Attualità
11 Gennaio 2023
L'intervento avrà durata un anno. Previste aree accoglienza turisti, terreni per laboratori didattici e sale per prodotti tipici

Casa dell’ortolano, la prossima settimana la consegna dei lavori per 1,3 milioni di euro

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Caccia al violentatore. Il dna potrebbe incastrarlo

Proseguono senza sosta le indagini della Squadra Mobile di Ferrara per identificare l'uomo che, nella serata di mercoledì 19 giugno, in zona Rampari San Paolo, ha violentato sessualmente una ragazza di 20 anni, studentessa fuori sede

Il caporalato non lo si combatte da soli

I fatti di cronaca legati a casi di sfruttamento dei lavoratori agricoli nel territorio di Portomaggiore e non solo e il cosiddetto fenomeno del Caporalato mettono in evidenza un problema che i sindacati denunciano ormai da qualche anno, ovvero ancor prima che il governo varasse la conosciuta legge sul contrasto al caporalato

Un decalogo per difendersi dalle ondate di calore

Le ondate di calore si verificano quando si registrano temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate a tassi elevati di umidità. Quali sono i rischi per la nostra salute, come evitarli e quali sono i servizi sul territorio?

Patrick Zaki a Ferrara per gli Emergency Days

Ferrara si prepara ad accogliere la XIV edizione degli “Emergency Days”, che si svolgerà tra 25 e 29 giugno 2024 nel centro sociale Il Parco. E lo fa nel segno dei diritti, a partire da quelli sottratti a Patrick Zaki

Il complesso della Casa dell’Ortolano

Locali per accogliere cicloturisti, guide, accompagnatori, un punto ristoro, una ‘sala degustazione’ di prodotti tipici, orti, filari di vite, un’area per piccoli animali da cortile, un terreno agricolo per laboratori e attività didattiche: entra nella fase attuativa il percorso che condurrà alla nuova Casa dell’ortolano, l’antica area di 3mila metri quadrati, già residenza bracciantile realizzata tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo e posta nel vallo delle mura sud, a due passi dal baluardo di San Lorenzo (1583). I lavori saranno affidati la prossima settimana, per un importo di circa 1,3 milioni di euro. Le imprese esecutrici saranno la Navarra Srl e la Costruzioni Generali Zoldan Srl, entrambe di Roma.

Al centro dell’intervento, che avrà durata di un anno circa: la valorizzazioni dell’antica casa bracciantile e della vicina ex stalla\fienile a scopo turistico, anche alla luce della posizione strategica: a due passi da porta Paola, lungo il percorso delle mura, nei tracciati ciclabili e pedonali che corrono lungo il perimetro delle fortificazioni.

Nel dettaglio: la vecchia casa bracciantile, dopo il recupero,  accoglierà una piccola struttura ricettiva per  cicloturisti, guide o accompagnatori per tour organizzati, dotata di un servizio di noleggio bici e di un’area attrezzata per l’assistenza meccanica. Il fabbricato un tempo destinato alle stalle ospiterà  un punto ristoro e attività di valorizzazione di prodotti gastronomici, oltre a sale multifunzionali al primo piano.

L’ area scoperta di pertinenza sarà ripensata anche attenendosi alla sua antica funzione di corte colonica con aia centrale e annesso terreno agricolo: sarà quindi uno spazio didattico-educativo per la diffusione della cultura e della tradizione del territorio rurale, caratterizzato da orti, da filari di vite, dalla presenza di alcuni piccoli animali da cortile e da zone attrezzate ad uso pubblico.

La realizzazione dei lavori sui due fabbricati prevede importanti azioni strutturali, impiantistiche e architettoniche che verranno attuate applicando e seguendo le linee del protocollo di certificazione volontaria del livello di sostenibilità degli interventi di conservazione, riqualificazione, recupero e integrazione di edifici storici (protocollo Gbc Historic Building) nell’intento di favorire un elevato livello di sostenibilità mediante la valorizzazione del costruito storico.

“È un momento importante – dice il sindaco Alan Fabbri – perché segna il concretizzarsi di un percorso complesso e di una promessa mantenuta: l’acquisizione e il recupero di un’area dalla grande vocazione turistica, ambientale, agricola, storica . Un’area che – proprio in aderenza alla sua vocazione – abbiamo destinato alla valorizzazione sia delle antiche tradizioni contadine, sia delle mura, perfettamente integrata nell’ambito di una rinnovata porta d’ingresso alla città. La nuova Casa dell’ortolano si inserisce infatti in un contesto che può contare su: il nuovo punto di  accoglienza e informazione turistica a Porta Paola (gestito dalla Strada dei Vini e dei Sapori), la nuova e vicina sede Fiab, il nuovo locale affacciato su piazzale Donatori di Sangue, i primi passi verso la riqualificazione della vicina piazza Travaglio, i fondi Pnrr intercettati per la bonifica del sito ex Amga, dopo le demolizioni degli edifici dismessi”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com