Politica
29 Novembre 2022
Il consiglio comunale non si tiene dal 7 novembre. Non convocate nemmeno le commissioni

Dopo il caso Arquà tutto fermo in Municipio

di Redazione | 2 min

Leggi anche

La marcia dei 1.500 per dire no al Cpr

Ferrara dice ancora no con forza ai Cpr, e questa volta ha deciso di farlo con la voce di più di 1.500 persone che nel corteo di sabato pomeriggio (2 marzo) hanno preso parte alla manifestazione che ha riunito decine di forze, politiche e non, verso un'unica direzione: chiudere i dieci Cpr presenti in Italia e fare in modo che mai ne sia aperto uno a Ferrara

L’ex capo della Mobile nella lista della Lega

Portare in municipio i concetti di “servizio” e “presenza”. È l’impegno di Pietro Scroccarello, ex capo della Squadra mobile, oggi in pensione, che si candida al consiglio comunale nella lista della Lega

Anche a Ferrara FdI solidarizza con la polizia

Fratelli d'Italia Ferrara solidarizza con le forze dell'ordine, "prese di mira in particolare nelle ultime settimane da inaccettabili aggressioni fisiche, ma anche mediatiche e politiche"

La giunta di Ferrara (foto di Riccardo Giori)

L’ultimo consiglio comunale risale al 7 novembre. Da un mese non vengono convocate nemmeno le commissioni consiliari. Dopo la sentenza del Consiglio di Stato che ha dichiarato illegittime le dimissioni di Rossella Arquà e che ordina all’amministrazione comunale di procedere al reintegro della consigliera leghista, sembra che sul Municipio sia calata una fitta coltre di nebbia.

Tanto che l’intera opposizione, insieme ai tre consiglieri leghisti ‘ribelli’ confluiti in Ferrara Nostra, chiedono con un documento congiunto alla giunta Fabbri di attivarsi per garantire lo svolgimento delle attività degli organi democratici della città.

A partire magari dalla commissione Sport, della quale si sono perse le tracce. “La scorsa primavera la stampa locale, riportava le dichiarazioni del presidente di una società natatoria circa le modifiche che la Giunta intendeva apportare ai criteri di assegnazione delle ore vasca delle piscine comunali”, scrivono Partito Democratico, Ferrara Nostra, Ferrara Bene Comune, Azione Civica, Movimento 5 Stelle e Gruppo Misto.

Le scorse settimane, poi, “sono apparsi articoli sui media locali, con dichiarazioni delle società natatorie, alcune di rivendicazioni altre di preoccupazione circa eventuali modifiche dei criteri di assegnazioni degli spazi natatori, in particolare ai gruppi consiliari è stata trasmessa una nota che parlava a nome di ottanta famiglie, la quale manifestava preoccupazione per eventuali stravolgimenti logistici dovuti ad eventuali modifiche del piano orario nell’assegnazione delle piscine comunali”.

L’argomento è sentito da molti cittadini, visto che “le famiglie che iscrivono i loro figli ai corsi di nuoto hanno bisogno di chiarezza, così come le società che investono risorse economiche e umane necessitano delle dovute garanzie sull’utilizzo di criteri obiettivi e certi, senza incertezze sulle possibili modifiche che possano mettere a rischio gli investimenti e l’attività di società che impiegano decine di lavoratori dello sport”.

Alla luce di tutto questo i consiglieri chiedono la convocazione urgente della 5^ Commissione Consiliare “per conoscere la posizione della Giunta e discutere circa i criteri di assegnazione degli spazi natatori”.

Ancora più diretta Anna Ferraresi, che chiede all’amministrazione via e-mail “quando sarà pronto l’atto che reintegra Rossella Arquà”. Nell’attesa di risposta, la consigliera del Misto manifesta la propria indignazione “per la paralisi dell’attività democratica, dovuta come ben sappiamo, al boicottaggio della maggioranza al reinserimento della consigliera”.

Ferraresi avverte che, “qualora persista tale assurda situazione, provvederò a segnalarla alla sede di governo prefettizia”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com