Cronaca
8 Febbraio 2022
La Corte d'Assise di Bologna ha condannato M'hamed Chamekh: per lui anche quattro mesi di isolamento diurno

Femminicidio di Atika Gharib: ergastolo per l’ex compagno

di Redazione | 2 min

Leggi anche

Ombre nere su Ferrara, a marzo gli interrogatori delle Fiamme Oro

Saranno interrogati nella giornata di martedì 5 marzo i due rugbisti delle Fiamme Oro, il gruppo sportivo della Polizia di Stato, scappati prima dell'arrivo della pattuglia all'interno del ristorante di via Carlo Mayr dove, lo scorso 22 dicembre, una festa di compleanno 'in maschera' tra amici è degenerata tra cori inneggianti a Mussolini e Hitler e la distribuzione di volantini beceri e di pessimo gusto

Processo Bergamini. “Segni sulla gola compatibili con un trauma”

È stata la professoressa ordinaria di medicina legale a Pisa, Emanuela Turillazzi, l'unica testimone chiamata ieri (23 febbraio) a deporre davanti alla Corte d’Assise di Cosenza, durante il processo a carico di Isabella Internò, unica imputata per la morte di Denis Bergamini

Rivolta all’Arginone. Trentasette detenuti a processo

Trentasette persone, all'epoca dei fatti tutte detenute a Ferrara, sono finite a processo con l'accusa a vario titolo di danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, incendio e lesioni aggravate per la rivolta nel carcere di via Arginone, avvenuta durante i primi giorni dell'emergenza Coronavirus, quando le misure restrittive imposte per contrastare il diffondersi della pandemia, tra cui il divieto di visite dei parenti, furono il pretesto per accendere gli animi dei ristretti nei penitenziari di tutta Italia

Furti a Malborghetto, stretta della Polizia di Stato

La questura fa notare la costante attività di prevenzione e presenza sul territorio che "ha l'obiettivo - afferma una nota di Palazzo Camerini - di assicurare e mantenere le condizioni di autentica tranquillità pubblica, riducendo la percezione di insicurezza dei cittadini"

M’Hamed Chamekh e Atika Gharib

Ergastolo con isolamento diurno per quattro mesi per M’hamed Chamekh per aver ucciso l’ex compagna Atika Gharib e cercato di far scomparire il cadavere, dando fuoco al casolare dove le aveva tolto la vita soffocandola.

È la decisione della Corte d’Assise di Bologna, presieduta dal giudice Domenico Pasquariello, a carico del 42enne marocchino che il 2 settembre del 2019 ha ucciso in un casolare di Castello d’Argile, in provincia di Bologna, la sua connazionale di 32 anni, che viveva a Ferrara.

I periti del tribunale avevano confermato che Chameck, che soffre di disturbi psichiatrici, era probabilmente capace d’intendere e di volere quando uccise Gharib ed è capace di stare in giudizio

Al termine della loro requisitoria, la procuratrice aggiunta Lucia Russo e il pm Tommaso Pierini, avevano chiesto l’ergastolo con isolamento diurno di tre mesi. La Corte ha stabilito inoltre una serie di risarcimenti per le parti civili: 150mila euro di provvisionale per ciascuna delle due figlie della donna, 20mila euro per i fratelli e le sorelle, e 100mila euro per i genitori, 20mila euro anche per l’Udi, Unione donne italiane.

I familiari delle 32enne erano assistiti dall’avvocata Marina Prosperi che commenta: “Finalmente si è conclusa questa vicenda che nell’agosto 2019 ha visto tutta una serie di malfunzionamenti della macchina preposta alla sicurezza e prevenzione di eventi di questo genere e non ha protetto la signor Atika”. Il riferimento è agli episodi di stalking subiti dalla donna per i quali è pendente un processo a Ferrara. Un plauso però l’avvocato lo riserva alla procura felsinea che “ha svolto un ottimo lavoro e sostenuto in modo assolutamente congruo una richiesta di pena altissima. Al tempo stesso, la Corte ha ritenuto, e di ciò sono molto soddisfatta, il fatto talmente efferato che la condanna va al di sopra della richiesta della procura, di fatto stigmatizzando l’intollerabilità di questi comportamenti e la necessaria repressione da parte della società della violenza alle donne e in particolare, in questo caso, verso la signora Atika”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com