il trattamento intensivo dei casi, favoriscono sia l’individuo (nel quale viene ridotto il rischio di sviluppare la malattia grazie ai farmaci) ma anche la comunità, in quanto essa trae giovamento dalla cura dell’infezione nei malati”.

L’Oms ha più volte ribadito la necessità di incrementare la prevenzione e il controllo di queste patologie infettive per troppo tempo dimenticate. Le malattie neglette sono presenti in tutto il mondo e colpiscono più di un miliardo di persone, causando oltre mezzo milione di morti l’anno. Sono diffuse soprattutto tra le popolazioni povere e marginalizzate, specialmente quelle rurali, in cui vi è una grave carenza del sistema sanitario. Si tratta di malattie tendenzialmente croniche e disabilitanti, spesso associate a stigma ed esclusione sociale. Sono infatti responsabili di epidemie ripetute che aggravano le condizioni sociali e sanitarie delle popolazioni colpite, favorendo il ripetersi di malattie e povertà, e limitando le prospettive di sviluppo di intere comunità. Le malattie neglette sono prevalenti nelle aree tropicali e subtropicali, tuttavia sono diffuse in tutto il mondo a causa di viaggi internazionali, fenomeni migratori, movimentazione degli animali, commercializzazione internazionale di prodotti alimentari e cambiamenti climatici globali, che estendono l’area di competenza per la presenza di insetti vettori e di ospiti mammiferi e uccelli, in grado di diffondere facilmente questi patogeni.

In Italia queste malattie trovano sempre più riscontro per gli innumerevoli mutamenti sociali osservati nel corso degli ultimi anni. Uno studio condotto nel nostro Paese nel periodo compreso tra il 2011 e il 2018 in una decina di Centri sentinella del territorio nazionale ha portato ad identificare 4.132 casi di questo tipo.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com