Comacchio
26 Novembre 2022
I giovani, con la pettorina gialla di "Puliamo il Mondo", hanno raccolto circa 250 chili di rifiuti abbandonati e spiaggiati

Gli studenti del Remo Brindisi e Legambiente ripuliscono la spiaggia di Lido Estensi

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Pnrr. A Comacchio parte il cantiere alla Casa della Comunità

Al via il cantiere Pnrr alla Casa della Comunità di Comacchio. A partire da martedì 27 febbraio inizieranno i lavori di riqualificazione e miglioramento dell'accessibilità della struttura sanitaria grazie a un finanziamento di complessivi 114mila euro dal Piano nazionale di ripresa e resilienza

Lido degli Estensi. Durante la calda e soleggiata mattina di lunedì 21 novembre la spiaggia libera del Lido degli Estensi si è riempita di alunni con la pettorina gialla di “Puliamo il Mondo” di Circolo Legambiente Delta del Po. Gli alunni della 1A e 1C indirizzo Enogastronomia dell’istituto Remo Brindisi del Lido Estensi hanno raggiunto le dune e la battigia del Lido degli Estensi per raccogliere i rifiuti abbandonati e spiaggiati.

Commenta così l’iniziativa Sandro Beltrami, assessore con delega al decoro della città: “Un nuovo importantissimo momento che coinvolge le giovani generazioni, nella sensibilizzazione rispetto alla valorizzazione e tutela del nostro territorio, con una ricaduta importantissima in termini di educazione e promozione di azioni di civismo attivo”.

Indossati i guanti, gli alunni del “Brindisi” hanno setacciato le dune e la spiaggia raccogliendo rifiuti in una decina di sacchi pesanti, per circa 250 kg. Grazie all’iniziativa, gli alunni hanno potuto riflettere sulla quantità di plastica che viene abbandonata, posto domande sulla possibilità offerte dalla tecnologia che deve progredire e aumentare il recupero a seconda vita di questo interessante polimero. Come concordato con Clara spa e Coop Brodolini, i rifiuti sono stati separati in vetro, plastica e indifferenziato.

La manifestazione “Zero plastica in mare” nasce progetto ideato e condotto dalla professoressa Caterina Bonazza, insegnante all’Istituto Remo Brindisi del Lido degli Estensi, grazie alla collaborazione del Circolo Legambiente Delta Po, con il presidente Marino Rizzati e altri volontari.

Un’attività virtuosa che crea merito, ma anche segno di maturità. Raccogliere i rifiuti lasciati da altri è una pratica che testimonia la sensibilità dei giovani nell’affrontare i problemi ambientali. Oggi la conoscenza dei meccanismi che provocano i cambiamenti climatici e le conseguenze di danni all’ambiente e alle persone che vivono sulla nostra costa viene trattato dai media, dagli scienziati e dai professori nelle scuole.

A questo sistema di informazioni si aggiungono le associazioni del Terzo settore, in questo caso il Circolo Legambiente, che periodicamente chiama a raccolta giovani per raccontare cosa significa evitare la plastica in mare, ma anche indurli a gesti collettivi virtuosi.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com