Attualità
1 Ottobre 2022
Evento organizzato dall'Ordine degli Architetti Ppc in collaborazione con Acer Ferrara per raccontare il progetto e il processo di rigenerazione urbana dell'ex Palaspecchi

Rigenera, le Corti di Medoro tra passato, presente e futuro

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Lavori a Baura, protestano i residenti per i danni

I lavori di consolidamento spondale a cura del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara iniziati a fine marzo in via Scornia, nella frazione di Baura (tra via Massimo d'Azeglio e via Monte Oliveto) hanno lasciato strascichi: danni alla strada e lamentele dei residenti

Servono azioni per salvaguardare le testimonianze del passato

Beatrice Fontaine, presidente della Sezione Emilia Romagna dell’Associazione Dimore Storiche Italiane, interviene al Salone Internazionale. "Ritengo fondamentale creare un vero e proprio gioco di squadra tra tutti i soggetti coinvolti così da tutelare e valorizzare i beni culturali"

Paolo Bruni ricorda il giornalista e amico Franco Di Mare

“Conobbi Franco oltre vent’anni fa nei corridoi di Rai 1, all’alba. Franco infatti assunse la conduzione di Unomattina all’inizio degli anni 2000 dopo la lunga esperienza di inviato speciale Rai nelle guerre dei Balcani e nei principali teatri di crisi internazionali in Africa e in tutto il mondo”

Taglio del nastro per “Ceramica in Festa”

Ceramica in Festa è cominciata! Questa mattina, taglio del nastro e breve cerimonia inaugurale per dare il via all’evento – giunto alla terza edizione - organizzato da Cna per celebrare la tradizione ferrarese della ceramica e valorizzare l’attività dei nostri ceramisti

Grande successo per l’evento organizzato giovedì (29 settembre) dall’Ordine degli Architetti Ppc di Ferrara in collaborazione con Acer Ferrara per raccontare il progetto e il processo di rigenerazione urbana dell’ex Palazzo degli Specchi, oggi Corti di Medoro.

Un intervento di 50.000 mq, residenze, uffici, polo sportivo, ricettività alberghiera, 500 miliardi di lire di investimenti ultimati nel 1989 dall’aspetto estremamente moderno per i tempi tanto da essere denominato Palaspecchi. Mai utilizzati perché fu scoperta un infiltrazione mafiosa nei finanziamenti.

30 anni di abbandono, poi dal 2008 al 2020, attraverso passaggi di piano e coinvolgimenti pubblici e privati, questo primo intervento di 21.000 mq che restituisce alla città 188 tra bilocali e trilocali, 153 posti letto per studenti, 10.000 mq di verde pubblico, 44 alloggi in co-living, 500 mq di servizi integrati per gli abitanti e a livello commerciale.

A raccontarlo venerdì tutti gli attori dell’intervento : Daniele Palumbo, presidente Acer Ferrara, Diego Carrara, direttore Acer Ferrara, il Comune di Ferrara e l’assessore Andrea Maggi, l’architetto Roberta Fusari, ex Assessore all’Urbanistica del Comune di Ferrara, Ing. Diego Brescianini, Investire SGR Spa, Arch. Alessandro Piaser, Alfaluda Srl, Arch. Stefano Matteoni, Polistudio – architecture & engineering, Arch. Romeo Farinella, Professore di Progettazione Urbana, Dip. di Architettura, Università di Ferrara.

Un momento di confronto e dibattito non solo su quanto fatto fino ad ora ma anche sulle prospettive future di questo brano di città.

L’intera giornata è stata inserita all’interno del Festival di Architettura “Rigenera – Fare con”, dieci giorni, dal 22 settembre al 1º ottobre, di laboratori, convegni, passeggiate urbane e incontri a Reggio Emilia, Piacenza, Parma, Modena, Bologna, Ferrara, Forlì Cesena, Rimini e Ravenna.

L’evento aperto alla cittadinanza, è proseguito con le visite guidate all’area di intervento, agli appartamenti, gli esercizi commerciali, alle aree verdi, che hanno arricchito la giornata di studio.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com