@home
9 Gennaio 2023

Prezzi degli immobili: le previsioni per il 2023

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Nonostante le criticità economiche che hanno caratterizzato il 2022 – caro energia e crisi delle materie prime innanzitutto – l’interesse verso l’acquisto della casa rimane alto. Nulla di strano: dopotutto, nei decenni, il mattone è rimasto un punto di riferimento inossidabile.

Nel momento in cui si decide di acquistare casa, sono diversi gli aspetti sui quali è bene informarsi. Tra questi, rientrano i prezzi degli immobili. Cosa ci si deve aspettare, da questo punto di vista, per l’anno da poco iniziato?

Il 2023, secondo recenti e autorevoli previsioni, sarà un anno di crescita per il settore. Accanto ai dati positivi, è il caso di citare anche il divario notevole tra la situazione del Nord, zona del Paese che si è ormai definitivamente lasciata alle spalle le problematiche del Covid, e il Sud, che ancora arranca.

Per quanto riguarda la tematica specifica dei prezzi al metro quadro, un’analisi che ha preso considerazione 12 città italiane ha scoperto che, nel 2023, la crescita più grande è prevista a Genova, dove ci si aspetta, su base annuale, un incremento del 4,5% al metro quadro.

In seconda posizione troviamo Bologna, dove il 2023, secondo gli esperti del settore real estate, potrebbe essere caratterizzato da un aumento dei prezzi delle case al metro quadro pari al 3,9%. La medaglia di bronzo spetta invece a Verona, città dove, nel corso dell’anno iniziato da pochi giorni, i prezzi delle case cresceranno del 3,2% circa.

La corsa di Milano

Milano merita un’analisi a parte quando si parla della situazione del mercato immobiliare in Italia, soprattutto dopo il cigno nero del Covid e la ripresa del 2021. Il capoluogo lombardo, nel 2023, vedrà i prezzi delle case aumentare del 2,9%.

Sotto la Madonnina verrà sfondata la soglia psicologica dei 5300 euro al metro quadro – prezzo medio ovviamente – in un periodo caratterizzato da grandi cambiamenti in città. Non dimentichiamo, infatti, che Milano si appresta a ospitare, nel 2026, le Olimpiadi Invernali. La preparazione all’evento sta impattando positivamente su diverse zone della città, tra le quali è possibile citare l’ex scalo ferroviario di Porta Romana.

A Milano è degna di nota anche l’apertura della linea metropolitana M4, che prevede il collegamento della città con Linate. Alla luce di ciò, si può parlare ancora una volta di riqualificazione di diverse zone urbane.

Le altre città

Come andranno le cose nelle altre città? A Torino, gli esperti prevedono una crescita dei prezzi al metro quadro pari all’1,5%.

Guardando invece alle Regioni dell’Italia meridionale spiccano i casi di Napoli, dove è prevista una perdita di quota dei prezzi al metro quadro dell’1,5%, e quello di Palermo. Il capoluogo siciliano, nel corso del 2023 dovrebbe vedere le quotazioni immobiliari ridursi dell’1% circa al metro quadro.

Come accennato all’inizio dell’articolo, il Sud si caratterizzerà per un allontanamento rispetto alla generale omogeneità del Paese, dove, in linea di massima, l’anno sarà all’insegna della crescita delle quotazioni.

Accanto a questo trend, si potrà riscontrare un calo delle transazioni immobiliari, situazione frutto soprattutto delle incertezze economiche provocate dall’inflazione.

Consigli per cercare casa nel 2023

Alla luce di quanto appena specificato, nel momento in cui si decide di iniziare a cercare casa nel 2023 è necessario muoversi con metodo. Fondamentale, prima di tutto, è avere pazienza. Considerando sia i prezzi più alti, sia la riduzione delle nuove costruzioni, può non essere facile trovare subito l’immobile adatto alle proprie esigenze. Un buon punto di partenza è la selezione attenta degli annunci di vendita case. Siti come ImmobiliOvunque, portale online da 5 anni ormai, li propongono con un criterio specifico: la redazione da parte di agenzie immobiliari certificate. In questo modo, è possibile avere la garanzia di un livello eccellente di qualità, spesso impensabile quando ci si interfaccia direttamente con il venditore privato.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com