Attualità
10 Maggio 2022
Sono 341 le osservazioni pervenute al documento da parte dei portatori di interesse, 23 quelle accolte, 89 quelle recepite parzialmente

Ambiente. Verso l’approvazione del Piano regionale di gestione rifiuti e bonifica delle aree inquinate

di Redazione | 3 min

Leggi anche

Il Palio di Ferrara va a San Giovanni

Tanta attesa prima di partire, ma ancora una volta il palio ferrarese si conferma un appuntamento imperdibile e dalle mille emozioni. L'ultima gara del palio 2024 è una vera e propria bolgia. Dopo l'arrivo sulla pista dei fantini, si deve aspettare un'ora...

Palio. San Luca vince la corsa degli asini

Febbre da palio a Ferrara. Tantissimi presenti, curve caldissime e dalle ugole roventi: è tornato l'evento più atteso da tutti i ferraresi. Prima di iniziare, solita sfilata delle contrade dal centro a Piazza Ariostea, con banda e sbandieratori al seguito. Una festa per la città, una festa per tutti

Nuovo incontro Spal-tifosi: la Curva Ovest vuole chiarezza su deferimento e iscrizione

Ci sarà un nuovo incontro tra la tifoseria organizzata e la Spal. Lo comunica la Curva Ovest di Ferrara, che martedì 28 maggio alle ore 15, presso la Sala degli Arazzi in Municipo, incontrerà l’Amministrazione comunale e la società Spal "con lo scopo di raggiungere un accordo che possa garantire alla città di non perdere il marchio Spal"

Raccolta differenziata all’80%, riciclaggio al 66% e stop alla pianificazione di nuove discariche per i rifiuti urbani indifferenziati. Prosegue l’iter verso l’approvazione del Piano regionale di gestione rifiuti e bonifica delle aree inquinate 2022-2027. Ieri, 9 maggio, l’assessore all’Ambiente, Irene Priolo, ha fatto il punto in Commissione assembleare, prima di portare in Giunta le controdeduzioni delle osservazioni pervenute al documento da parte dei portatori di interesse.

Dopo l’adozione con delibera del 27 dicembre scorso e la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna del 29 dicembre 2021, sono seguiti il deposito della proposta del Piano e la raccolta delle osservazioni (su impianti, tariffa puntuale, recupero di materia, bonifiche, e così via) per 45 giorni, cioè fino al 12 febbraio 2022: 341 le osservazioni pervenute (da parte di 51 proponenti), un terzo di quelle fatte al precedente Piano. Sul totale, 72 sono ripetute; 23 quelle accolte, 89 accolte parzialmente, 81 ritenute non pertinenti, 148 respinte.

“Circa la metà delle osservazioni presentate sono state accolte, integralmente o parzialmente – spiega Priolo -. Questo dato mette in luce l’importanza dell’approccio partecipativo che la Regione sta seguendo nella definizione del Piano e che, in autunno, ha già visto un fondamentale momento di raccolta di proposte e idee attraverso i focus tematici rivolti ai portatori di interesse. Di fatto- prosegue l’assessore-, in seguito all’analisi delle osservazioni, si confermano tutti i principi strategici alla base della proposta dalla Giunta. Il nuovo Piano- conclude Priolo- è connotato da rilevanti innovazioni, dalle norme sulle bonifiche a quelle sui rifiuti da demolizione e ricostruzione: costituirà uno strumento fondamentale verso la transizione ad un’economia sempre più circolare, anche attraverso i rilevanti finanziamenti disponibili per il prossimo futuro”.

In particolare, la Regione può contare su fondi per 49 milioni dedicati a promuovere l’economia circolare, oltre 32 milioni e mezzo per la bonifica di siti inquinati e risorse destinate dal Pnrr alla gestione del ciclo dei rifiuti e all’impiantistica, ancora da assegnare da parte del Ministero per la transizione ecologica.

L’assessore ha analizzato le osservazioni pervenute, nei diversi ambiti. Confermati gli obiettivi fissati, primo fra tutti il raggiungimento dell’80% di raccolta differenziata al 2025, come stabilito dal Patto per il Lavoro e per il Clima, e il mantenimento di questo valore anche per le annualità 2026 e 2027. Per quanto riguarda il rifiuto urbano pro capite non inviato a riciclaggio, l’individuazione dell’obiettivo è pari a 120 kg. per abitante l’anno al 2027.

La tariffa puntuale rappresenta una delle azioni che entreranno nell’azione della Regione: già adottata da 90 Comuni e ispirata al principio comunitario “chi inquina paga”, è equa sia dal punto di vista ambientale che etico, perché ciascuno pagherà “per quanto butta”.

Dopo le controdeduzioni delle osservazioni pervenute e la proposta del Piano da parte della Giunta regionale all’Assemblea Legislativa, seguirà l’approvazione da parte dell’Assemblea stessa entro il mese di luglio.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com