Faccio il sovversivo
15 Dicembre 2022

Sarà un Natale triste… per i poveri

di Faccio | 2 min

Leggi anche

La marcia dei 1.500 per dire no al Cpr

Ferrara dice ancora no con forza ai Cpr, e questa volta ha deciso di farlo con la voce di più di 1.500 persone che nel corteo di sabato pomeriggio (2 marzo) hanno preso parte alla manifestazione che ha riunito decine di forze, politiche e non, verso un'unica direzione: chiudere i dieci Cpr presenti in Italia e fare in modo che mai ne sia aperto uno a Ferrara

Ombre nere su Ferrara. Gli indagati diventano trenta

Sale a trenta il numero degli iscritti nel registro degli indagati per l'inchiesta "Bravi Ragazzi" che, dietro il coordinamento della Procura di Ferrara, vede oggi al lavoro gli uomini della Digos per far luce su quanto accaduto nel ristorante 'La Fraschetta' di via Carlo Mayr lo scorso 22 dicembre, quando una festa di compleanno 'in maschera' tra amici è degenerata tra cori inneggianti a Benito Mussolini e Adolf Hitler e la distribuzione di volantini beceri e di pessimo gusto

Più sicurezza sui luoghi di lavoro

Unire e ottimizzare gli sforzi per elevare le condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro e contenere il rischio di infortuni con la messa a punto di strategie condivise nel contesto di una sinergica e più efficace collaborazione tra istituzioni

Carabiniere picchiato in Gad. Il raid per gelosia

Sono un padre, 46enne di nazionalità macedone, e suo figlio di 22 anni gli autori dell'aggressione ai danni del carabiniere del Norm di Ferrara che, nel pomeriggio di giovedì 29 febbraio, mentre si trovava fuori servizio, è stato picchiato in via monsignor Luigi Maverna, zona in cui ha sede l'Agenzia delle Entrate, dietro la stazione ferroviaria, in Gad

Saranno almeno 6/7 anni che prevedo la vittoria di questa destra e Giorgia Meloni come la prima presidente del consiglio di sesso femminile.

Si sì, lasciamoli lavorare: mentre diciamo cosi, questi hanno già cominciato e lavorano, eccome se lavorano…

Lavorano perché  la Pace sociale sia come piace a loro.

Lavorano per i loro interessi.

Lavorano sempre per i ricchi e mai per i poveri, fa parte della storia e la storia si ripete, sempre.

Il problema principale è che tanti colleghi, operai metalmeccanici come me, credono in questi signori, credono alle menzogne e alle balle che ogni giorno si sentono alla TV.

Proviamo a guardare il telegiornale di Italia1 o di Rete4 (ma anche il Tg1, scandaloso) con spirito critico…

Si può intuire facilmente cos’hanno intenzione di fare con i 5.500 € di regalo a se stessi per le feste di Natale per comprare tablet, telefonini, andare a teatro o al cinema, togliendo ai giovani neodiciottenni 500€ da spendere in interessi culturali.

Immaginate un giovane che aspetta questo momento e che programma una serie di eventi, concerti, libri da acquistare ecc ecc… e si ritrova a dover chiedere denaro alla propria famiglia.

Ah beh certo, i figli dei politici di turno possono sempre chiedere i soldi che le loro mamme o i loro papà si sono autofinanziati, gli altri possono scoppiare tutti.

Famiglie che non arrivano alla fine del mese, secondo voi hanno 500€ da regalare ai propri figli per andare al cinema o a teatro?

È proprio quello che vogliono: se i giovani leggono, si informano e vanno ad iniziative culturali certamente non votano la destra.

E non diciamo che siamo di fronte a un governo di sprovveduti, perché non è vero, sanno perfettamente dove colpire e chi colpire.

Bisogna dir loro chiaramente che stanno distruggendo la povera gente, togliendo speranze ai giovani.

Sarà un Natale triste, l’essere umano sta fallendo, lo si vede dal fatto che a volte ci si sente meglio quando gli altri stanno male e per fortuna in quel momento non tocca a noi.

Le chiese saranno piene di politicanti, la notte di Natale, tutti vestiti impeccabilmente, le signore impellicciate e i mariti con l’abito su misura. Beh, io credo che non sia quello che occorre, non serve la facciata, ma la sostanza; fare beneficenza davanti alle telecamere in occasione delle festività per sentirsi  in pace con se stessi non basta, la verità è che dovreste vergognarvi e chiedere scusa.

Buon natale e felice anno

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com