Attualità
4 Aprile 2022
Balboni: "Il progetto ha accolto le istanze di tanti cittadini sensibili all'ambiente"

In città spuntano gli hotel per le api

di Redazione | 1 min

Leggi anche

I Satnam Singh di Ferrara

Da mercoledì non si parla altro che del bracciante di 31 anni morto in provincia di Latina: Satnam Singh, ma siamo così sicuri che quanto successo a Borgo Santa Maria non ci riguardi da vicino?

“Ti ammazzo e ti seppellisco in giardino”

"Ti ammazzo e ti seppellisco in giardino". Sarebbe questa, secondo la Procura, una delle minacce di morte che un 51enne ferrarese, finito a processo con l'accusa di maltrattamenti, avrebbe pronunciato nei confronti di una donna di 54 anni, che all'epoca dei fatti abitava insieme a lui, costringendola a una quotidianità di umiliazioni e asservimenti che l'avevano portata a perdere ogni dignità personale, distrutta da un clima irrespirabile che ne aveva reso intollerabile la loro convivenza familiare

Elette le nuove cariche di Anmil

Il 17 giugno 2024 nella sede provinciale di Anmil (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro) di Ferrara, associazione nata a livello nazionale nel 1943, sono state elette le cariche direttive alla presenza del reggente Antonio Ricci

“Microcosmi. Agenda 2030 Obiettivo Biodiversità: Bee hotel in città” è l’iniziativa, promosso dal Centro Idea del Comune di Ferrara, che si è svolta nel sottomura di Porta d’Amore, in fondo a via Porta d’Amore all’intersezione con via Baluardi.

Nel corso dell’appuntamento, che ha visto la partecipazione dell’assessore comunale all’Ambiente Alessandro Balboni, sono stati installati quattro “bee hotel”, veri e propri rifugi artificiali costruiti appositamente simulando i luoghi di nidificazione e di svernamento delle api e degli altri piccoli impollinatori per garantire loro un luogo di protezione.

“Questo progetto – spiega Balboni – ha accolto le istanze di tanti cittadini sensibili all’ambiente che hanno chiesto all’amministrazione di tutelare la biodiversità della nostra città. Difendere le orchidee selvatiche del sottomura, gli insetti impollinatori e tutte le piccole Oasi di biodiversità, è la dimostrazione di una inedità sensibilità da parte dell’amministrazione comunale, che si concretizza nell’uso degli sfalci in maniera oculata, concentrandoli dove necessario”.

Le casette sono state messe a disposizione di questi insetti, che sono essenziali per il mantenimento dell’equilibrio eco-ambientale e che non sempre riescono a trovare rifugi adeguati nei contesti urbani.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com