Spettacoli
23 Marzo 2022
In scena la cronaca nera dal punto di vista del vissuto e delle ossessioni di chi l'ha compiuta

Wo(man). In Sala Estense il monologo di Carmen Di Marzo

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Radio Deejay parla ferrarese col “Time Celebration”

Seconda serata col Ferrara Summer Festival quella di venerdì 21 giugno, quando piazza Trento Trieste si è trasformata in un luogo immerso nella musica senza tempo con il format Deejay Time Radio Celebration - prima tappa del tour estivo a Ferrara - di Radio Deejay...

Venerdì 21 giugno inizia “Un fiume di Musica”

Venerdì 21 giugno parte la nona edizione di Un Fiume di Musica con il concerto di Winsto Blues alle ore 21 al Molo Wunderkammer e la presentazione letteraria del libro di Roberto Caselli “La storia della Black Music” alle ore 18:30 presso l’aula Magna “Stefano...

Con un testo liberamente ispirato alla storia di Joanna Dennehy, serial killer inglese rea di avere ucciso diversi suoi compagni, va in scena venerdì sera alle 20.30, alla Sala Estense, Wo(man), con Carmen Di Marzo (accesso gratuito).

Cinquanta minuti di monologo crudo, seppure a tratti empatico, che racconta la cronaca nera dal punto di vista del vissuto e delle ossessioni di chi l’ha compiuta, quindi senza il pregiudizio che ne accompagna spesso la narrazione. Un tema che chiama in causa l’informazione e come la stessa tratta il disagio psichico, anche in casi meno esasperati.

L’arte diventa occasione per una riflessione su un tema tanto delicato quanto stigmatizzato, attorno a cui si confronteranno giornalisti e medici. Nella fattispecie: Fabrizio Binacchi, direttore Rai Emilia Romagna, Luigi Grassi, direttore del Dipartimento di Neuroscienze e Riabilitazione Unife, Pasquale De Bonis, direttore del Dipartimento di Neurochirurgia Unife, Camilla Ghedini, giornalista e scrittrice. Modera Cristiano Bendin, responsabile redazione Ferrara-Il Resto del Carlino.

Un doppio evento, condotto dalla comunicatrice Arianna Ruzza, dal duplice obiettivo. “Lanciare in città una forma di mecenatismo, di cui la cultura ha oggi più che mai bisogno, unendo diversi mondi, che devono parlarsi e parlare alla comunità, perché non sono a sé stanti”, sostengono i fautori della rappresentazione, ossia Paolo Govoni, nel ruolo di imprenditore, e Ghedini, che lo hanno sostenuto con le rispettive attività (Impresa Govoni e Ufficio Stampa @ Comunicazione) e ricordare che “il disagio psichico non riguarda solo chi ne è affetto, ma ha risvolti sociali ed economici non trascurabili”.

Di qui la collaborazione con Csv Terrestensi, che come conferma la vice presidente, Laura Roncagli, “in collaborazione con l’Ausl, Comune  ed enti del terzo settore, ha attivato significativi progetti di sostegno per  persone e famiglie e crede molto  nel valore della divulgazione”. L’evento, di cui il dibattito rientra tra i seminari di formazione dell’Ordine dei Giornalisti, è patrocinato da Comune e Lions Diamanti, presenti con l’assessora Cristina Coletti e la presidente, Anna Quarzi. Inizio tassativo, 20.30. Per venire incontro alle esigenze di chi teme il Covid, diverse file della platea e del palco saranno trattate con le norme del distanziamento sociale, seppure non più obbligatorie.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com